Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

UniTrento, presentato il nuovo presidente del cda Finocchiaro: “Onorato di questo ruolo”

Pubblicato

-

Daniele Finocchiaro, nominato nei giorni scorsi dalla Provincia autonoma di Trento presidente del Consiglio di amministrazione dell’Ateneo, oggi in occasione della sua prima seduta, ha incontrato i media in Rettorato, a Palazzo Sardagna.

Tra le dichiarazioni, ha detto: «Sono onorato di essere stato chiamato a ricoprire un ruolo così di prestigio all’interno di una realtà accademica di eccellenza, uno degli atenei più dinamici ai vertici delle classifiche na zionali per qualità della didattica e della ricerca».

Il presidente Daniele Finocchiaro, che resterà in carica sei anni, subentra a Innocenzo Cipolletta, che ha concluso il suo mandato lo scorso luglio.

PubblicitàPubblicità

Finocchiaro ha commentato: «Inizio questa avventura con grande entusiasmo in continuità con chi mi ha preceduto, ma cercando di portare il mio contributo di esperienza maturata nella gestione di organizzazioni complesse e delle politiche di ricerca».

Finocchiaro col rettore Paolo Collini

Un messaggio di benvenuto e un augurio di buon lavoro è stato espresso dal rettore Paolo Collini e dal direttore generale Alex Pellacani a nome dell’intera comunità accademica.

Il debutto pubblico ufficiale del nuovo presidente sarà alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico che si terrà il prossimo 14 novembre alle 17.30 nell’auditorium di Palazzo Paolo Prodi.

La nomina di Finocchiaro

La nomina del presidente e di un membro del Consiglio di amministrazione dell’Università di Trento, in base a quanto previsto dallo Statuto dell’Ateneo (articolo 8) è avvenuta il 12 ottobre con delibera della giunta provinciale. Daniele Finocchiaro è stato scelto dalla Provincia autonoma di Trento come presidente dopo il parere positivo espresso dal Comitato per le nomine, che ha ritenuto Finocchiaro «in possesso di elevate doti di professionalità e conoscenza del sistema universitario e della ricerca a livello nazionale e internazionale, con specifica qualificazione scientifica e culturale, nonché adeguata competenza ed esperienza nella direzione di rilevanti strutture di istituzioni o enti, pubblici o privati» e il parere favorevole della competente commissione del Consiglio provinciale.

 

Nota biografica di Daniele Finocchiaro

Daniele Finocchiaro, 51 anni, è presidente del Gruppo tecnico ricerca e innovazione di Confindustria e componente del Comitato di presidenza allargato. Laureato in Economia internazionale all’Università Bocconi di Milano, ha conseguito un master in Economia sanitaria all’Università di Tor Vergata a Roma e ha trascorso 12 mesi alla J. Nehru University di Nuova Delhi per studi sulla pianificazione dello sviluppo economico dell’India.

Ha maturato la sua esperienza professionale nel settore farmaceutico fino a rivestire il ruolo di presidente e amministratore delegato di GlaxoSmithKline spa. Il suo percorso professionale nell’ambito dell’industria farmaceutica inizia in GlaxoSmithKline nel 1998 in comunicazione e relazioni istituzionali. Nel 2002 entra in Farmindustria, dove assume la responsabilità per l’area rapporti istituzionali, per ritornare poi in GSK nel 2003 a guidare gli Affari istituzionali e comunicazione e, in seguito, a dirigere la Business Unit Vaccini. Mantenendo i precedenti incarichi, assume il ruolo di vice presidente commerciale, prima di occupare nel 2012 l’incarico di vertice in Italia.

In qualità di presidente, amministratore delegato e direttore generale di GlaxoSmithKline Spa ha avuto piena responsabilità sulle attività di 800 persone e su un fatturato di 700 milioni di euro, mentre in qualità di presidente del Country Executive Board ha coordinato le attività di otto società: un centro ricerche di eccellenza mondiale, tre stabilimenti produttivi e varie società commerciali con oltre 5mila persone e 1.700 milioni di fatturato.

Tra i ruoli internazionali all’interno del gruppo, è stato componente dei Team Globale vaccini, respiratorio e malattie infiammatorie/infettive e dello European Leadership Team.

Nel 2010 ha seguito la dismissione del Centro Ricerche di Verona attivo nell’area delle Neuroscienze, salvaguardando le competenze professionali dei circa 500 ricercatori attraverso un accordo innovativo e di successo.

Nel 2014 lancia in Italia un nuovo modello di ricerca collaborativa tra impresa del farmaco e accademia, DPAC – Discovery Partnerships with Academia – con l’obiettivo di tradurre la ricerca innovativa delle università in farmaci innovativi per il paziente.

Nel 2015 ha gestito l’acquisizione di Novartis Vaccini che ha riguardato il centro ricerche e i due stabilimenti produttivi di Siena con oltre 3mila collaboratori coinvolti.

Nel 2016 grazie all’alleanza con Telethon e San Raffaele viene autorizzata in Europa la prima terapia genica con cellule staminali ex vivo al mondo. Un’alleanza per il trattamento di patologie rare, siglata nel 2010, emblema di un paradigma di ricerca collaborativa avviato in Italia, ma di portata mondiale.

Ha ricoperto diversi incarichi al vertice delle principali associazioni di settore – Vice presidente Farmindustria e vice presidente Confindustria Verona, presidente della sezione Chimico farmaceutica di Confindustria Verona.

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

Nuova aula didattica: così la lezione è partecipazione

Pubblicato

-

Presentata al Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento la nuova aula per la didattica partecipativa

Otto tavoli da sei posti con equipaggiamento hi-tech per favorire la scrittura collaborativa di documenti, la condivisione facilitata di materiale multimediale e la realizzazione di moduli di insegnamento innovativi

La sensazione è di entrare in una sala operativa con otto squadre al lavoro che condividono con il leader, in tempo reale, istruzioni e materiale. Il clima stimola lo spirito di gruppo.

PubblicitàPubblicità

L’obiettivo è favorire l’interazione e valorizzare il contributo di ognuno.

La sala operativa, in realtà, è la nuova aula per la didattica partecipativa, dove studenti e studentesse del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento hanno la possibilità di fare lezione in modo innovativo

L’aula è stata presentata questo pomeriggio a Palazzo Piomarta.

Sono intervenuti il rettore dell’Ateneo, Paolo Collini, e la prorettrice alla didattica, Paola Iamiceli, oltre alla direttrice del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive, Paola Venuti.

Si è detto che lo spazio è stato realizzato nel corso del 2018 con la finalità di migliorare l’interazione tra docente e classe e favorire l’attività in gruppi di lavoro.

L’aula – si è ricordato – s’inserisce in un percorso di incremento della qualità della didattica, verso il quale il Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive ha sempre dimostrato particolare attenzione. È seguita la dimostrazione della strumentazione presente in aula attraverso una demo.

L’aula per la didattica partecipativa è uno spazio orientato all’utilizzo di risorse multimediali e alla possibilità di condividere i contenuti tra docente e classe.

L’allestimento, sia tecnico sia logistico, rende agevoli attività di gruppo quali, ad esempio, la visione di filmati, la scrittura collaborativa di documenti in tempo reale o l’analisi di dati complessi, consentendo di progettare e realizzare diverse tipologie di esperienze didattiche innovative.

Con otto tavoli di sei posti ciascuno e una postazione docente, è indicata per ospitare classi di medie dimensioni. L’equipaggiamento è hi-tech: ogni tavolo è dotato di un display di grande dimensione, un minicomputer adatto per l’utilizzo di programmi complessi, un sistema di distribuzione dell’audio in cuffia (una per partecipante) ed è predisposto per la connessione dei computer portatili personali (nell’ottica del principio “BYOD – Bring Your Own Device”).

Tastiere e mouse senza fili favoriscono lo scambio del minicomputer tra partecipanti. Accensione, spegnimento, regolazione volume e altri comandi di base sono gestiti tramite un tastierino per tavolo.

Il/la docente ha a disposizione, inoltre, strumenti software per gestire l’interazione con le otto postazioni dei gruppi.

Ad esempio può condividere una presentazione (propria o di uno dei gruppi), inviare/ricevere file, mostrare una pagina web, bloccare temporaneamente l’attività dei gruppi.

In fase di realizzazione è stata posta una particolare attenzione all’efficienza dei collegamenti in rete, sia su cavo sia wireless, in modo da ottenere le migliori prestazioni possibili soprattutto per la fruizione delle risorse multimediali.

L’aula per la didattica partecipativa, a Palazzo Piomarta, è usata dagli studenti e dalle studentesse dei quattro corsi di laurea del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive e sarà a disposizione, fuori orario delle lezioni, per corsi di formazione e aggiornamenti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Senato accademico: eletti Deflorian e Macchi, Sciortino e Pascuzzi

Pubblicato

-

È stata una competizione elettorale partecipata e combattuta quella che si è svolta oggi per il Senato accademico dell’Università di Trento, mandato 2019/2022

Per l’area delle scienze sociali, umane e giuridiche il risultato è arrivato sul filo di lana con l’elezione di Giuseppe Sciortino e, con uno scarto di soli dieci voti, di Giovanni Pascuzzi, che avendo ottenuto la parità rispetto al collega Andrea Giorgi, ha prevalso per l’anzianità nel ruolo, come previsto dal Regolamento generale di Ateneo.

Distribuzione dei voti polarizzata, invece, per l’area tecnico-scientifica, dove sono stati eletti Flavio Deflorian e Paolo Macchi<

Pubblicità
Pubblicità

I quattro professori, che rappresentano la parte elettiva del Senato, saranno in carica dal primo aprile. I risultati saranno validati nei prossimi giorni dalla commissione elettorale centrale.

Per Deflorian (Dipartimento di Ingegneria industriale) è un ritorno in Senato. Secondo mandato per Macchi (Dipartimento Cibio), Pascuzzi (Facoltà di Giurisprudenza) e Sciortino (Dipartimento di Sociologia e Ricerca sociale). Riccardo Zandonini, al quale era stato assegnato l’incarico di prorettore vicario, lascia il Senato perché non era più rieleggibile.

La prima convocazione del Senato con la nuova composizione si terrà il 10 aprile

Senato accademico: funzioni e composizione

Il Senato accademico è l’organo di governo scientifico e didattico dell’Ateneo.

Collabora con il rettore nell’azione di indirizzo, programmazione e coordinamento delle attività didattiche e di ricerca dell’Università e, tenuto conto delle proposte delle singole strutture di Ateneo, nella definizione dei piani scientifici e didattici e nella loro attuazione, nell’allocazione delle risorse e nel reclutamento del personale docente e di ricerca

I quattro professori eletti si troveranno a operare assieme a chi siede nel Senato accademico per nomina del rettore: Giuseppina Orlandini (Dipartimento di Fisica), Paola Iamiceli (Facoltà di Giurisprudenza, che è anche prorettrice alla didattica) e Andrea Pugliese (Dipartimento di Matematica), in carica fino a marzo 2021.

Il mandato nel Senato accademico dura tre anni ed è rinnovabile una sola volta sia per la componente elettiva sia per la parte designata dal rettore.

Del Senato accademico fanno parte lo stesso rettore Paolo Collini e – nelle sedute in cui si trattano tematiche relative alla didattica, al diritto allo studio e ai servizi per gli studenti – due rappresentanti della comunità studentesca. Attualmente sono Caterina Guitti e Masseo Purgato, in carica fino a ottobre 2020.

Dettagli sulle elezioni

I quattro professori ordinari sono stati eletti dal personale docente (professori e professoresse di ruolo, ricercatori

e ricercatrici di ruolo e ricercatori e ricercatrici a tempo determinato). Ai seggi si sono presentati in 498 su 602 aventi diritto (83%).

Per l’area tecnico-scientifica i votanti sono stati 258 su 323 aventi diritto (80%): Deflorian è stato eletto con 122 voti e Macchi con 80.

Per l’area si era candidato anche Tubino che ha raccolto 50 voti. Per l’area delle scienze sociali, umane e giuridiche le persone votanti sono state 240 su 279 (86%): a Sciortino sono andati 85 voti, 75 sia a Giorgi sia a Pascuzzi. Sono stati quindi eletti Sciortino e Pascuzzi (che, nella situazione di parità con Giorgi, ha prevalso per l’anzianità nel ruolo, come previsto dal Regolamento generale di Ateneo).

I seggi sono stati aperti oggi, dalle 9 alle 17, a Trento (Facoltà di Giurisprudenza), Povo (Polo Ferrari 1) e Rovereto (Palazzo Fedrigotti).

I candidati al Senato accademico erano stati assegnati a due diverse liste in corrispondenza delle diverse aree scientifiche dell’Ateneo. 

Ogni docente poteva esprimere un solo voto per un candidato della propria area.

I sette dipartimenti afferenti all’area tecnico-scientifica sono: Fisica; Ingegneria civile, ambientale e meccanica; Ingegneria e Scienza dell’Informazione; Ingegneria industriale; Matematica; Psicologia e Scienze cognitive; Cibio. All’area delle scienze sociali, umane e giuridiche vengono ricondotti, invece, gli altri quattro: Economia e Management; Lettere e Filosofia; Sociologia e Ricerca sociale; Giurisprudenza.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Un Ateneo “green”: le proposte di UniTrento. Domani dalle 9.30 nell’ambito della Green Week

Pubblicato

-

In occasione della Green Week 2019 torna domani all’Università di Trento la Giornata della sostenibilità ambientale.

Ideata dall’Ateneo lo scorso anno su proposta del delegato del rettore Marco Ragazzi, la Giornata è un’occasione per condividere con la cittadinanza l’impegno della comunità universitaria nella didattica e nella ricerca sui temi del rispetto dell’ambiente, della responsabilità sociale, della valorizzazione delle energie rinnovabili e delle risorse naturali.

La Giornata prenderà il via alle 9.30 nell’aula 1 di Palazzo Prodi (via Tomaso Gar 14) con un focus sulle esperienze di ricerca e sostenibilità ambientale condotte in alcuni laboratori dell’Ateneo, dai consumi energetici degli edifici, alla meteorologia e al comfort negli ambienti indoor. Si parlerà poi della rete delle università per lo sviluppo sostenibile (di cui anche Trento fa parte), la prima esperienza di coordinamento e condivisione nata su iniziativa della Conferenza dei rettori delle università italiane per diffondere la cultura e le buone pratiche di sostenibilità.

Pubblicità
Pubblicità

Formazione, applicazione e partecipazione alla sostenibilità saranno in seguito le parole chiave attorno a cui si svilupperà il confronto durante la Giornata.

Saranno illustrati i progetti formativi dell’Ateneo sul tema della sostenibilità (tirocini e tesi di laurea), le applicazioni dirette di scelte sostenibili all’interno dell’Ateneo e alcune iniziative avanzate da associazioni di studenti e studentesse di UniTrento.

In questa occasione, a partire dalle 16.30 saranno anche esposte, discusse ma anche raccolte varie proposte di sostenibilità ambientale della comunità UniTrento (in parte già arrivate all’indirizzo dedicato unitrento-sostenibile@unitn.it). Le proposte potranno entrare a fare parte integrante del nuovo Piano di sostenibilità ambientale, una volta verificata la sostenibilità.

Il programma della seconda Giornata della sostenibilità ambientale di UniTrento è disponibile online all’indirizzo: www.unitn.it/giornata-sostenibilita-ambientale-2019

Il Piano di sostenibilità ambientale – La riflessione durante la Giornata avrà come punto di riferimento il Piano di sostenibilità ambientale adottato dall’Università di Trento nel 2016. Il Piano è declinato attorno a quattro macroaree di intervento: “Emissioni, energia e risorse naturali”, “Edifici e procedure”, “Cultura e insegnamento”, “Salute e benessere” che, a loro volta, mirano al raggiungimento di 14 obiettivi specifici. Si tratta di un primo tentativo di ricondurre, in un unico documento e piano di intervento, le tante iniziative nate spontaneamente e cresciute nei primi anni di avvio del progetto.

L’obiettivo è quello di mostrare come la combinazione di ricerca, conoscenze scientifiche, buone pratiche e azioni mirate di comunicazione possa portare a ridurre sensibilmente gli sprechi, a produrre meno rifiuti, a controllare meglio l’impatto sulla salute e le emissioni di gas serra e alle attività direttamente o indirettamente connesse con quelle istituzionali. Un circolo virtuoso che l’Ateneo vuole attivare, anche grazie a un forte processo partecipativo, per generare nuove iniziative verso obiettivi di sviluppo sempre più sostenibili.

Obiettivo: un’università sostenibile – Ma cosa si intende per “Università sostenibile”? Lo si capisce leggendo la definizione data dalla Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile (RUS): «È un ateneo che sceglie di investire in politiche ambientali e socio-economiche volte alla razionalizzazione dei consumi di risorse ed energia e alla minimizzazione degli sprechi, alla riduzione della produzione dei rifiuti e ad una loro corretta gestione, al miglioramento delle condizioni di salute, di benessere e di lavoro di tutti i membri della community, alla sensibilizzazione della community sull’importanza di attuare comportamenti responsabili in ambito ambientale, sociale ed economico. Non solo: un’università sostenibile ha l’ambizione di essere da esempio per altre pubbliche amministrazioni e per la società, sfruttando le competenze in tema di ricerca e trasferimento delle conoscenze acquisite».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza