Connect with us
Pubblicità

Cui Prodest

«Un giorno di regno», l’epoca Meo e il futuro di Verdi

Pubblicato

-

Si sa che tra Busseto e Parma non ci s’intende a dismisura.

Ma anche tra Verdi e Busseto è stata la stessa cosa.

Questione di psicologia della Bassa.

Pubblicità
Pubblicità

Sotto il livello del mare la pressione porta problemi di carattere, e la dialettica artistica e impresariale, con tutte le sue acute sensibilità, certo non sopporta facilmente queste turbolenze.

E Busseto è strategica per il brand Verdi.

Oramai che la Fondazione Regio è potenza globale, con i successi conseguiti dalla direzione artistica (e manageriale!) di Anna Maria Meo, assistita in particolare dalla lucida preparazione di Paolo Maier, specialista accorato di comunicazione, ma anche dell’opera e del teatro, oramai che il Regio ha costruito una solida fortificazione intorno a Verdi, una specie di Linea Maginot, è proprio a Busseto che si gioca la partita finale per un lungo ciclo di padronanza del Cigno (“di Busseto”, come è conosciuto nel mondo).

Pubblicità
Pubblicità

Non voglio sembrare interessato, data la mia passione per il bussetano Museo Nazionale Giuseppe Verdi (che meglio sarebbe da intendere come “Museo Globale dell’Opera Verdiana”), una creatura che potrebbe stare in qualunque grande città del mondo occidentalizzato, ove sarebbe visitato da una processione continua di melomani e cultori della civiltà musicale.

Non voglio ricordare, che, nel mondo del terzo millennio si fanno progetti di sviluppo economico turistico con contenuti (o addirittura pretesti) culturali d’ogni tipo, e che la differenza di “cadenza linguistica” tra Parma e Busseto è cosa da sorridere.

Non voglio allarmare, dicendo che non si possono lasciare indietro, sull’onda dell’indiscusso successo, debolezze strategiche…

E dunque, non vedendo contrapposizioni significative, se non di risibile entità, tra la capitale del Ducato e la capitale della Bassa parmense, dico che Busseto va incorporata con vigore nella strategia verdiana in pugno alla Fondazione.

Che la Linea Maginot, stupenda quanto la muraglia cinese, lasci aperta una finestra dalla parte del supposto amico Belgio (Busseto), è davvero un errore.

Che può essere gravissimo.

E non, attenzione, per Busseto, che invece, come il Belgio, temendo il vicino francese, rischia di beccarsi il vicino tedesco, ma per il grande e vittorioso lavoro condotto finora per la Fondazione dalla acutissima e coraggiosa guida di Anna Maria Meo.

Lasciare il fianco scoperto non è della sua grande classe.

Una che sa rischiare col mercato (la raccolta dei biglietti all’estero nell’epoca della sua gestione è la prova della sua intelligenza di business), una che sa capire la grandissima importanza della comunicazione (nelle mani dell’ottimo Maier), una che è capace di misurarsi con registi cavalli pazzi come Bob Wilson rischiando di farsi male ma se la gioca e in fondo forse la vince pure, facendo un sacco di spettacolo (teatro, no?), una che si aggira con la padronanza di una pantera nobilissima e brillante tra le platee dei suoi teatri, emanando luce d’intelligenza schietta, una che è stata capace di costruire quasi esclusivamente con le sue qualità una Linea Maginot, facendo conoscere praticamente da sola nel mondo la grandezza della Fondazione Regio…

Che “una così” accetti di avere scoperto il fianco (Busseto), io non ci credo!

Sfidi, Anna Maria Meo, i limiti della sua Maginot, come Verdi ha sfidato Rossini in “Un giorno di Regno”!

Deve impuntarsi.

Deve conquistare Busseto e attribuire finalmente Verdi alla sua patria parmense per almeno 10 lustri.

Così passerà alla storia, e non solo alla storia verdiana e parmense, alla storia della civiltà occidentale, di cui il Cigno è come pochi, emblema.

Perché solo così, nelle sue mani, i terreni bussetani della cultura saranno più… Verdi, perché la Fondazione, con lei, saprà coltivarli meglio di chiunque altro.

E quindi non “Un (altro, seppur splendido, nella cornice del prezioso teatro bussetano, equilibratissimo, musica voci scene, si nota la mano regale del Maestro Pizzi) Giorno di Regno”, ma venti anni di Regno per lei, se riuscirà a conquistare, come ha già fatto con tutti noi, la città natale del Maestro. Prima che ci arrivi qualcun altro, e che “di là” si rivendichi un’autonomia pericolosissima. Mille armate possono ancora aggirare la Linea Maginot, e appropriarsi di Parigi (Verdi).

E sarebbe un vero, enorme peccato!

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La ferrovia panoramica tra i colori dell’autunno: in viaggio con il Treno del Foliage
    Come ogni anno la natura in autunno torna a proiettare uno dei suoi migliori film, riempiendo e infiammando scorci panoramici con i caldi colori tipici di questa affascinante stagione. Uno dei modi migliori per riscoprire e vivere l’autunno e i suoi colori è la magica esperienza del viaggio lento regalato dai finestrini dell’incredibile Treno del […]
  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]

Categorie

di tendenza