Connect with us
Pubblicità

Trento

Trento, nessun episodio razzista. Conferma anche la polizia

Pubblicato

-

Arriva anche dalla Questura di Trento la conferma della bufala riguardante l’episodio di razzismo su Flixbus.

Una notizia generata dalla “denuncia” su Facebook di una ragazza che poi si è scoperto essere stata probabilmente spinta da un movente politico.

Sul profilo Facebook sono scoppiate ovviamente polemiche infuocate ed è stato oscurato, forse temporaneamente.

Pubblicità
Pubblicità

I media però hanno colto al volo un’occasione ghiotta per fare notizia e hanno creduto alla versione del racconto a sfondo razziale attraverso pagine di giornali e siti internet che hanno diffuso il racconto per tre giorni.

Naturalmente anche i media nazionali hanno fatto da cassa di risonanza, compreso Repubblica come si può vedere.

Ma gli agenti della polizia erano sul posto e assicurano che non è andata così e un po’ alla volta è emersa la verità.

Il ragazzo nigeriano, il presunto offeso in lacrime, ha semplicemente preso atto delle spiegazioni dell’autista che gli indicava che il suo biglietto non era valido per il posto in cui avrebbe voluto sedersi.

Il giovane africano, avendo difficoltà con la lingua italiana, ha semplicemente avuto bisogno di un po’ di tempo per capire cosa gli veniva comunicato.

Nessun razzismo, nessuna accusa di essere di colore diverso o di puzzare come ha riferito qualcuno.

La polizia ha precisato che l’episodio è stato smentito decisamente dai testimoni. Per quanto riguarda le telecamere la Questura non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione

Inoltre, non è la prima volta a Trento, come nel resto del paese, che girano storie inventate di razzismo.

Qualche tempo fa, infatti, era stato raccontato un episodio avvenuto su una pista ciclabile dove una persona è stata importunata ma non sono state affatto rivolte frasi o altre offese di stampo razzista.

Leggendo i giornali sembra che Trento sia diventata una città razzista, ma non lo è secondo le forze dell’ordine.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Texa Diagnosis Contest: premiati Davide Fumanelli e Nicolò Malesardi di CFP ENAIP 

Pubblicato

-

Mercoledì 8 maggio si è svolta l’undicesima edizione del «Texa Diagnosis Contest», unica competizione italiana riservata agli aspiranti meccatronici organizzata da Texa presso l’headquarter di Monastier di Treviso.

Anche quest’anno il CFP ENAIP di Villazzano, con la sezione autoriparatori, ha partecipato alla competizione, ottenendo ottimi risultati.

Le fasi preliminari di preparazione al contest hanno coinvolto nel corso dell’ano scolastico tutta la classe 4° Tecnico Riparatore di Veicoli a Motore che ha poi individuato due delegati perché scendessero in campo a confrontarsi con altri studenti provenienti da tutta Italia.

PubblicitàPubblicità

Davide Fumanelli e Nicolò Malesardi hanno conseguito:  il premio come migliore prestazione all’oscilloscopio e il secondo posto nella classifica dei centri di formazione professionale

Il Texa Diagnosis Contest quest’anno ha visto la partecipazione di 26 studenti, accompagnati dagli insegnanti, provenienti da 4 Centri di Formazione Professionale e 9 Istituti Professionali Statali presenti sul territorio nazionale, aderenti al programma sociale e formativo TEXAEDU Academy.

Le coppie in gara si sono sfidate su sette prove a tempo, sia teoriche che pratiche, per dimostrare la perfetta conoscenza e padronanza di tutti gli aspetti legati all’elettronica applicata ai moderni veicoli, anche attraverso l’utilizzo di strumenti come multimetri ed oscilloscopi oppure effettuando un’analisi dei gas di scarico di un motoveicolo.

Dopo la brillante vittoria dello scorso anno, con il primo premio assoluto, il CFP Enaip di Villazzano conferma l’elevato standard della propria offerta formativa, con il piazzamento al secondo posto della manifestazione 2019.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Continuano le balle spaziali de ildolomiti.it. Pianesi ossessionato dal nostro giornale

Pubblicato

-

Continuano le balle spaziali de «Ildolomiti.it» il giornale dei centri sociali e di quel che rimane della sinistra trentina.

Pianesi, il suo direttore, ormai completamente ossessionato dalla nostra testata, pur di difendere l’ex assessore Michele Dallapiccola e il progetto «life ursus», che ormai è un totale fallimento, s’inventa una fake news per tentare di far emergere una fake news che invece non lo è.

Ieri il nostro giornale ha pubblicato un video dove erano visibili dei cuccioli di orso spaesati senza la loro mamma che sostavano sulla carreggiata della strada che porta da Dorsino a Molveno 

Pubblicità
Pubblicità

Ma non solo, ormai travisato dal rancore e dall’odio e fuori controllo, probabilmente per non essere mai venuto in possesso del video, Pianesi confonde un verbo al condizionale come fosse quasi un imperativo.

E allora ecco che il buon Pianesi fa diventare un «potrebbe essere morta» con un «è morta»

Nel video non si vede la mamma orsa, che è stata rintracciata dai forestali più tardi, è per questo che quindi era ipotizzabile che potesse essere morta.

Una ipotesi plausibile quindi, nulla di più.

Anche perché di solito difficilmente una mamma lascia soli i suoi piccoli.

La vera notizia che il fenomeno Pianesi doveva mettere in evidenza (messa solo in fondo) è che i colpevoli del trambusto avvenuto sulla provinciale erano in effetti quelle persone che per farsi qualche selfie o fotografia con gli orsetti, hanno fermato le macchine in mezzo alla strada, paralizzando il traffico e creando del pericolo.

E ancora. Le 35 persone corse sul posto è vero non erano tutti forestali, ma anche vigili del fuoco. Pensate un po’ lo scoop di Luca Pianesi…

A distanza di una sola settimana quindi ecco un’altra balla spaziale de «ildolomiti», questa, rispetto all’altra (qui articolo) non costerà nessuna denuncia a Pianesi, ma solo una brutta figura.

Nessuna fake news quindi da parte del nostro giornale. Un video vero, una situazione successa veramente e solo la verità su quanto successo. 

Intanto riproponiamo il video degli orsetti, che comunque fa tenerezza.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Incidente in via Degasperi, cappotta un’automobile

Pubblicato

-

L’allerta è scattata alle 16.30 di oggi pomeriggio sabato 18 maggio.

In via Degasperi a Trento due autovetture si sono scontrate ed una di queste è finita con le ruote per aria.

Nell’incidente sono stati coinvolte due persone, una 43 enne e un 59 enne che sono stati ricoverati al santa Chiara di Trento ma senza ferite gravi.

PubblicitàPubblicità

 Sul posto sono intervenuti due ambulanze e i vigili del fuoco di Trento.

La polizia Locale, giunta sul luogo dell’incidente, dovrà ora ricostruire la dinamica dell’incidente e le eventuali responsabilità.

Vista la scena poteva anche andare peggio.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza