Connect with us
Pubblicità

Trento

Per «Ossigeno per l’informazione» contro Taverna e la Voce del Trentino intimidazioni e minacce

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Ossigeno per l’informazione“, lo speciale organismo, voluto dalla Federazione Nazionale della Stampa e dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti, con il compito di osservatorio nazionale per la difesa del diritto di cronaca e della libertà di stampa, cita tra gli ultimi casi di intimidazione e di minacce nei confronti dei giornalisti, la querela della dottoressa Livia Ferrario, dirigente generale della Provincia, nei confronti dell’ex direttore Claudio Taverna, reo di aver pubblicato, come direttore responsabile de “La Voce del Trentino“, una dichiarazione del consigliere Claudio Cia sul “commissariamento” della scuola trentina.

Anche il consigliere Cia era stato querelato dalla Ferrario per diffamazione.

Il fatto ancor più strano è che soltanto la Voce del Trentino, tra i numerosi media che avevano pubblicato la dichiarazione di Cia, fosse stato denunciato.

La sentenza di assoluzione degli imputati Cia e Taverna dello scorso 21 settembre perché il fatto non costituisce reato ha reso giustizia alle persone e al nostro quotidiano on line.

Tuttavia, la vicenda dimostra come l’uso politico della querela è un atto strumentale di intimidazione e di minaccia che “Ossigeno per l’informazione” ha ritenuto una «ingiustificabile violazione della libertà di espressione e di stampa» (1) (2).

«Mi auguro, quindi, – dichiara Claudio Taverna – che per i futuro l’Ordine del Giornalisti del Trentino Alto Adige si adegui all’indirizzo nazionale, purtroppo, disatteso anche in passato, quando i vertici di Trentino Trasporti mi chiesero risarcimenti esorbitanti per l’inchiesta che condussi sulla vicenda del “bus all’idrogeno” (3), per la quale, fui chiamato a “testimoniare” agli Stati Generali contro le Mafie (4), che si svolsero a Milano il 23 e 24 novembre dello scorso anno alla presenza delle massime autorità dello Stato».

Pubblicità
Pubblicità

Infine, Taverna precisa che: «la mia denuncia non è volta a creare un “caso personale“, ma è decisamente diretta all’Ordine dei Giornalisti del Trentino Alto Adige affinché non resti più silente e inattivo: la libertà di espressione e di stampa è un diritto universalmente riconosciuto e va difeso con energia contro chiunque lo voglia conculcare,  anche alle nostre latitudini».

Dopo la sentenza di assoluzione l’editore Roberto Conci ha annunciato la richiesta danni nei confronti di Livia Ferrario e la Provincia autonoma di Trento a guida Ugo Rossi per 500 mila euro.

(1) Ossigeno per l’informazione

(2) Ossigeno per l’informazione

(3sentenza della Corte di Appello di Trento

(4) Il direttore Claudio Taverna agli Stati Generali contro le mafie

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 giorni fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento4 settimane fa

Dramma a Trento: ricercatrice muore a 42 anni per un malore improvviso

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragedia di Capodanno: è morta la 25 enne roveretana Valentina Vallenari Benedetti, troppo gravi le ferite riportate nell’incidente lo scorso 31 dicembre

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto2 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Offerte lavoro3 giorni fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

economia e finanza3 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento1 settimana fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento2 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento3 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Trento4 settimane fa

Arrivano i saldi invernali: ecco quando inizieranno

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza