Connect with us
Pubblicità

motori

Destinazione Pilota – il giorno delle selezioni: finalmente in pista

Pubblicato

-

Vittorio Veneto, nove della mattina, le Clio della scuderia Michael Racing stanno scaldando i motori, il borbottio sordo attira l’attenzione dei partecipanti alla prima edizione di Destinazione Pilota, che aspettano di poter provare l’emozione di salire a bordo.

Prima però di potersi mettere al volante li aspetta la sessione di teoria, perché Destinazione Pilota non è solo una giornata per “giocare con le macchine“, ma una vera e propria porta d’ingresso al mondo delle corse e state pur certi che c’è sempre da imparare, in macchina come in aula.

Bolfelli e Valentini tengono la teoria, partendo dall’impostazione di guida: com’è corretto tenere il volante, la posizione di guida e da qui si passa a studiare la mappa della pista, spiegando esattamente, curva per curva, dove e come affrontare sia le curve che gli esercizi di guida, dallo slalom alle chicane strette, tutti esercizi che fanno capire come questa giornata sia impostata non tanto per vedere chi è più veloce, ma chi ha una miglior controllo del mezzo, sia d’istinto che dopo le spiegazioni e i consigli del pilota istruttore al suo fianco.

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine della teoria si legge negli occhi dei partecipanti la voglia di mettersi al volante, ma prima di provare quelle emozioni li aspetta il test teorico, un momento necessario, proprio perché non è un gioco, ma una giornata di formazione prima di tutto, non solo per chi punta a fare di questo il suo sport, ma anche per chi vuole capire meglio cosa voglia dire guidare, farlo in sicurezza, farlo meglio.

Ospite speciale è stato il pilota che seguirà come “tutor” i piloti durante le gare di salita: Christian Merli, campione Europeo e campione Italiano di velocità salita, che ha salutato tutti, ricordando come, quando iniziò lui, non c’erano possibilità di questo tipo, ci si doveva ingegnare per poter noleggiare o comprare la macchina per poter gareggiare, ma senza istruttori, senza trofei a basso costo, ma ben studiati, come il Trofeo Clio Michael Raging.

Le prove pratiche, vista la grande affluenza, si sono protratte per tutta la mattinata fin oltre l’ora di pranzo, con gli istruttori impegnati a seguire e valutare tutti i partecipanti che si sono impegnati al massimo e che sempre, tolto il casco, sfoderavano quel sorriso e quella luce negli occhi che ti fanno capire quanta passione e quanta gioia c’erano in loro.

Dopo la pausa pranzo la Michael Racing ha dato l’occasione a tutti i partecipanti di poter godere a pieno della pista, organizzando una serie di turni sul tracciato, sgomberato da birilli e chicane provvisorie, per dare libero sfogo alla potenza delle macchine, ma sempre con un istruttore a bordo, di modo che fosse comunque un momento propedeutico.

Pubblicità
Pubblicità

Parlando di istruttori, abbiamo approfittato della disponibilità di uno di loro: Francesco Gonzo, giovane trentino promessa del rally, che ha iniziato la sua carriera proprio da una manifestazione simile a Destinazione Pilota, due anni fa su questo stesso circuito.

Francesco, ora sei istruttore, ma sappiamo che hai iniziato proprio come i ragazzi che oggi hai portato in pista, ce ne puoi parlare?

Infatti, ho iniziato proprio qui, su questa pista, con le stesse persone che stanno lavorando qui oggi e ti dirò che quando stamattina siamo arrivati al circuito e ho visto la macchina con la quale due anni fa ho vinto il concorso che ha iniziato la mia carriera, non ho resistito: ho chiesto di poter salire su quella. Sicuramente è stata una bella emezione, mi da rivivere le stesse meravigliose sensazioni di due anni fa, ma con altrettanta voglia di crescere e imparare, anche se sono istruttore, imparare qualcosa di nuovo è sempre importante e sicuramente questa è una bella esperienza.

Parlaci un po’ dei partecipanti che hai accompagnato in pista in questa esperienza.

Devo dire che alcuni avevano già una buona base, dalla traiettoria di curva, la frenata e l’impostazione generale al volante, altri un po’ meno, ma comunque con molta voglia di imparare e di fare bene.

Purtroppo l’errore più comune è stato quello dell’uso delle mani sul volante, troppo abituati a una guida stradale, con tutti i limiti e i pericoli che si portano dietro le brutte abitudini, come incrociare le braccia, o usare una sola mano. Comunque ci vuole esperienza e questa si fa con il tempo, andando il più possibile in macchina in un certo modo e in una giornata come questa non ci si può aspettare che si cambino certe abitudini, seppur scorrette, in pochi giri di pista.

A questo proposito, tu hai vinto un concorso simile a questo, ma che ti ha proiettato molto velocemente a livelli di competizione molto alti, quale il Campionato Italiano WRC, quale credi che sia meglio come percorso, quello veloce come il tuo, o quello più “lento”, ma graduale come quello di Destinazione Pilota?

Secondo me per chi vuole iniziare è la cosa migliore, perché comunque si parla di investimenti di tempo e di denaro sicuramente più accessibili rispetto ad un campionato WRC come è stato per me, questo perché se non avessi avuto la fortuna di avere alcuni sponsor, primo fra tutti la mia famiglia, non sarebbe stato possibile fare il percorso che ho fatto, come sempre in questo ambiente. Mentre un progetto triennale come quello di Destinazione Pilota è un modo per entrare gradualmente nel mondo delle corse, soprattutto perché circondati da professionisti che sono nel settore da molti anni e hanno l’esperienza per aiutare nel migliore dei modi e anche la macchina, la Clio, è un’ottima scelta per imparare bene e gradualmente.

Con Christian Merli, nell’intervista che gli abbiamo fatto, si parlava appunto delle macchine per iniziare, del fatto che troppo spesso c’è chi parte subito con macchine molto potenti e performanti, ma che non è in grado di utilizzare veramente al limite, come pensi che influisca nel processo di apprendimento la macchina giusta?

Innanzitutto c’è da dire che qui alla Michael Racing conoscono da anni la Clio con la quale stiamo correndo oggi e con le quali si corre il trofeo, ne conoscono ogni bullone e quella macchina per loro non ha segreti. Questo fa la differenza nel momento in cui pensiamo al fatto che una macchina affidabile è sicuramente il primo requisito per poter imparare: è inutile avere una macchina potente, ma che poi non è mai al suo meglio o peggio non va proprio.

Certo non è una R2, la classe più indicata per chi vuole inserirsi velocemente tra i migliori piloti a livello giovanile in Italia, ma torniamo al discorso dei costi: con una classe R2 sicuramente il budget necessario per correre è molto più elevato rispetto alla Clio, quindi si, pur essendo meno performante, la Clio rimane la scelta migliore per chi vuole iniziare, per chi vuole imparare e vi assicuro che quando si è in grado di portare al limite questa macchina, si può tranquillamente pensare di competere seriamente anche nella classe R2, con la differenza che il percorso di apprendimento lo si è fatto ad un costo di molto inferiore.

L’evento è finito, la classifica prenderà forma nei prossimi giorni, quando tutti i risultati, dalle valutazioni in macchina dei piloti istruttori, ai quiz scritti relativi alla teoria, verranno inseriti in un sistema di graduatoria che darà i risultati finali. Destinazione Pilota non è una gara, dove il cronometro o la posizione in pista allo sventolare della bandiera a scacchi decretano un vincitore, è una vera e propria selezione di talenti, che quindi deve considerare molti fattori.

Uno dei concetti più sottolineati dai piloti istruttori con cui abbiamo parlato è stato appunto che non guardavano tanto chi “correva di più“, magari a scapito della precisione di guida, ma chi ascoltava, imparava e applicava maggiormente i loro consigli.

Alla fine della giornata, con il rombo delle macchine ancora nelle orecchie, lasciamo Vittorio Veneto, particolarmente impressionati da questo progetto, sentendoci anche noi, seppur solamente “cronisti“, un po’ parte di questa famiglia, una famiglia non di sangue, ma di passione, che ci rende tutti uguali, che ci porta a sognare e, speriamo per alcuni, addirittura di poter coronare quel sogno: diventare un pilota.

Pubblicità
Pubblicità

motori

Harley Davidson: nasce la prima moto elettrica a Milwaukee

Pubblicato

-

Il marchio della casa motociclistica, fondata a Milwaukee nel 1903, è diventato un’icona del motociclismo.

E che piaccia o no, la conoscono tutti. Nell’arco della sua storia, Harley Davidson, ha alternato momenti di gloria con momenti di crisi, ma da oltre un ventennio è stabilmente uno dei marchi più importanti del circuito motociclistico.

Fornitore delle motociclette dell’esercito americano da oltre un secolo, la società ha cambiato padrone svariate volte per poi tornare saldamente nelle mani degli eredi di uno dei due fondatori nei primi anni 80 dopo una parentesi, anche italiana, che ha comunque fruttato 4 titoli iridati nel Campionato del Mondo Velocità 250cc e 350cc.

PubblicitàPubblicità

Tutti vinti con l’italianissimo Walter Villa, “il Reverendo” per gli appassionati. Oggi la HD è un colosso che esporta in tutto il mondo e produce oltre 100.000 esemplari all’anno fatturando quasi 2mld di dollari.

Alcuni modelli della casa americana sono in produzione da mezzo secolo, rimarcando l’attaccamento del marchio alle motociclette che l’hanno resa famosa nel dopo guerra e nel periodo degli anni 60/70.

Non c’è solo Easy Rider nell’immaginario collettivo, ma musica e cinema hanno fantasticato molto sulle linee dei chopper a stelle e strisce di Milwaukee. Ma HD non è solo mito, leggenda, e rumore dello storico bicilindrico.

Dopo una flessione avuta nel 2017, i vertici dell’azienda hanno suonato la carica ed hanno messo in pista alcuni modelli molto aggressivi, inserito l’alimentazione elettronica e aumentato la qualità del prodotto.

Pubblicità
Pubblicità

Ad oggi, HD è sinonimo di eleganza, e le motociclette hanno prezzi decisamente impegnativi. Ma non per questo, la casa madre, ha abbandonato il suo vecchio mercato, quello delle bande cittadine, ma ha solo messo ordine ad un fenomeno che la stava travolgendo.

Le bande non esistono più, ma esistono i “chapter” che fanno riferimento alla concessionaria di zona. In questo modo, Harley Davidson, ha regolato un mercato che gli stava sfuggendo di mano a favore delle meno onerose ed eleganti giapponesi. Ma la storia e la qualità si pagano; poche ciance.

Stabilizzato il mercato attuale e regolarizzato quello storico, adesso Harley Davidson vuole allargare i propri orizzonti e mette in pista quattro nuove proposte che verranno commercializzate tra il 2020 e il 2021.

Una nuova creatura dalla linea sportiva e con la cilindrata inferiore a 1000cc si chiamerà Streetfighter ed avrà delle forme completamente diverse, il raffreddamento a liquido e punterà dritta al mercato delle naked.

Poi ci sarà una custom da 1250cc, candidata a diventare la “muscolosa” di categoria. Ma le grandi novità derivano dal nuovo modello PanAmerica 1250. Più di una semplice scommessa per la casa americana e più di una garanzia per gli amanti del settore.

Si tratta di una “touring” che andrà ad insediare la leadership della BMW GS. La PanAmerica e una moto stradale concepita per un mercato nuovo che HD vuole aggredire nel migliore dei modi. E non con un prototipo, ma con una belva ricca di identità propria, in perfetto stile Harley.

E poi? Poi HD vuole mettere le mani anche sul futuro ed ecco spuntare la moto elettrica. Un vero siluro a due ruote, capace di progredire da 0 a 100Km/h in meno di 3 secondi. Ben più veloce di una Ferrari, per rendere l’idea.

Sarà dura per la casa di Milwaukee far digerire agli “harleysti” puri un motore così silenzioso e potente, ma siamo sicuri, che dopo una iniziale timidezza, anche il più convinto bicilindrista, apprezzerà il passo verso il futuro fatto dallo storico marchio americano. Abbiamo già visto commenti del tipo: Ma dove vuoi andare con quel trapano?

Perché devo mettere il sedere su un microonde? Mi immagino la partenza al semaforo: io con la 883 e su quella elettrica chi c’è? La Barbie? Nulla di tutto ciò è più falso.

Abbiamo visto la HD elettrica alla prova ed è una bomba a due ruote.Quindi, come diceva l’ex pilota e commentatore televisivo Nico Cereghini: «Casco allacciato, fari accesi anche di giorno e prudenza; sempre!»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

motori

Mercato auto, tempo di bilanci: frenano le vendite, crescono i noleggi

Pubblicato

-

Nel 2019 il mercato delle auto ha confermato il trend già visto in passato, ovvero quello fatto di alti e bassi che ha interessato le vendite sia del nuovo che delle vetture di seconda mano.

È vero che in alcuni mesi del 2019 ci sono stati aumenti che hanno fatto sperare in una risalita, ma i rari momenti positivi sono stati azzerati da altrettanti cali e percentuali decisamente negative.

Andiamo ad approfondire i dati per poi soffermarci sul settore del noleggio a lungo termine.

Pubblicità
Pubblicità

I DATI DEL MERCATO VENDITE AUTO – Il mercato europeo delle auto nel 2019 si rivela in piena stagnazione, nonostante il balzo in avanti del +4.9% verificatosi ad ottobre. Uno scenario pienamente compatibile con la situazione internazionale, che risente sia di un’economia debole, sia delle campagne di demonizzazione delle motorizzazioni diesel, considerate eccessivamente inquinanti.

Intanto tardano ad arrivare sul mercato delle alternative accettabili, sia come versatilità che come economicità, e i dubbi sulla scelta di un’auto sostitutiva soffocano il mercato delle auto nuove. Ciò non vuol dire che le vendite delle altre motorizzazioni non stiano crescendo, ma le percentuali non sono ancora sufficienti a rimpiazzare le poche vendite di auto del tipo a combustione e a far ripartire il mercato.

Un mercato che in Europa si rivela a doppia trazione, trascinato soprattutto dalla Germania, che è l’unica a crescere rispetto al 2018. Tengono invece, nonostante il calo, il Regno Unito, la Francia, l’Italia e la Spagna. Non va meglio nel resto del globo e a soffrirne di più sono le nazioni che basano buona parte della propria economia su questo settore, come la Germania che ha subito il calo degli altri mercati esteri.

CRESCE INVECE IL NOLEGGIO A LUNGO TERMINE – Con un mercato ancora privo di una direzione certa chi ha la necessità di cambiare auto, spesso, preferisce scegliere la soluzione del noleggio, e i numeri di Dataforce confermano questa tendenza. I dati del nolo a lungo termine di novembre riportano un incremento del 48,84%, dopo un ottobre con un +39,97% e un settembre al +37,7%, che porta il 2019 a registrare 262.000 contratti NLT in più rispetto al 2018.

Pubblicità
Pubblicità

In sintesi, si parla di una crescita del 6,87% alla quale si contrappone un calo di -1,79% del comparto dei veicoli commerciali. Oggi infatti anche per i privati diventa più semplice trovare delle offerte vantaggiose per il noleggio a lungo termine, su carplanner.com sono presenti diversi modelli, dalle city car alle berline.

Gli ultimi dati dimostrano dunque come le cose stiano davvero cambiando, il noleggio è sempre più spesso la soluzione più comoda per molti automobilisti che hanno la necessità di cambiare l’auto. Una soluzione che aiuta in maniera significativa ad affrontare la necessità sempre più impellente di rinnovare il parco auto circolante, attualmente troppo vecchio e inquinante.

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

motori

Karting, sul podio il giovane Adriano Fiore di Trento

Pubblicato

-

Il giovane trentino Adriano Fiore, classe 97, conquista al suo debutto nelle gare titolate un 3° posto nel campionato Karting Triveneto Upn 2019!

Un bel traguardo per uno sport in grande sviluppo, dove sono importanti la precisione, la concentrazione unite alla passione e continui allenamenti.

Adriano è visibilmente molto soddisfatto, si premura nel ringraziare la squadra corse Ep Racing per l’assistenza, il supporto constante ed il materiale fornito.

Pubblicità
Pubblicità

Il suo ringraziamento sentito va anche ai familiari che lo hanno sostenuto.

I kart sono costituiti essenzialmente da un telaio tubolare in acciaio, privo di sospensioni e da un motore di piccola cilindrata, raggiungono però velocità sostenute che richiedono prontezza di riflessi ed elevata capacità di concentrazione.

Una differenziazione fra vari tipi di kart può essere fatta in base al motore: 4 tempi, 2 tempi 100 cm³ racing, 2 tempi 125 cm³ racing famiglia KF, 2 tempi 125 cm³ famiglia KZ e 125 cm³ famiglia TAG.  Il kart nacque ufficialmente nel 1956 grazie ad Art Ingels, un tecnico della Kurtis Kraft che assemblando dei materiali delle corse con un motore di falciatrice costruì un veicolo a motore per il divertimento del figlio. Passione per i motori che si tramanda tra generazioni.

Il karting è spesso propedeutico alla carriera da pilota automobilistico nelle categoria superiori.

Pubblicità
Pubblicità

Infatti molti dei grandi piloti di Formula 1 (Michael Schumacher (CRG e Tony Kart), Ayrton Senna (DAP), Alain Prost, Fernando Alonso (MW – Rakama Mike Wilson), Kimi Räikkönen (Gillard), Lewis Hamilton (CRG e Parolin), Giancarlo Fisichella (PCR), Jarno Trulli (All Kart – Tony Kart), Jenson Button (Tecno), sono stati kartisti di livello internazionale e utilizzano i go-kart per l’ allenamento.

Tuttavia lo sport motoristico è sempre più costoso, questo implica grossi sacrifici economici per i piloti, le spese sono molte per partecipare a tutto un campionato sportivo e senza sponsor per i giovani è quasi impossibile riuscire a fare emergere il loro talento.

Confida  quindi nella generosità di qualche azienda locale che volesse aiutare un giovane talento trentino per la prossima stagione 2020, con sponsorizzazioni e gadget per garantire prestigio e visibilità dei marchi locali, assicurate da una presenza assidua ed impegnata a tutte le gare .

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza