Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Pellegrini è la regina del Festival: “Dopo il ritiro voglio una famiglia”

Pubblicato

-

Federica Pellegrini assediata dai fan (foto Alfonso Norelli)

“La più grande atleta italiana di tutti i tempi”. Così Andrea Monti, direttore della Gazzetta dello Sport introduce Federica Pellegrini sul palco del Festival dello Sport di Trento.

Ed è inutile girarci intorno: se c’è una sportiva super vincente e capace di far parlare allo stesso fuori dalle piscine è la “divina”.

Il palco dell’Auditorium Santa Chiara è stato teatro di una lunga intervista – gioco (con sorpresa finale) nella quale Fede si trova perfettamente a suo agio.

Pubblicità
Pubblicità

Si parte dai tatuaggi: “Ne ho 10 credo, il più importante è l’araba fenice, simbolo della mia rinascita dopo la sconfitta”.

Federica Pellegrini, foto Alfonso Norelli

Federica non è sentimentale quando pensa allo sport e alle sue vittorie: “Difficile decidere, non ho mai pianto di gioia. Credo che la più importante sia stata un anno e mezzo fa a Budapest contro un’avversaria più giovane e quotata di me”. 

Il tema record, filo conduttore del Festival è importante per lei: “Ci tenevo al record del mondo di Franziska Van Almsick, era il mio modello e volevo che fosse mio”.

Federica Pellegrini, foto Alfonso Norelli

Federica Pellegrini, foto Alfonso Norelli

Naturalmente, tutti vogliono sapere della vita privata e allora il direttore Monti propone una carrellata di uomini, di ricerche Google (dove la domanda preferita è il fidanzato) e perfino un intervistatore misterioso dalla voce camuffata.

Gli uomini più importanti per Federica: “Mio padre è la voce razionale della famiglia. Giovanni Malagò mi è stato vicino nel momento più difficile della carriera. Luca Marin una delle grandi storie di amore, durata 3 anni e mezzo. Magnini, un’altra lunga storia di 5 anni, non c’è niente che non sappiate, sui giornali è uscito di tutto. Oggi abbiamo preso strade diverse. Lucas, il mio allenatore francese, mi faceva sentire fiduciosa. Giorgio Armani, un uomo che dà grande ispirazione, eleganza e stile intramontabile”.

Federica Pellegrini, foto Alfonso Norelli

E poi c’è il suo ex allenatore, Alberto Castagnetti, venuto a mancare quando Federica aveva ancora 21: “A lui ho dedicato l’ultimo record che mi mancava, è stato un omaggio perché so che lo avrebbe voluto”.

Ma come sono stati i primi 30 anni di Federica Pellegrini? “Intensi, belli, interessanti. Tra un anno e mezzo smetterò e comincerà una nuova vita”.

“Il futuro? Voglio trovare l’uomo della mia vita e fare una famiglia”.

Federica Pellegrini, foto Alfonso Norelli

Pubblicità
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Festival dello Sport: 50 mila spettatori e centinaia di migliaia di visitatori a Trento

Pubblicato

-

Una delle tante code per vedere i campioni dal vivo

E’ stato davvero il festival del record, grazie all’impressionante sfilata di campioni di tutte le specialità arrivati dal mondo intero: dall’11 al 14 ottobre Il Festival dello Sport ha portato a Trento oltre 200 ospiti che hanno preso parte a 130 appuntamenti, tutti gratuiti, che per quattro giorni hanno elettrizzato la città con uno spettacolo non stop.

Qui il nostro speciale dedicato agli eventi con tante esclusive. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Calcio, Riccardo Cucchi: “Giovani cronisti tendono a essere protagonisti”

Pubblicato

-

Voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” fino all’anno scorso, Riccardo Cucchi, giornalista, conduttore e radiocronista, ha presentato oggi il suo libro “Radiogol”, dove ripercorre quarant’anni di imprese memorabili: la finale mondiale di Berlino 2006, vinta dall’Italia, la conquista della Champions League da parte dell’Inter, l’ultimo scudetto della Roma nel 2001, il “filotto” degli scudetti juventini, assieme a racconti di incontri, interviste, momenti significativi della sua lunga carriera. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Mennea ha il suo erede, Filippo Tortu: «Per me non è un record, è semplicemente il mio miglior tempo»

Pubblicato

-

Lo scorso 22 giugno a Madrid con 9’’99 ha battuto il record di Pietro Mennea, di 10’’01, che resisteva dal 1979. Filippo Tortu, vent’anni, è il nome nuovo e il nome forte dell’atletica italiana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza