Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Mennea ha il suo erede, Filippo Tortu: «Per me non è un record, è semplicemente il mio miglior tempo»

Pubblicato

-

Lo scorso 22 giugno a Madrid con 9’’99 ha battuto il record di Pietro Mennea, di 10’’01, che resisteva dal 1979. Filippo Tortu, vent’anni, è il nome nuovo e il nome forte dell’atletica italiana.

Che però vuole volare basso, almeno per ora. «Per me non è un record. È semplicemente il mio miglior tempo personale. La mia vita continua normale».

Il velocista di Barletta, scomparso 5 anni fa a 61 anni, oro a Mosca nel 1980 nei 200 metri piani, e il giovane milanese di padre sardo (che è anche il suo allenatore) sono stati i protagonisti del filo ideale che ha annodato quarant’anni e più di storia dell’atletica italiana.

Pubblicità
Pubblicità

Sul palco del Festival la moglie di Mennea, Manuela Olivieri: «Ho conosciuto Pietro quando aveva già smesso di fare l’atleta. Forse non sarebbe stato facile stargli accanto quando correva. Si applicava su tutto, Nello studio, nella professione, come nello sport. Dove era meticolosissimo. Viveva molto concentrato, come un frate trappista. Nelle sue agende annotava giornalmente i suoi carichi di lavoro sempre più pesanti e sorprendentemente alla data del record di 19’’72 nei 200 a Città del Messico nel 1979, scrisse solo: ore 15.20 – 19’’72».

«Di Mennea mi piace quanto ha fatto da atleta, naturalmente – ha osservato il giovane Tortu – ma anche ciò che ha fatto oltre l’atletica. La sua eredità non è un macigno ma un traino. L’ho incontrato in Sardegna ma ero piccolo».

«Mennea fece ripetere in modo inflessibile gli allenamenti dell’altro mio figlio, Giacomo, il maggiore» ha ricordato con nostalgia e ironia Salvino Tortu, padre di Filippo.

Al Festival dello Sport, per ricordare Mennea, c’era anche uno dei suoi più grandi rivali, il giamaicano Don Quarrie.

E c’erano anche i suoi compagni di staffetta ai mondiali di Helsinki del 1983. Stefano Tilli ricorda: «Eravamo compatti, carichi. Io avevo l’emozione di portare la staffetta a un campione come Mennea».

E il compagno Carlo Simionato ha aggiunto: «Eravamo quattro caratteri diversi, Pietro era il nostro faro e noi non volevamo deluderlo».

Il professor Antonio La Torre, neo commissario tecnico dell’Italia dell’atletica, ha spiegato con i numeri la forza di Tortu come erede di Mennea: «Al mondo ci sono 137 atleti scesi sotto i 10’’ nei 100 metri. Ma solo 13 hanno fatto registrare questo tempo a soli vent’anni. E Filippo è tra di loro. Oltre ad avere caratteristiche perfette per eccellere nei 200».

Pubblicità
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Festival dello Sport: 50 mila spettatori e centinaia di migliaia di visitatori a Trento

Pubblicato

-

Una delle tante code per vedere i campioni dal vivo

E’ stato davvero il festival del record, grazie all’impressionante sfilata di campioni di tutte le specialità arrivati dal mondo intero: dall’11 al 14 ottobre Il Festival dello Sport ha portato a Trento oltre 200 ospiti che hanno preso parte a 130 appuntamenti, tutti gratuiti, che per quattro giorni hanno elettrizzato la città con uno spettacolo non stop.

Qui il nostro speciale dedicato agli eventi con tante esclusive. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Calcio, Riccardo Cucchi: “Giovani cronisti tendono a essere protagonisti”

Pubblicato

-

Voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” fino all’anno scorso, Riccardo Cucchi, giornalista, conduttore e radiocronista, ha presentato oggi il suo libro “Radiogol”, dove ripercorre quarant’anni di imprese memorabili: la finale mondiale di Berlino 2006, vinta dall’Italia, la conquista della Champions League da parte dell’Inter, l’ultimo scudetto della Roma nel 2001, il “filotto” degli scudetti juventini, assieme a racconti di incontri, interviste, momenti significativi della sua lunga carriera. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Sacchi, Ancelotti e Guardiola incantano il Santa Chiara. Pep: «Futuro in Italia? Perché no»

Pubblicato

-

Sacchi, Ancelotti, Guardiola. Nomi che fanno venire i brividi. Tre mostri sacri, tre allenatori che hanno scritto la storia del pallone.

Tre condottieri che hanno rivoluzionato il gioco del calcio e lo hanno rimodellato, plasmato, costruito a propria immagine e somiglianza.

Seguendo ognuno le proprie idee, così geniali e così vincenti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza