Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Max Biaggi: «Solo i campioni corrono sempre per la vittoria»

Pubblicato

-

Max Biaggi è un campione generoso, vicino alla gente, simpatico e mai banale.

E il pubblico del Festival dello Sport di Trento lo ha celebrato nell’incontro di questo pomeriggio, affollando gli splendidi saloni di Palazzo Geremia. “Solo i campioni – ha esordito Max Biaggi – corrono per vincere, sono ossessionati dalla vittoria perché è l’unica cosa che ti ripaga di tutto il lavoro e i sacrifici. In quindici anni di carriera non ho mai fatto una vacanza durante la stagione. Quando non vinci, soffri e cerchi il modo per rialzarti, ma non sempre è possibile”.

Max Biaggi ha fatto parlare di sé anche fuori dalle piste, grazie alle sue donne, belle e famose:  da Anna falchi, alla ex miss Italia Eleonora Pedron, due figli con lei, alla cantante Bianca Atzei.Finita la gara – ha detto il campione – ho sempre voluto tornare a casa il più presto possibile perché sentivo il bisogno di staccare e riposare in un ambiente tutto mio”.

Pubblicità
Pubblicità

Un pensiero, il grande Max la rivolge anche a Romano Fenati e al suo sciagurato gesto in gara a Misano: “Ha fatto una cosa terribile pinzando il freno a Stefano Manzi ma è stato un gesto intimidatorio. Non voleva farlo cadere. Credo che Romano abbia gestito male la sua collera ma lui deve avere un’altra occasione di riscatto”.

Nella sua carriera, Max Biaggi ha sempre dato tutto, creando i suoi capolavori in pista, grazie a classe e grinta.

Per lui parla il palmares:  6 titoli mondiali vinti tra la 250 e la Superbike, di cui l’ultimo a 41 anni. Nella 250 nessuno ha fatto come lui: 215 gran premi, 42 vittorie, salendo sul podio ben 111 volte.

Nella classe regina ha dovuto fare i conti con altri due miti del motociclismo: Mick Doohan e Valentino Rossi. Quando si è dedicato alla Superbike, Max ha lasciato la sua traccia: in questa categoria ha disputato 159 gare, ha collezionato altre vittorie (21) e podi (71).

Molti dei successi, Max li ha colti in sella ad una Aprilia:E’ un po’ la mia seconda casa. Con la scuderia italiana ho iniziato a correre e, dopo vent’anni, sempre in sella ad un’Aprilia ho smesso. E’ un orgoglio correre con una moto italiana”.

Così come tutto italiano è stato il duello e la rivalità con Valentino Rossi: “Lui è il pilota che ha vinto più di tutti ed è riuscito nell’impresa di vincere moltissimo. Le nostre sfidano erano speciali perché era l’italia che correva sulle moto. In quel periodo c’erano anche Capirossi ed altri piloti che rappresentavano al meglio la nostra scuola”.

Eppure lui, a differenza di altri, è salito tardi su una moto: “Avevo 18 anni quando ho cominciato e subito sono andato forte, tanto che due anni dopo vincevo il mio primo mondiale. Prima giocavo a calcio. Forse questa è la ragione che mi ha fatto godere appieno anche la seconda parte della mia carriera, centrando il podio in Superbike a oltre 44 anni. E’ stata una delle più grandi emozioni della mia carriera”.

La sua vittoria più bella rimane Suzuka, nella stagione di esordio in classe 500. “Gareggiavo in un team privato e avevo voglia di mettermi in luce. Durante la stagione continuavo a crescere e in Giappone centrai una vittoria straordinaria”.

In pista non si è mai risparmiato, collezionando – come accade a tutti i campioni di ogni epoca – sconfitte e qualche brutto incidente. “Il rischio lo puoi calcolare al millimetro, puoi organizzarlo ma a volte non basta nemmeno quello. Cadi e tutto è cancellato”, ricorda.

Una volta abbandonate le corse da professionista, Biaggi ha continuato ad andare in moto, fino al giugno dello scorso anno, quando sulla pista del Sagittario, in provincia di Latina, subì l’incidente che avrebbe potuto costargli la vita: “Mi stavo allenando con la moto da Supermotard, insieme ad altri due piloti, quando sono caduto. Una volta che smetti con il professionismo perdi quegli automatismi che ti tirano fuori anche dalle situazione più difficili ”.

Aveva il 20 per cento di possibilità di sopravvivere quando tentarono l’operazione.

Alla fine hanno vinto Max e la sua voglia di vita. Ma in quel letto di ospedale ha capito che era arrivato il momento di appendere tuta e casco al chiodo e godersi al sua famiglia. Il suo rammarico: “Ho fatto il doppio gioco con mio padre perché avevo promesso a lui di non salire più su una moto. Ma non gli non avevo detto che intendevo solo le moto da corsa. Dopo l’incidente ho fatto la promessa definitiva”.

Da quasi 20 anni vive a Montecarlo con i suoi due figli e la nuova compagna, anche se non ha mai dimenticato Roma, la sua città natale: “Tornarci quasi da turista, la scopri meravigliosa. Ma la mia vita è a Montecarlo, meno caotica e più tranquilla di Roma. Trascorro le mie giornate in modo più disteso, portando avanti i miei nuovi progetti. Quando correvo, mi alzavo con obiettivo che mi accompagnava per tutto la giornata, fino a quando mi addormentavo. Sono un uomo felice e cerco di godermi i miei due figli”.

I bambini non hanno nemmeno la bicicletta e quando chiedono a papà delle moto e immaginano anche per loro quel mondo fatto di velocità ed adrenalina, Max risponde: “Dai ragazzi, non scherziamo…”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]
  • Regno Unito: dal 2035 vietata la vendita di auto diesel e benzina
    Il settore delle auto elettriche è nella sua piena espansione, sebbene le quote di mercato rimangono ancora a livelli inconsistenti. Infatti, i principali costruttori stanno investendo cifre immense per crescere ulteriormente ed accompagnare la produzione verso uno sviluppo ed un acquisto di massa. Il problema delle emissioni derivanti dalle automobili, è stato preso di petto […]

Categorie

di tendenza