Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Fondriest e Paternoster: passato, presente e futuro del ciclismo per le vie della città

Pubblicato

-

Una pedalata domenicale molto diversa dal solito, quella che oggi pomeriggio ha coinvolto una ventina di appassionati.

A fare da apripista, infatti, niente meno che due campioni trentini del ciclismo: Maurizio Fondriest, la stella degli anni ’80 – ’90, e Letizia Paternoster, la promessa azzurra delle due ruote.

Partita da Piazza Dante, per dirigersi verso sud in direzione Mattarello e risalire poi lungo via Rosmini e attraversare Piazza Duomo, la piccola carovana di ciclisti di ogni età ha seguito Maurizio Fondriest e Letizia Paternoster per circa diciassette chilometri, accompagnata dagli applausi a bordo strada dei tanti partecipanti al Festival.

Pubblicità
Pubblicità

Un’occasione per i circa venti amanti della pedalata, per seguire più concretamente che mai le orme dei loro idoli.

In prima fila, infatti, due grandi stelle del ciclismo: Letizia Paternoster e Maurizio Fondriest. Appena diciannovenne, la Paternoster ha voluto raccontare, prima della partenza per il piccolo tour cittadino, le sue prime esperienze in bicicletta: «Avevo 5 anni, la prima volta che ho iniziato a gareggiare in bici. Ho provato ogni disciplina possibile sulle due ruote, dalla mtb, al pump truck, ma pista e strada restano i miei due grandi amori tra i quali non saprei mai scegliere; cerco semplicemente di dividermi tra loro, con un giusto equilibrio» – racconta.

Ma quali sono le più grandi soddisfazioni e i sogni di una ragazza che vince quasi tutto e che, solo nel 2017, si è portata a casa otto ori tra Europei e Mondiali, nonché il titolo europeo assoluto nel quartetto dell’inseguimento? «Il momento migliore del mio percorso atletico è stato la prima vittoria in maglia azzurra, è stato rappresentare l’Italia» – dichiara – «e in nome di quella sensazione dico a tutti i bambini presenti di tenere duro, se sognano un futuro nello sport, perché le difficoltà ci sono e sono tante, ma senza bassi non si arriva mai in alto. Il mio sogno, invece, continua ad essere, come per qualsiasi atleta al mondo, una vittoria alle Olimpiadi».

Cresciuta tra le file del team Cristoforetti Fondriest Anaune, Letizia è nata a Revò e cresciuta a Cles, proprio come il suo maestro, Maurizio Fondriest, che ironizza: «Oltre a noi, la Val di Non ha prodotto anche Moscon. Sembra quasi che la nostra valle sia nel tempo entrata in competizione con tutto il Trentino, per battere grandi nomi come Moser. Scherzi a parte, quando ho esordito io nel ciclismo, nel ’75, non esisteva nemmeno il primo giovanile; sicuramente l’investimento fatto nel settore è fondamentale per scovare nuovi campioni».

Pur avendo come anno di gloria il ’93, con i suoi 26 successi portati a casa, Fondriest festeggia quest’anno i 30 anni dalla vittoria del Mondiale, all’età di 23 anni: «Un anniversario che ho voluto celebrare andando a Santiago di Compostela e incentrando il mio viaggio sulla sicurezza stradale.  Sono infatti partito con 14 magliette di ragazzi, molti dei quali ciclisti, morti sulla strada a causa di incidenti e di autisti disattenti» – racconta.

Un percorso, quello della sensibilizzazione, che promette di proseguire in futuro, in parallelo all’attività di produzione di bici, «perché anche se l’agonismo non c’è più, il ciclismo è un mondo vasto che continua a darmi tanto e ad appassionarmi totalmente».

Pubblicità
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Festival dello Sport: 50 mila spettatori e centinaia di migliaia di visitatori a Trento

Pubblicato

-

Una delle tante code per vedere i campioni dal vivo

E’ stato davvero il festival del record, grazie all’impressionante sfilata di campioni di tutte le specialità arrivati dal mondo intero: dall’11 al 14 ottobre Il Festival dello Sport ha portato a Trento oltre 200 ospiti che hanno preso parte a 130 appuntamenti, tutti gratuiti, che per quattro giorni hanno elettrizzato la città con uno spettacolo non stop.

Qui il nostro speciale dedicato agli eventi con tante esclusive. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Calcio, Riccardo Cucchi: “Giovani cronisti tendono a essere protagonisti”

Pubblicato

-

Voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” fino all’anno scorso, Riccardo Cucchi, giornalista, conduttore e radiocronista, ha presentato oggi il suo libro “Radiogol”, dove ripercorre quarant’anni di imprese memorabili: la finale mondiale di Berlino 2006, vinta dall’Italia, la conquista della Champions League da parte dell’Inter, l’ultimo scudetto della Roma nel 2001, il “filotto” degli scudetti juventini, assieme a racconti di incontri, interviste, momenti significativi della sua lunga carriera. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Mennea ha il suo erede, Filippo Tortu: «Per me non è un record, è semplicemente il mio miglior tempo»

Pubblicato

-

Lo scorso 22 giugno a Madrid con 9’’99 ha battuto il record di Pietro Mennea, di 10’’01, che resisteva dal 1979. Filippo Tortu, vent’anni, è il nome nuovo e il nome forte dell’atletica italiana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza