Connect with us
Pubblicità

Politica

Mauro Pericolo (AGIRE): “Campagna elettorale amorfa. Manca un dibattito vero sulle riforme che sono necessarie e devono essere rivoluzionarie”

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

L’occasione è stata una breve conferenza sulla scuola presso l’Hotel Sporting a Trento dove Mauro Pericolo, sindacalista Delsa ed oggi candidato in Agire, ha trattato insieme a Mary Lavorgna anch’essa candidata in Agire i temi della sicurezza sul lavoro e del precariato, assumendosi l’impegno di difendere strenuamente questi temi in consiglio provinciale.

Durante il convegno è intervenuta anche la Geometra Cristina Chemelli, con un intervento sulle tematiche della sicurezza nelle scuole particolarmente apprezzato dal pubblico in sala.

L’intervento ha trattato il rischio da stress lavoro correlato e gli ambienti di lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Problematica che investe in maniera esponenziale le scuole trentine

Pericolo ha concluso la conferenza con un intervento squisitamente politico, manifestando tutto il suo disappunto e la sua delusione per una campagna elettorale che ha dato spazio a dibattiti quasi esclusivamente tra i candidati a presidente .

Mette in evidenza che si vota per il Consiglio Provinciale trentino non solo per il presidente della giunta , che alla fine è solo un organo esecutivo, mentre i consiglieri, oltre ad avere una funzione di indirizzo e di controllo, voteranno le leggi trentine a cui questo organo deve attenersi.

Pubblicità
Pubblicità

“Mi sembra una campagna elettorale alienata da un contesto storico- dice – e da un elettorato che vuole conoscere contenuti, proposte, idee non slogan e selfies.”

“E poi – lamenta Pericolo – i temi della sicurezza stanno monopolizzando il dibattito. Va bene parlare di sicurezza, ve lo dice uno che ogni sera prende respiro solo quando vede arrivare le proprie figlie a casa, ma non dimentichiamoci che intanto la sicurezza è una competenza della stato e la provincia deve intervenire solo gestendo con oculatezza strumenti e fondi per l’accoglienza, limitandoli a casi di effettivo bisogno e poi che la gestione di una provincia autonoma con tante competenze legislative anche primarie ha un’infinità di temi da trattare.”

E propone.

«Dobbiamo puntare ad una valorizzazione del ceto medio, che è quello più tartassato negli ultimi anni. La sinistra al governo di questo territorio ha creato da un lato assistenzialismo facile e gratuito senza controlli adeguati e criteri di misurazione che tenessero conto di reali fattori di povertà e disagio (ci sono famiglie di stranieri che arrivano a prendere oltre 3000€ al mese di sussidi), dall’altro ha esasperato la ricchezza di pochi che hanno ormai un vero e proprio controllo dell’economia locale»

Mauro Pericolo fa intendere che a farne le spese è stato proprio il ceto medio che soffre una condizione di grave disagio, essendo in un limbo dove non è considerato ne povero per accedere a sussidi ed aiuti pubblici (ai quali dignitosamente nemmeno ambisce), ne ha livelli di reddito da potersi garantire serenità e futuro per se ed i propri figli. Un metro di perfetta valutazione in ciò è sicuramente l’acquisto della casa: le famiglie di ceto medio non possono comprarla se non pagando mutui esosi o addirittura perché non possono nemmeno accedervi.

Stessa e identica cosa è avvenuta nella gestione del pubblico impiego: da un lato innalzamento di redditi e poteri della classe dirigente che, grazie alle nomine dirette ed a concorsi controllati, è nelle mani del politico di turno, dall’altro abbattimento dei livelli di garanzie reddituali e normativi nelle ceti più bassi.

Quindi, serve una vera e propria inversione di rotta, riportando a livelli accettabili redditi e competenze dei dirigenti e incentivare la crescita ed il ruolo professionale dei profili medio-bassi.

LA SCUOLA – «La scuola è uno strumento di fondamentale strategia nella formazione del cittadino del futuro e quindi ha un ruolo di primordine perché può e deve fornire i mezzi ai ns figli per costruire futuro per se e per la società, senza dover cercare opportunità all’estero. Ma sulla scuola mi sono espresso più volte e sapete come la penso.

Ecco allora che non bastano semplici riforme o soluzioni a singoli problemi, ma occorre rivoluzionare un sistema di gestione che ha creato disagi, ingiustizie sociali e condizioni di conflittualità nella vita quotidiana e lavorativa delle persone, riducendo drasticamente la capacità di ogni singolo cittadino di fare sistema e sentirsi parte del sistema».

RIVOLUZIONIAMO IL METODO DI GOVERNO – «Non dobbiamo avere paura di pronunciare la parola rivoluzione – rimarca Pericolo, richiamando una espressione del candidato presidente Fugatti – specie se la spieghiamo alla gente, perché, se fatta con chiarezza e trasparenza, è proprio ciò che garantisce serenità e sicurezza.

L’autonomia trentina in questo non si è affatto diversificata dal nazionale, anzi in alcune aspetti è stata peggio : basti pensare che i dirigenti trentini sono tra i più pagati e garantiti d’Italia, oltre ad essere di diretto controllo del capo dell’esecutivo; che la giustizia in trentino è controllata dalla politica; che l’autonomia ha sostenuto e foraggiato un sistema di credito con le rurali che sta fagocitando aziende e famiglie; che sono stati soppressi nelle valli e piccoli centri di montagna servizi sanitari essenziali e scuole…ecc . Troppo spesso, inoltre, il potere autonomistico è stato usato per ritorsioni nei confronti dei cittadini non allineati.»

Nella nuova gestione della cosa pubblica, quindi – chiede Pericolo- dovranno prevalere meritocrazia, esperienza, competenza, indipendenza dal potere e dice: “ Non accetteremo logiche vecchie di sistema che impongano soggetti politicizzati non qualificati o peggio ancora pivellini esaltati da entusiasmi nazionali.”

Nel concreto il candidato di Agire sottolinea che il nostro territorio merita un cambiamento di gestione, di metodo e quindi di uomini e donne che non rispondano a vecchie metodologie politiche.

«È bene quindi, – aggiunge Pericolo – per correttezza nei confronti degli elettori, chiarire da subito quale sarà il sistema di governo della prossima amministrazione, quali saranno gli strumenti con i quali si intende governare e le persone a cui affidare compiti e ruoli importanti soprattutto nei punti delicati e nevralgici della gestione della cosa pubblica.

Noi ci poniamo come garanti di valori fondamentali non solo valori della persona, valori di merito ma anche valori di nuove metodologie di gestione; aspiriamo ad essere fulcro di questi valori e determinanti nella gestione di settori cruciali».

E conclude: «La sinistra in decenni di governo ci ha rifilato le vecchie logiche di potere, affidando settori importanti a gonnelle al vento o dottorini incipriati ammantati di qualche titolo accademico, ma privi di idee ed incapaci di reagire a drammatiche realtà come disoccupazione, precariato, giovani in fuga all’estero mentre la nostra società invecchia e si riempie di disperati da tutto il mondo. La nostra proposta è un cambiamento di metodo , di sistema : competenza, esperienza, autonomia dal potere politico».

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Valsugana e Primiero52 minuti fa

Emozione e commozione per i «10 anni di Aluray». Presenti oltre un centinaio di persone

Val di Non – Sole – Paganella54 minuti fa

Possibili sospensioni notturne nell’erogazione dell’acqua potabile a Fondo

Trento1 ora fa

Futili motivi alla base dell’accoltellamento di Mattarello

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

Fondo, Cavareno e Coredo: attivo fino alla fine di agosto il servizio medico per i turisti

Le ultime dal Web2 ore fa

Massimiliano Rosolino: “Chi non ride non vince”, la foto con la Marmolada sullo sfondo. Scoppia la polemica

Fiemme, Fassa e Cembra2 ore fa

Marmolada: l’appello del fratello di Davide Miotti

Bolzano2 ore fa

Grave incidente in A22: si ribalta con l’auto e viene sbalzata fuori dal veicolo: una donna elitrasportata in ospedale

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Marmolada: il numero di vittime riconosciute sale a 6

Trento4 ore fa

Coronavirus in Trentino: 751 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Fiemme, Fassa e Cembra4 ore fa

Marmolada: trovati i resti della 10^ vittima

Rovereto e Vallagarina4 ore fa

Lupo e chiosco laghetto dei Poiani: le precisazioni del sindaco di Vallarsa

Ambiente Abitare5 ore fa

Allarme incendi, PEFC: tra siccità e temperature record, a rischio migliaia di ettari di bosco

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

La valle di Cembra e il Curling piangono Nino Pezzin

Valsugana e Primiero5 ore fa

Danza, musica e nuovi media: a Pergine Festival “Augmented me” di Mopstudio. In piazza Fruet, la restituzione di “Harvest”

Rovereto e Vallagarina5 ore fa

Alpe Cimbra: Degustando l’Oltresommo

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Trento2 settimane fa

Chico Forti, lo zio Gianni: «Perchè chi ha promesso non ha mantenuto la parola?»

Trento2 settimane fa

Stavano progettando un attentato, arrestati due Kosovari dell’ISIS a Rovereto

Trento3 settimane fa

Piazza santa Maria Maggiore: nascondono la droga sotto terra e nella Basilica – I VIDEO DEL DEGRADO

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza