Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Maldini a Trento: «I record? Conta di più la vittoria di squadra»

Pubblicato

-

Paolo Maldini a Trento (Foto Alfonso Norelli)

I colori rossoneri cuciti sulla pelle, il numero 3 sulle spalle e la fascia di capitano al braccio. Una vita trascorsa nel Milan, casa sua. Paolo Maldini è salito sul palco del teatro Santa Chiara all’urlo “Un capitano, c’è solo un capitano”, accolto da una platea festosa e festante.

Il mito rossonero, un uomo, oltre che un calciatore, che è diventato leggenda. Una vita a tinte rosse e nere, l’amore incondizionato per il pallone.

Come ha ricordato Olivero, giornalista della Gazzetta dello Sport che lo ha intervistato, tutti, in quel teatro, hanno percorso un pezzetto di vita con Paolo Maldini: bambini, giovani uomini, adulti e anziani. Chiunque si ricorda le sue gesta negli stadi di tutta Italia e di tutto il mondo.

Pubblicità
Pubblicità

Il mio amore per il calcio è nato dal mio amore per la palla – ha confessato Maldini –. La palla è sempre stata al centro di tutto. Nel calcio si muove tutto intorno a lei: va addomesticata, bisogna darle del tu”.

Foto Alfonso Norelli

Paolo Maldini non è solamente IL capitano del Milan, con cui ha giocato 8 finali di Champions, ma è anche l’uomo dei record: ne ha scritti tanti nella sua lunga carriera. Prima di tutto, però, viene la squadra. “Non sono mai andato alla ricerca del record come premio personale. Ho sempre cercato la vittoria della squadra, quella era la cosa più importante”. E le 58 partire consecutive senza sconfitte ne sono la testimonianza.

Pubblicità
Pubblicità

Una storia, non solo sportiva, legata indissolubilmente ai colori del Milan. Quella di Paolo Maldini ma di tutta la sua famiglia, con papà Cesare come modello. “Papà mi ha insegnato a non buttare via il pallone. Era innamorato del bello”.

Foto Alfonso Norelli

È stata proprio la famiglia a indicare la strada a Paolo. Una strada non sempre in discesa, tanti sono stati gli ostacoli da superare e le sconfitte, talvolta amare, da dover accettare. Sempre con la consapevolezza, però, che fa parte del gioco.

La prima cosa che mi hanno insegnato i miei genitori – ha raccontato il capitano rossonero – e la prima che io ho cercato di trasmettere ai miei figli, è la rettitudine di comportamento. Come sei fuori dal campo devi essere anche sul terreno di gioco”.

Foto Alfonso Norelli

In Italia scarseggiano i talenti o è il sistema che impedisce loro di emergere? E manca un po’ di cultura sportiva? Maldini, che conta 902 presenze con il Milan, non si è tirato indietro neanche di fronte alle domande più scomode. “Sicuramente ci sono generazioni e generazioni – ha risposto –. Il sistema attuale non li aiuta comunque ad emergere. Di certo, poi, manca un po’ di cultura sportiva. Considerare la sconfitta, anche se brucia, parte del gioco è fondamentale”.

Tanti gli allenatori vincenti che ha visto insediarsi sulla panchina del Milan: da Sacchi a Capello, per arrivare fino ad Ancelotti. Senza dimenticare Liedholm:È stato lui a insegnarmi a giocare a calcio. Ha dato il la alla grande epoca del Milan”.

Sacchi è un allenatore ambizioso, con tante idee e una maniera rivoluzionaria di allenare. Oserei dire maniacale. Capello un grandissimo tecnico e Ancelotti un maestro nel gestire il gruppo, con lui sono riuscito a godermi tutto ciò che il calcio mi ha regalato”. Gattuso, invece? “Ha un grande pregio, sa ascoltare”.

Bastano poche parole per descrivere il rapporto con Berlusconi. “È semplicemente il presidente, il mio presidente. Un visionario”.

Foto Alfonso Norelli

Quella di Paolo Maldini nel Milan è una storia infinita, fatta di tanti successi e qualche caduta. “Dietro una squadra vincente ci sono un’idea vincente e tanta passione. Questa linea la dà la società. E non è un caso se quel Milan ha ottenuto tanti trionfi”.

Tra le sconfitte più brucianti, Maldini ricorda quella subita nella finale di Istanbul o nella finale dei Mondiali nel ’94. “Sono quelle che mi hanno dato maggior amarezza, ma bisogna saper accettare ciò che il campo decreta”.

Maldini come si definirebbe come calciatore? Il suggerimento arriva direttamente dal pubblico: “unico!”. Paolo ringrazia con un sorriso, e rilancia: “Innamorato del pallone, innamorato del gioco. E ritengo corretto”.

Gli avversari più forti che ha dovuto affrontare? “Maradona, Ronaldo il fenomeno e Totti”. Messi o Cristiano Ronaldo? “Messi, anche se Cristiano è un fenomeno, è il calciatore più forte degli ultimi 15 anni”.

Toccante il video con le immagini del suo addio a San Siro, così come i ricordi vissuti con la maglia azzurra: 126 partite 4 mondiali 3 europei, numeri che parlano da soli.

Prima di lasciarsi abbracciare dalla marea di tifosi presenti, Paolo Maldini ha lanciato un pallone autografato verso il pubblico. Negli occhi di tutti la riconoscenza nei confronti di una bandiera, un calciatore, un uomo da cui si può solo prendere esempio. Un cognome che è anche un marchio di fabbrica: Maldini. Ne nascano ancora tanti di campioni così.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro
    Da qualche anno il mondo del lavoro è stato travolto dalla Gig Economy dividendo l’opinione pubblica e l’economia. Cos’è la Gig Economy Nonostante l’arrivo della Gig Economy sia un fenomeno relativamente recente, negli ultimi 10... The post Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona
    Dal Governo nasce il programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che punta a rilanciare l’occupazione in Italia, con un investimento di 4.9 miliardi di euro da investire tra il 2021 e il 2025. I... The post Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona appeared first on […]
  • Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online
    Da qualche settimana, è stata introdotta la possibilità di delegare una persona di fiducia all’esercizio dei servizi online pubblici. Identità digitale o SPID a cosa serve Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero Spid permettere... The post Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza