Connect with us
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Tiziano Berti (Autonomisti Popolari): «Riportiamo agricoltura, turismo ed ecosostenibilità al centro della politica provinciale»

Pubblicato

-

Tiziano Berti, noneso doc, è nato a Cles 29 anni fa e vive a Sanzeno.

Laureato in Marketing e Comunicazione d’impresa, lavora in ambito assicurativo da più di 10 anni e dall’anno scorso gestisce una propria agenzia di assicurazioni, la 4A, che ha sede a Cles in uno splendido ufficio affacciato sulla piazza del capoluogo.

La sua attività assicurativa si concentra per la maggior parte sulla stipula delle polizze grandine agevolate. Il contatto diretto con gli agricoltori è dunque praticamente giornaliero, ed è proprio nel mondo agricolo che Tiziano si è formato ed è cresciuto.

PubblicitàPubblicità

La sua più grande passione, oltre al calcio e alla moutain bike, è la musica. È infatti laureato in pianoforte al Conservatorio Bonporti di Trento.

Tiziano Berti si è avvicinato alla politica grazie a Walter Kaswalder ed è sempre grazie a lui se ha deciso di candidarsi alle provinciali con il movimento “Autonomisti popolari”, partito del centrodestra autonomista che sostiene il candidato presidente Maurizio Fugatti.

Pubblicità
Pubblicità

Manca sempre meno alla data fatidica del 21 ottobre 2018. Secondo lei per quale motivo gli elettori dovrebbero votarla?

Perché sono un giovane ben inserito nell’ambito lavorativo, presente sul territorio, che ha a cuore i problemi e le tematiche delicate della gente, in particolar modo per quanto riguarda il settore agricolo della Val di Non e di tutto il Trentino nella sua complessità.

Qual è il suo punto di forza, quale il suo punto di debolezza?

Credo che i miei punti di forza siano la credibilità, la presenza sul territorio e l’assistenza continua anche in orari “fuori ufficio” o in giornate non lavorative. Il mio punto di debolezza penso possa essere il fatto che spesso mi prendo troppo a cuore i problemi degli altri e li faccio miei.

Nella precedente intervista al nostro giornale ha parlato di fitosanitari. Quali sono, secondo lei, gli interventi che andrebbero attuati per migliorare la situazione sul territorio della Val di Non e in Trentino in generale?

Dal mio punto di vista l’assessorato all’agricoltura dovrebbe prendere e mantenere una posizione dominante, e non subire l’iniziativa di comitati e associazioni varie. Anche perché nell’ambito agricolo devono coesistere più idee, l’agricoltura deve essere sostenibile e essere in grado di far fronte alle esigenze del mercato.

Per quanto riguarda il miglioramento della viabilità dal Sabino fino a Dermulo, invece, che tipo di soluzioni si potrebbero adottare?

La strada che dal Sabino porta in Val di Non allo stato attuale è piuttosto pericolosa. Bisognerebbe metterla in sicurezza, auspicando nella migliore delle ipotesi un’altra corsia per chi scende e l’installazione di uno spartitraffico. Per quanto riguarda Dermulo, ritengo invece che non si possa prescindere dalla realizzazione della rotatoria. Esisteva già un progetto, che era stato presentato e poi bocciato, non si sa bene il perché.

Un tema su cui lei è particolarmente sensibile è quello dell’acqua, risorsa preziosa per il nostro territorio. Come andrebbe gestita?

La mia idea sarebbe quella di partire dal rinnovo della concessione dell’energia elettrica, scaduto nel 2009. Su questa concessione c’è scritto che la ditta che prende in gestione la struttura dovrebbe fare degli investimenti sul territorio. Mi spiego meglio: la popolazione ha sacrificato parte del territorio per dar la possibilità di costruire la diga, quindi chi ne usufruisce dovrebbe “ripagarla” con degli investimenti. Anche perché la gestione della diga garantisce un fatturato di 40 milioni di euro.

Lei conosce molto bene il mondo agricolo, di cui fa anche parte. In che modo si può salvaguardare e quali sono le operazioni da portare a termine per fare un ulteriore salto di qualità?

Secondo me dobbiamo avere più coesione e mirare a vendere il marchio Trentino al di fuori della nostra Provincia. In questo senso bisognerebbe valorizzare tutte le piccole cantine private, le aziende agricole, le cooperazioni, creando un marchio forte, riconoscibile, sul modello dell’Alto Adige. Mi piacerebbe girare l’Italia e trovare dappertutto del buon vino trentino, le nostre mele e i diversi prodotti che caratterizzano il nostro territorio.

Per quanto riguarda il turismo, invece, cosa si potrebbe fare per aumentare l’attrattività del territorio noneso?

Sicuramente il territorio noneso, dal punto di vista naturalistico, ha tutte le carte in regola per attrarre i turisti: abbiamo montagne, laghi, tantissime bellezze naturali. Il focus dovrebbe spostarsi su come ospitare la gente e cosa offrire loro in termini di accoglienza e di organizzazione. Credo sia necessario sviluppare il Lago di Santa Giustina dal punto di vista turistico e creare collegamenti tra i punti d’interesse della valle, come i vari castelli. In Val di Non organizziamo visite, manifestazioni e percorsi guidati solo quando c’è una festa, tipo Pomaria. La vera sfida è migliorare l’offerta turistica durante l’anno, con una sinergia che preveda il coinvolgimento di tutti gli attori che operano sul territorio. Un altro aspetto fondamentale, dal mio punto di vista, è lo sviluppo della mobilità elettrica, in particolare per quanto riguarda le e-bike. La maggior parte dei turisti che visitano la Val di Non provengono dal nord Europa, sono tedeschi, olandesi, svedesi, e da loro ormai la mobilità elettrica ha conquistato una grande fetta di mercato.

Si descriva in tre parole.

Affidabile, esperto, nonostante la giovane età, e competente.

Per quale motivo ha scelto di candidarsi alle elezioni provinciali?

Perché voglio dare il mio contributo per risolvere determinate tematiche a livello provinciale, in particolar modo nel mondo agricolo, settore che conosco bene e del quale ho notato tante criticità e alcuni problemi che devono essere superati. Per il bene del Trentino e dei trentini.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]
  • Il dipinto ritrovato: torna a casa il “ritratto di signora” di Klimt
    22 febbraio 1997: presso la Galleria Ricci Oddi di Piacenza scompare il “Ritratto di Signora”, una delle opere dell’artista austriaco Gustav Klimt risalente al 1916/17. La cornice abbandonata sul tetto dopo il furto era tutto ciò che restava di una delle splendide e più discusse opere di Gustav Klimt. La tela originale, si suppone infatti […]

Categorie

di tendenza