Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Servizio civile tra Comune e scuola: «Rimuovere gli ostacoli: azioni di equità tra scuola e territorio»

Pubblicato

-

Il Comune di Mori e l’Istituto comprensivo Mori-Brentonico hanno unito le forze per elaborare un progetto di servizio civile, intitolato «Rimuovere gli ostacoli: azioni di equità tra scuola e territorio».

Il progetto fa da apripista, in questo settore, alle partnership tra Comuni e scuole. Ha la durata di 6 mesi, dal 1° dicembre al 31 maggio, ed è rivolto a un giovane tra i 18 e i 28 anni.

Richiede un impegno di 30 ore settimanali e avrà carattere fortemente formativo. L’attività è incentrata sull’educazione e sull’apprendimento. Il progetto è dunque particolarmente indicato per chi intende avviarsi a una carriera nell’insegnamento o nell’assistenza, in particolare rivolta ai bambini e ai ragazzi.

PubblicitàPubblicità

Il giovane individuato percepirà un compenso di 433,80 euro mensili. La scadenza per la candidatura è il 31 ottobre. Prima, però, è necessario aderire al servizio civile universale provinciale. Per tutte le informazioni e per consultare questo e tutti gli altri progetti attivati sul territorio, consultare il sito.

In cosa consisterà il lavoro? Supporto al “Laboratorio dei compiti del venerdì”; interventi rivolti agli alunni stranieri neo-arrivati o di remota immigrazione e ad alunni con deprivazione culturale; supporto ai “Laboratori del fare” pensati per stimolare l’apprendimento degli alunni attraverso l’azione e la sperimentazione in attività manuali di tipo artistico-tecnico-creativo; supporto ai “Laboratori di studio in orario extrascolastico”; compiti di tutor di alunni con bisogni educativi speciali.

Il progetto permetterà al giovane di conoscere il funzionamento, l’organizzazione e le professionalità che lavorano nella scuola pubblica. Potranno essere acquisiti strumenti per apprendere a relazionarsi con giovanissimi con vissuti difficili e a rischio di esclusione sociale.

Pubblicità
Pubblicità

Si potranno acquisire: capacità di progettare e gestire un’esperienza di relazione uno-a-uno con fini di inclusione sociale; strumenti di carattere educativo nell’ambito dell’interculturalità; capacità di progettare in campo educativo.

Si potranno approfondire gli aspetti organizzativi, funzionali e politici di un’amministrazione comunale, nonché approfondire conoscenze relative alle politiche giovanili provinciali, comunali e sovracomunali.

L’esperienza potrà servire, inoltre, ad acquisire competenze come la capacità di documentare le attività svolte, di lavorare in équipe, ma anche in autonomia. Al termine sarà rilasciata la certificazione relativa alla sicurezza (formazione generale dei lavoratori in conformità al d.lgs. 81/2008), spendibile in ulteriori contesti lavorativi.

Il programma formativo prevede 42 ore di formazione: 25 a scuola e 17 in Comune.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Tentano di entrare in casa da una finestra, denunciati due minorenni dalla Polizia di Stato

Pubblicato

-

Sono stati denunciati dal Commissariato di Polizia di Rovereto per tentato furto in abitazione un ragazzo di 14 anni e la sua amica di 15, nati nel padovano ma attualmente dimoranti con la famiglia nei pressi di Trento.

Ieri mattina verso le dieci, in un complesso di basse palazzine nella zona di Borgo Sacco, una signora uscita di casa per delle commissioni ha notato un giovane che, in piedi su una fioriera rovesciata, armeggiava con la finestra del piano rialzato di un suo vicino, mentre proprio sotto una ragazza gli dava man forte e faceva da palo.

I ragazzi, vistisi osservati, hanno tentato di allontanarsi velocemente dalla zona, ma la signora ha avuto la prontezza di avvisare subito la Polizia e di dare una precisa descrizione dei due, che infatti poco dopo sono stati intercettati dalla Volante della Polizia di Stato del Commissariato che stava giungendo sul posto.

PubblicitàPubblicità

Alla vista dei poliziotti i giovani hanno cercato di cambiare strada e di gettare qualcosa al di là di una siepe, ma sono stati subito fermati e, tra la vegetazione, è stato rinvenuto un grosso cacciavite verosimilmente usato per forzare la finestra.

Nel frattempo è arrivato a casa anche il proprietario, che ha trovato la finestra forzata e scardinata, anche se grazie al provvidenziale intervento della signora i ladri non hanno fatto in tempo ad aprirla.

Di qui la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni dei due a piede libero per tentato furto in abitazione.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Lions: consegnati 50 peluche ai bambini del Reparto di Pediatria di Rovereto

Pubblicato

-

Questa mattina, martedì 16 ottobre, il Presidente del Lions Club Rovereto Host Germano Gasperotti, accompagnato da parecchi Soci dello storico Club roveretano, è stato accolto dal nuovo Primario del reparto di Pediatria dell’Ospedale Santa Maria del Carmine di Rovereto dr. Ugo Pradal e dal suo staff, per una consegna tanto originale quanto molto attesa.

Soprattutto dalle bambine e dai bambini ricoverati in quel reparto.

Sono stati infatti consegnati ben 50 peluche, completamente rimessi a nuovo e che, così, hanno potuto evitare il loro “Prepensionamento“.

PubblicitàPubblicità

La cerimonia è stata semplice ma ricca di emozioni e di importanti riflessioni su un gesto spontaneo e importante.

Il primario dr. Pradal ha avuto parole di gratitudine e di ammirazione verso i Lions della città, aprendo il suo reparto a possibili future collaborazioni.

La chiusura è giustamente toccata alla Socia Lions di Thiene Giuliana Liotard, la vera appassionata promotrice di questo service, ormai richiesto e diffuso nei reparti di Pediatria di moltissimi ospedali del Triveneto.

PubblicitàPubblicità

Ora tocca ai piccoli ospiti anche del reparto di Pediatria di Rovereto scegliersi il proprio peluche preferito, per farne un amico inseparabile magari per molti anni a venire.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Stalking: donna minacciata e perseguitata si ritrova l’ex sul balcone

Pubblicato

-

Era nella cantina del condominio e aveva staccato la corrente elettrica dell’appartamento della ex convivente, con lo scopo di obbligarla a uscire di casa per riattivarla. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it