Connect with us
Pubblicità

Trento

Sciopero Cisl medici Trentino: «L’assessore Zeni impoverisce la medicina generale»

Pubblicato

-

Cisl medici del Trentino sosterrà lo sciopero nazionale di 24 ore dei medici e dei dirigenti sanitari (Farmacisti,Veterinari,Biologi,ecc) del Sistema sanitario nazionale autorizzato per il 9 novembre p.v. nonchè di quello della Provincia Autonoma di Trento nello stesso giorno.

A confermarlo è Nicola Paoli Segretario generale della Cisl medici del Trentino

«Non solo Roma ha fallito la mediazione con il settore della dirigenza medica nazionale,  – si legge nella nota di Paoli – ma anche in Trentino l’Assessore Zeni ha erogato poche risorse per il contratto dei nostri dirigenti medici, pochissime sono state le assunzioni. In compenso l’Azienda, con una delibera emessa un mese fa, vorrebbe inserire nei pronto soccorsi, al posto dei dirigenti medici, i futuri medici di base che si formano attualmente alla Scuola specifica di medicina generale, retribuendoli ed in spregio alle direttive nazionali e impoverendo la stessa medicina generale delle fonti di sostentamento».

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il segretario della Cisl Medici del Trentino andando avanti di questo passo «li manderanno a fare i ginecologi ed i pediatri del punto nascita di Cavalese!»

Per quanto riguarda la formazione specialistica Paoli spiega essere «altrettanto marginale» mentre la garanzia dei Lea – secondo lui –  soprattutto per quanto riguarda la protonterapia, è ancora tutta da dimostrare.

«Non ultimo le poche risorse negli investimenti per ammodernare i nostri ospedali dal punto di vista tecnologico e gli ambulatori dei nostri dirigenti medici» conclude la nota di Paoli

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Christmas Run: le modifiche alla viabilità di Trento

Pubblicato

-

Sabato 15 dicembre si corre a Trento la Christmas Run, la corsa dei Babbi Natale. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Vittorio Bridi (Lega): «Intervenire subito per riaprire il rifugio Calisio»

Pubblicato

-

“Si deve intervenire per far riaprire il Rifugio Calisio” è questo quanto richiesto dalla Lega Nord Trentino in un documento con primo firmatario il Consigliere comunale di Trento Vittorio Bridi, documento presentato in occasione dell’approvazione del documento unico di programmazione 2019-2021 e del Bilancio di previsione finanziario 2019-2021.

Il Consigliere della Lega Nord Trentino Vittorio Bridi ha voluto ricordare che in varie occasioni l’amministrazione circoscrizionale dell’Argentario aveva chiesto degli interventi urgenti per trovare una soluzione al problema. “Ricordo per esempio – afferma Vittorio Bridi – che nel 2010 si chiese la chiusura della strada agli automezzi che salivano da Montevaccino, in modo da far rientrare la struttura nella categoria dei rifugi alpini e poter accedere così ai finanziamenti provinciali anche per riqualificare un luogo oggetto in questi anni di numerosi atti vandalici”.

Per il Consigliere Vittorio Bridi si deve trovare una soluzione rapida ai problemi relativi allo stato di abbandono del rifugio Monte Calisio anche perché “si tratta, come del resto affermato anche in varie occasioni dal Consiglio circoscrizionale dell’Argentario, di un ideale luogo di ristoro e di passaggio per tanti escursionisti che frequentano i monti intorno alla città di Trento e quindi vi sarebbe un ritorno turistico e non solo”

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

​Domani a Baselga di Pinè la riunione della Giunta provinciale

Pubblicato

-

​L’altopiano di Piné è un’altra tra le località trentine che più hanno subito le conseguenze della violenta perturbazione dello scorso fine ottobre. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it