Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Moser, Wiggins, il record dell’ora e le regole truffa: “Francesco un’icona”

Pubblicato

-

Moser e Wiggins insieme a Trento (Foto Alfonso Norelli)

Francesco Moser e Sir Bradley Wiggins, due recordman dell’ora, a confronto sul palco dell’Auditorium Santa Chiara di Trento.

Naturalmente tutto esaurito con centinaia di tifosi, giornalisti e curiosi a caccia di selfie.

Il dibattito è piuttosto stimolante soprattutto quando arriva il momento di parlare delle regole che sono cambiate negli anni così come i materiali.

Pubblicità
Pubblicità

“Mi chiesero nel 1983 se volevo tentare di battere Merckx – racconta Mosere mi dissero che mi avrebbero dato tutto l’aiuto possibile. Per prima cosa andai in Messico a provare la pista per 15 giorni. C’erano le ruote lenticolari, novità assoluta. Vennero a vedermi da tutto il Trentino, non potevo deluderli”.

Foto Alfonso Norelli

“La mattina dovevamo aspettare che si asciugasse la pista, era in gennaio. Feci così una prima prova ma vedendo che stavo battendo il record proseguii, anche se era il 19 gennaio e avevamo programmato la prova ufficiale per il 23. Così ho battuto il record due volte in pochi giorni”.

Entra quindi nel discorso “Sir” Bradley Wiggins, il baronetto, anche se lui dice di non amare di essere chiamato così.

Foto Alfonso Norelli

Francesco è un’icona per me, lo vidi per la prima volta in tv a 14 anni. Anche Merckx è diventato un amico. Sono un collezionista di maglie da ciclismo, credo di avere la più grande collezione al mondo”.

Comincia quindi il discorso regolamento Uci che ha suscitato molte polemiche.

Foto Alfonso Norelli

“A un certo punto la Uci ha deciso che le nuove tecnologie non erano più regolari e i record non erano più validi, si doveva tornare a una bici tradizionale. Mi sembrava una truffa“.

“Ma poi – interviene Moser – ci hanno ripensato riammettendo di nuovo bici ipermoderne (come quella con cui Wiggins ha fatto il record, ndr) quindi dovrebbe essere valido il record di Boardman”.

Foto Alfonso Norelli

Al di là dei regolamenti strani e dei numeri Wiggins racconta così il suo record: L’ho fatto per la gente, mi sentivo in dovere verso la fine della mia carriera. L’ho fatto per gli sponsor e per il pubblico presente anche se gli ultimi 15 minuti sono stati infernali”.

Oggi Wiggins possiede una squadra tutta sua e ha altri progetti: “Abbiamo bici italiane, of course. Ho lasciato andare lo sport per dedicarmi alla famiglia ed ho pubblicato un nuovo libro”.

Foto Alfonso Norelli

Pubblicità
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Festival dello Sport: 50 mila spettatori e centinaia di migliaia di visitatori a Trento

Pubblicato

-

Una delle tante code per vedere i campioni dal vivo

E’ stato davvero il festival del record, grazie all’impressionante sfilata di campioni di tutte le specialità arrivati dal mondo intero: dall’11 al 14 ottobre Il Festival dello Sport ha portato a Trento oltre 200 ospiti che hanno preso parte a 130 appuntamenti, tutti gratuiti, che per quattro giorni hanno elettrizzato la città con uno spettacolo non stop.

Qui il nostro speciale dedicato agli eventi con tante esclusive. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Calcio, Riccardo Cucchi: “Giovani cronisti tendono a essere protagonisti”

Pubblicato

-

Voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” fino all’anno scorso, Riccardo Cucchi, giornalista, conduttore e radiocronista, ha presentato oggi il suo libro “Radiogol”, dove ripercorre quarant’anni di imprese memorabili: la finale mondiale di Berlino 2006, vinta dall’Italia, la conquista della Champions League da parte dell’Inter, l’ultimo scudetto della Roma nel 2001, il “filotto” degli scudetti juventini, assieme a racconti di incontri, interviste, momenti significativi della sua lunga carriera. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Mennea ha il suo erede, Filippo Tortu: «Per me non è un record, è semplicemente il mio miglior tempo»

Pubblicato

-

Lo scorso 22 giugno a Madrid con 9’’99 ha battuto il record di Pietro Mennea, di 10’’01, che resisteva dal 1979. Filippo Tortu, vent’anni, è il nome nuovo e il nome forte dell’atletica italiana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza