Connect with us
Pubblicità

Psicologia dei Diritti

Il Ddl Pillon divide i figli in due o garantisce che entrambi i genitori possano esercitare la loro responsabilità genitoriale?

Pubblicato

-

L’affido dei minori, in caso di separazione, è un grande problema che vede coinvolti bambini, ragazzi, genitori, parenti, ecc., ma anche diverse figure professionali come giudici, avvocati, psicologi, mediatori…

Inoltre il disagio ricade prevalentemente ancora oggi sui figli che dovrebbero invece essere protetti e non coinvolti in un dolore che dovrebbe appartenere solo al mondo degli adulti.

Figli divisi tra mamma e papà come un trofeo da vincere in battaglia che vede due fronti rafforzati dagli avvocati e dai periti.

Pubblicità
Pubblicità

Per fortuna è sempre più frequente incontrare professionisti che si alleano al genitore non per seguire una linea di battaglia, ma per condurre il così detto periziato al bene del minore.

Nonostante questo, nella stessa introduzione del testo del DDL Pillon si legge che l’affido condiviso esiste in Italia, ma è applicato solo nel 3-4% dei casi, tasso fra i più bassi al mondo.

Ma ora soffermiamoci un attimo: se due persone si separano in modo pacifico non avranno problemi nella gestione del figlio e permetteranno una condivisione del tempo, delle decisioni importanti e delle spese. In più, se si leggono i decreti iniziali delle separazioni con minori, la maggior parte contiene frasi come: il figlio potrà vedere il padre due pomeriggi alla settimana e a fine settimana alterni.

Pubblicità
Pubblicità

Sommando questi giorni si arriva precisamente a 12 giorni al mese come propone lo stesso DDL Pillon.

Che cosa cambia allora? Forse la doppia residenza. In questo caso si dà un definizione al fatto che il bambino vede i due genitori in due case diverse e le comunicazioni che lo riguardano devono essere date con la medesima tempistica e modalità alle perone che si occupano di lui.

Io ricordo comunque che più di 10 anni fa lavoravo nelle scuole e per i genitori separati, la nostra direttrice didattica ci invitava ad inviare le comunicazioni sia alla mamma che al papà. Come consulente tecnica, nel momento in cui sono andata a parlare nelle scuole, ho sempre verificato questa condizione ed è bene invitare i genitori non collocatari ad interessarsi direttamente degli aspetti scolastici, sportivi, medici ecc anche se non vedono il figlio tutti i giorni.

È fondamentale infatti che le decisioni siano prese più consapevolmente possibile e le eventuali obiezioni mosse all’altro genitore siano basate su dati di realtà e non atte ad accendere discussioni e liti legali inutili e dispendiose.

Ascoltando e leggendo i commenti inerenti il DDL 735 emerge una forte contrarietà al fatto che un minore sia diviso a metà in due case in quanto deve avere il suo posto sicuro, il suo ambiente ecc. Questo è vero, ma se le due case sono confortevoli e caratterizzate da serenità non si vede perché i figli non possano vivere bene insieme ad ognuno dei due genitori.

Ricordo, a questo proposito, un bambino che in studio mi raccontò che la sua mamma e il suo papà non andavano d’accordo e lui voleva che comprassero una casa vicina a quella in cui lui abitava. Io chiesi: “perché una casa vicina”? E lui rispose: “così l’amico muratore di papà fa un corridoio e io vado da una parte e dall’altra”.

È un’immagine di un bambino che ha trovato la soluzione fantastica alla realtà difficile che stava vivendo. Ma anche se il corridoio non c’è e vi sono due case vicine in cui facilmente i figli possano passare da un genitore all’altro, non è forse una buona idea e neanche troppo fantasiosa?

Pillon tuttavia sottolinea che queste condizioni sono valide a meno che non ci troviamo di fronte a casi di abuso o di negligenza verso un minore, o di violenza domestica.

Ecco a questo punto sarebbe bene a ritornare al quel 3-4% di casi in Italia di affido condiviso sopra accennato.

Molte separazioni diventano giudiziarie perché viene denunciata violenza o trascuratezza all’interno della famiglia. Le denunce che siano veritiere o tattiche comportano tempo per essere verificate e la lotta per l’affido del minore diventa eterna.

In Italia spesso viene dato un affido condiviso con un primo decreto e poi le cose spesso cambiano.

Ci sono i casi in cui gli stessi genitori non riuscendo a gestire la situazione iniziano una battaglia legale giungendo raramente all’affido esclusivo e nella maggioranza dei casi ai servizi sociali. Ci sono invece altre situazioni in cui le denunce sono basate su fatti reali che tuttavia non vengono analizzati con la dovuta profondità e con una tempistica adeguata.

Questo può portare purtroppo i minori e chi ha fatto la denuncia in una situazione di pericolo che se non bene gestita può diventare a volte anche fatale.

Avendo coscienza di questo, ci si chiede ancora perché in italia ci sia un tasso così basso di affido condiviso?

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza