Connect with us
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Contador, la «Tripla corona» in una carriera straordinaria

Pubblicato

-

Cosa accomuna ciclisti, sette al mondo, come Alberto Contador, Jacques Anquetil, Eddy Merckx, Bernard Hinault, Felice Gimondi, Vincenzo Nibali e Chris Froome?

Il potersi fregiare della “Tripla Corona”, avendo vinto almeno una volta Tour de France, Giro d’Italia e Vuelta, i tre “Grandi Giri”.

El Pistolero” Contador è venuto al Festival dello Sport di Trento, a palazzo Geremia, per parlarne e per raccontare una carriera straordinaria e una vita che lo ha messo di fronte a prove importanti ma che lui ha affrontato pensando – parole sue – che “volere è potere”.

PubblicitàPubblicità

Quella che è uscita oggi è la storia di un ragazzo che da Pinto, nella comunità autonoma di Madrid, è partito alla conquista del mondo, iniziato al ciclismo dall’esempio del fratello, che gli ha ceduto anche la bicicletta. “Praticavo calcio e atletica – ha detto Contador – ma della bicicletta mi ha attratto il senso di libertà che porta con sé”.

Il suo idolo è stato Marco Pantani a cui, al primo incontro, ha manifestato tutta la sua ammirazione. “Credo – ha detto – che Pantani mi abbia ispirato nello stile”.

Una carriera da incorniciare quella di Contador: professionista per 15 stagioni, 68 successi, 9 grandi corse a tappe vinte su 18 partecipazioni, due Giri d’Italia (2008 e 2015), due Tour de France (2007 e 2009) e tre Vuelta (2008, 2012 e 2014). Oggi è stata ripercorsa, tra agonismo e aspetti personali di un atleta che, è emerso, ha costruito anche solide relazioni e che si fa ancora apprezzare per le qualità umane.

Un pensiero Contador lo ha dedicato anche alle salite del Giro d’Italia, che sono “diverse dalle altre e migliori”. Tra le tante ha ricordato lo Zoncolan, che, per lasciarsi vincere, impone ai corridori di trovare e seguire un ritmo.

La commozione ha attraversato la sala quando è stata ricordata la figura di Michele Scarponi, con cui Contador ha condiviso momenti indimenticabili e del quale ha voluto ricordare soprattutto l’allegria.

Di Vincenzo Nibali, unico ancora in attività tra i sette con la “Tripla Corona”, Contador ha lodato il coraggio e l’abitudine a non gettare mai la spugna.

Una carriera fortunata quella del Pistolero e una vita piena di soddisfazioni, ma che non gli ha risparmiato anche momenti difficili, come quando a 21 anni è stato colpito da gravi problemi di salute, che non gli hanno, per fortuna, impedito di riprendere la via della vittoria e scrivere pagine di sport memorabili.

Ha chiuso la carriera con una impresa, la vittoria sulla vetta dell’Angliru, salita mitica per gli spagnoli e per tutto il mondo del ciclismo.

“Mi sono ritirato al momento giusto – ha detto Contador – perché volevo lasciare il ricordo di un atleta al massimo livello”.

Il suo quotidiano di oggi è fatto ancora di tanti impegni, oltre a quelli professionali, attraverso una fondazione che porta il suo nome: con attività per bambini e ragazzi e anche impegno nel sociale, raccogliendo e redistribuendo vecchie biciclette a chi ne ha bisogno, dopo averle riparate.

“E poi – ha concluso il campione – trovo ancora il tempo di allenarmi. Solo due o tre volte alla settimana, ma sempre al massimo”.

Pubblicità
Pubblicità

Speciale Festival dello sport 2018

Festival dello Sport: 50 mila spettatori e centinaia di migliaia di visitatori a Trento

Pubblicato

-

Una delle tante code per vedere i campioni dal vivo

E’ stato davvero il festival del record, grazie all’impressionante sfilata di campioni di tutte le specialità arrivati dal mondo intero: dall’11 al 14 ottobre Il Festival dello Sport ha portato a Trento oltre 200 ospiti che hanno preso parte a 130 appuntamenti, tutti gratuiti, che per quattro giorni hanno elettrizzato la città con uno spettacolo non stop.

Qui il nostro speciale dedicato agli eventi con tante esclusive. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Calcio, Riccardo Cucchi: “Giovani cronisti tendono a essere protagonisti”

Pubblicato

-

Voce di “Tutto il calcio minuto per minuto” fino all’anno scorso, Riccardo Cucchi, giornalista, conduttore e radiocronista, ha presentato oggi il suo libro “Radiogol”, dove ripercorre quarant’anni di imprese memorabili: la finale mondiale di Berlino 2006, vinta dall’Italia, la conquista della Champions League da parte dell’Inter, l’ultimo scudetto della Roma nel 2001, il “filotto” degli scudetti juventini, assieme a racconti di incontri, interviste, momenti significativi della sua lunga carriera. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale Festival dello sport 2018

Mennea ha il suo erede, Filippo Tortu: «Per me non è un record, è semplicemente il mio miglior tempo»

Pubblicato

-

Lo scorso 22 giugno a Madrid con 9’’99 ha battuto il record di Pietro Mennea, di 10’’01, che resisteva dal 1979. Filippo Tortu, vent’anni, è il nome nuovo e il nome forte dell’atletica italiana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza