Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Nuovo presunto attacco del lupo a Folgaria: «E poi parlano di difesa del territorio»

Pubblicato

-

Nella notte arriva un ulteriore presunto attacco del lupo nelle presso la Malga Parisa a Folgaria

A farne le spese una pecora che per fortuna è stata solo ferita e non uccisa. 

A salvarla con ogni probabilità è stato l’allarme dato dal cane che ha permesso ai titolari della malga di uscire e controllare cosa stesse succedendo.

PubblicitàPubblicità

L’arrivo della proprietaria degli animali ha fatto  desistere il lupo che è fuggito.

Per Veronica – la proprietaria della Malga – si tratta del primo attacco, ma ci spiega che «qui intorno tutti hanno subito attacchi dai lupi e sono stufi di quello che sta succedendo da tempo» 

La pecora è stata portata dal veterinario che, dopo avere suturato le ferite,  ha confermato che si tratta di ferite da «canidi»

A rendere pubblica la cosa è stata la stessa Veronica sul suo profilo di facebook dove ha scritto:

«11 ottobre ore 02.10 Fulmine abbaia.  Ore 02.15 fulmine abbaia nuovamente, credendo che si trattasse del solito gufo non do peso al segnale e gli ordino di dormire.

Ore 02.20 le vacche iniziano a correre. Conscia del perché, usciamo dal letto accendiamo il trattore e andiamo a vedere. Conta una, due, tre volte ci sono tutte e tiriamo un sospiro di sollievo.

Partono per andare a bere ed ecco il dramma Bikka, la nostra mascotte è stata presa. Scendo dal trattore e chiamo tutte le mie ragazze e li, noto una cosa che mi spezza il cuore, l espressione di terrore nei loro occhi.

Mi sento affranta ed impotente davanti a ciò, ma la battaglia non la perdo. Come si può parlare di difesa del territorio, Dell importanza della zootecnia chiamando pure melaverde per far servizi da il mondo delle favole se poi la realtà è questa? Tranquilla Bikka noi siamo guerriere e faremo vedere i sorci verdi al babau».

Molti i messaggi di solidarietà e anche di critica nei confronti dell’amministrazione che da sempre ha difeso i lupi.

Evelin dice: «Parole sante di chi solo vive tutto i giorni con gli animali.. Non si può far credere di vivere in un’isola felice quando in realtà tutti i santi giorni si ha paura che avvenga una predazione». Gli fa eco Michele scrivendo: «Io sto con gli allevatori e la zootecnia patrimonio del nostro territorio Trentino le istituzioni preposte non hanno ancora capito che questa non è l’ Alaska qui ci sono persone che vivono a 2000 metri e in valle che curano la montagna. Solidarietà a Veronica e QUALCUNO….. usare un po’ di buon senso…», e Alessandro: «E poi ce qualcuno che dice che noi allevatori non ce ne frega nulla dei nostri animali. E alla notte dovremmo metterli in stalla. Gente che non sa neanche dove abita.»

Qualcuno spera anche in una soluzione con il… piombo.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Tenta di rubare le biciclette dal giardino di casa, arrestato 29 enne straniero

Pubblicato

-

E’ stato arrestato per tentato furto in abitazione un cittadino straniero di 29 anni, presente in Italia senza fissa dimora, sorpreso nell’atto di rubare due costose biciclette all’interno di un giardino di un’abitazione privata.

L’allarme è partito verso le ore 22 di ieri sera quando una coppia di residenti in via Bezzi, mentre si trovavano tranquillamente in casa, hanno sentito un forte rumore proveniente dal loro giardino.

I due si sono subito affacciati alla finestra e hanno visto uno sconosciuto che stava cercando di rubare le loro due biciclette, regolarmente chiuse ed appoggiate alla facciata di casa.

Pubblicità
Pubblicità

Mentre la moglie allertava le forze dell’ordine, il marito è corso nel giardino e riuscendo a bloccare il ladro che nel frattempo, vistosi scoperto, cercava di darsi alla fuga.

A dar man forte all’uomo è arrivata la Volante del Commissariato di Polizia di Rovereto che provvedeva a fermare lo sconosciuto e lo accompagnandolo in ufficio per procedere alla sua identificazione.

Lo straniero, risultato contravventore alle norme sul soggiorno degli stranieri in Italia e con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato così arrestato in flagranza per tentato furto in abitazione e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Scossa di terremoto di magnitudo 2.2. con epicentro a Nomi

Pubblicato

-

La Sala Sismica dell’istituto nazionale geologia e vulcanologia (INGV) ha registrato alle 10.45 di oggi un terremoto di magnitudo 2.2 con epicentro a due chilometri da Nomi

La profondità della scossa è stata di 12 km. Il terremoto si è sentito fino a 20 km dall’epicentro. Per ora non vengono segnalati danni a case o persone.

Alle 11.49 la terra ha tremato anche ad Albiano dove è stata registrato un terremoto di magnitudo 1.2, quindi nemmeno percettibile dalla popolazione.

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Ala: premio Ferrari a Palazzo Pizzini

Pubblicato

-

La musica continua ad essere protagonista ad Ala.

Il prestigioso premio Ferrari ha eletto la cittadina alense quale sede della prima parte dell’edizione di quest’anno. La scelta non è casuale: solo Ala può vantare una collezione come quella del museo del pianoforte antico.

In questi giorni giovani musicisti provenienti da diversi paesi europei e dall’Italia saranno a palazzo Pizzini, seguendo delle masterclass tenute da docenti di fama, come Jörg Demus, Arthur Schoonderwoerd e Temenuschka Vesselinova, quest’ultima già proprietaria della collezione del museo del pianoforte antico, acquisita dal Comune nel 2016.

PubblicitàPubblicità

Proprio i pianoforti storici presenti ad Ala daranno l’opportunità ai giovani musicisti di confrontarsi ed entrare a contatto diretto con gli strumenti effettivamente suonati o per i quali composero i “grandi”, come J.S. Bach, W.A. Mozart, F. J. Haydn, L. van Beethoven, lo stesso G.G. Ferrari e vari altri autori proposti dal programma.

Tutto ciò grazie alla collaborazione tra Accademia di Musica antica, Museo del pianoforte antico e Comune di Ala. Oltre che nel repertorio solistico, il pianoforte storico sarà presente anche in quello della formazione del trio con violino e violoncello.

In particolare, sabato 15 dicembre, sempre a palazzo Pizzini, verrà presentata la ricostruzione moderna del fortepiano Silbermann (conosciuto da Bach). Questo strumento ricostruito verrà presentato dalla restauratrice di Berlino Kerstin Schwarz.

Il programma prevede oggi la registrazione dei partecipanti e l’apertura delle masterclass con Schoonderwoerd e Vesselinova. Domani, 13 dicembre, masterclass dalle 10 alle 18. Venerdì mattina lezioni di Schoonderwoerd, nel pomeriggio si terrà invece la masterclass con Demus. Sabato ultimo giorno ad Ala, con le ultime lezioni.

Domenica i musicisti giudicati migliori si esibiranno in un grande concerto finale alla sala Filarmonica di Rovereto (inizio alle 16). Alle 19, sempre a Rovereto a palazzo Caritro, avverranno le premiazioni.

Al concerto finale ci sarà una raccolta fondi per Telethon. La giuria è composta dai tre docenti e da Romano Vettori, direttore dell’Accademia di Musica Antica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it