Connect with us
Pubblicità

Sport

Milano e Cortina candidate alle Olimpiadi 2026. Anche il Trentino sarà sede di gara

Pubblicato

-

La sessione del Comitato olimpico internazionale (Cio) ha approvato le candidature di Milano-Cortina, Calgary e Stoccolma, come possibili città organizzatrici per i Giochi olimpici invernali del 2026.

Questo significa che anche per il Trentino ci sarà la possibilità di ospitare gare in alcune impianti.

Predazzo e Baselga di Pinè sono sedi candidate per il pattinaggio e la combinata nordica.

Pubblicità
Pubblicità

La decisione per assegnare i giochi sarà presa nel giugno del 2019.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Calciomercato, il Trento cede Russo al Verbania

Pubblicato

-

Il Calcio Trento ha ceduto a titolo definitivo a Ssd Verbania Calcio 1959 i diritti alle prestazioni sportive del portiere Giovanni Russo. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport

Volley, Kovacevic: “Ora godiamoci il secondo posto”

Pubblicato

-

Le dichiarazioni al termine del recupero del decimo turno di regular season SuperLega Credem Banca 2018/19, giocato alla BLM Group Arena fra Itas Trentino e Revivre Axopower Milano. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Calcio: vittoria di rigore, il Trento batte il Tamai

Pubblicato

-

La rete su calcio di rigore a metà primo tempo di Roveretto consegna i tre punti al Trento, che conquista il primo successo esterno della stagione, la seconda vittoria in campionato e sale a quota 12 in classifica, raggiungendo proprio il Tamai.

Primo tempo di spessore dei gialloblù che vanno a condurre, sfiorano il raddoppio ad inizio ripresa e poi resistono all’assalto della formazione di casa.

Domenica prossima si torna in campo al “Briamasco” contro il Campodarsego.

Pubblicità
Pubblicità

Live match.

Mister De Paola deve fare a meno degli infortunati Mureno e Scaglione e si affida nuovamente al “3-4-3” con Barosi a protezione dei pali e terzetto difensivo formato da Carella, Panariello e Sabato. In mezzo al campo Furlan e Frulla agiscono come mediani con Trevisan a destra e Badjan a sinistra, mentre in avanti Cristofoli guida il tridente con Roveretto (ex di turno) e Petrilli sulle corsie esterne.

Prime fasi del match combattute soprattutto nella zona mediana del campo con le due formazioni attente più a non scoprirsi. Gli unici spunti degni di cronaca sono lo spunto sulla sinistra di Petrilli, contratto in corner non senza difficoltà dalla difesa e la conclusione del friulano Terranova, deviata dalla difesa gialloblù. Il risultato si sblocca a metà frazione: calcio di punizione dalla sinistra di Petrilli ed evidente intervento con il braccio nella propria area di rigore di Colombera. L’arbitro assegna la massima punizione al Trento: sul dischetto si presenta Roveretto che incrocia il rasoterra e spiazza Colesso, realizzando così la sua prima rete in maglia gialloblù.

I padroni di casa abbozzano una reazione, ben controllata dalla formazione di De Paola, che al 40′ va vicino al raddoppio con l’iniziativa a sinistra di Petrilli che crossa teso in area piccola costringendo il portiere di casa all’intervento in extremis per anticipare Roveretto. Il primo tempo si chiude con Petrilli che si guadagna un calcio piazzato sul lato corto sinistro dell’area di rigore: i giocatori di casa protestano, l’extra time scade e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi senza che far calciare la punizione.

Botta e risposta ad inizio ripresa tra le due formazioni. Al 47′ splendida azione sull’asse Petrilli – Frulla con traversone di quest’ultimo per la testa di Cristofoli che incorna a botta sicura ma il pallone si perde di un nonnulla a lato del palo con il portiere di casa immobile. Sul ribaltamento di fronte è il Tamai a rendersi pericolosissimo con apertura sulla sinistra di Maccan all’indirizzo di Terranova, che si presenta a tu per tu con Barosi, bravo a sbarrare la strada in due tempi all’attaccante di casa. Al 56′ Tamai ancora in avanti: punizione da venticinque metri di Terranova che calcia potente e preciso sopra la barriera ma Barosi vola sulla propria destra e devia oltre il fondo. Il Trento risponde subito con Petrilli, che si accentra e calcia con il destro: Colesso para in due tempi non senza difficoltà.

Il tecnico di casa getta nella mischia anche Alcantara e al minuto 67′ il Tamai ha una doppia grande occasione per pareggiare: prima Maccan aggancia in area piccola e calcia a botta sicura ma Barosi è super nella risposta, poi Terranova cerca il tap in a porta praticamente sguarnita

ma Sabato è bravissimo in scivolata a respingere il tiro del trequartista.

I padroni di casa alzano il baricentro e all’81’ centrano la traversa con Maccan che, da pochi passi, scaraventa sul “legno” un calcio piazzato proveniente dalla trequarti: il pallone torna in campo e la difesa aquilotta sventa la minaccia. Il Tamai si getta in avanti con tutti gli effettivi, ma la linea difensiva gialloblù

Il Trento vince, conquista il secondo successo della stagione – il primo esterno – e sale a quota 12 in classifica. Domenica si torna in campo al “Briamasco” contro il Campodarsego.

Il tabellino.

TAMAI – TRENTO 0-1

TAMAI (4-3-1-2): Colesso; Dalla Vedova, Colombera, Faloppa, Presello (21’st Alcantara); Nadal (21’st Caramelli), Kryeziu, Borgobello; Terranova; Cuzzi, Maccan.

A disposizione: Mason, Russian, De Biasi, Barbierato, Salamon, Furlan, De Anna.

Allenatore: Giuseppe Bianchini.

TRENTO (3-4-3): Barosi; Carella, Panariello, Sabato; Trevisan, Furlan (48’st Zucchini), Frulla (34’st Bertaso), Badjan; Roveretto, Cristofoli (42’st Bosio), Petrilli (26’st Paoli).

A disposizione: Russo, Baronio, Romagna, Ferraglia, Bonazzi.

Allenatore: Luciano De Paola.

ARBITRO: Leotta di Acireale (Chichi di Palermo e Paggiola di Legnago).

RETE: 24’pt rigore Roveretto (Tn).

NOTE: campo in ottime condizioni. Pomeriggio soleggiato ma freddo. Spettatori 200 circa. Espulso per proteste dalla panchina il tecnico del Tamai Giuseppe Bianchini. Ammoniti Maccan (Ta), Dalla Vedova (Ta) e Trevisan (Tn) per gioco falloso, Colombera (Ta) e Cristofoli (Tn) per comportamento non regolamentare. Calci d’angolo 9 a 2 per il Tamai. Recupero 2′ + 5′.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it