Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Chiusura farmacia di Rabbi, Claudio Cia (AGIRE): «Un campanello di allarme per la nostra autonomia»

Pubblicato

-

Voci riferiscono che molto presto potrebbe chiudere la farmacia in S. Bernardo di Rabbi.

A dirlo è il consigliere provinciale di Agire per il Trentino Claudio Cia dopo aver ricevuto varie segnalazioni sul territorio.

Per il segretario del movimento Agire «anche questo è un campanello d’allarme per la nostra autonomia, un altro tassello dell’inesorabile agonia dei piccoli centri di montagna».

PubblicitàPubblicità

La notizia è arrivata tra la popolazione come un fulmine a ciel sereno.

La dott.ssa Dalla Valentina, che aveva aperto la Farmacia a Rabbi 15 anni fa, tornerà infatti in Veneto: una situazione che con l’anno nuovo lascerebbe Rabbi senza farmacia.

Il concorso provinciale sembra al momento bloccato, ed è quindi probabile che un ipotetico nuovo titolare, se qualche farmacista in graduatoria dovesse accettare, la riapra chissà quando.

Se non si troverà un modo per mantenerla aperta anche nel periodo di sede vacante, i 1500 abitanti della Valle di Rabbi, in parte anziani, rimarranno senza questo prezioso servizio e dovranno nuovamente recarsi alla farmacia di Malè che dista 24 km. Mezzi pubblici? Due corse al mattino e due alla sera con lunghi tempi di attesa a Malè per il rientro.

Sembra che sia la titolare, sia il sindaco, si siano attivati presso l’Assessorato provinciale alla Salute, ma che non rimanga alternativa alla chiusura.

Diverse sembrerebbero invece le scelte nella Provincia autonoma di Bolzano, dove in situazioni analoghe il servizio non è stato interrotto, consentendo al titolare di conservare pro tempore la titolarità della precedente farmacia, dandola in gestione ad un collaboratore direttore.

«L’Autonomia della quale in tanti in questi giorni si riempiono la bocca non può ridursi ad una fantasia filosofica, – interviene sulla questione Claudio Cia –  ma deve essere uno strumento concreto per dare risposte ai problemi della propria gente: siamo un territorio di montagna, anche se spesso pare che a Trento ci si dimentichi di questo e perciò dobbiamo fare una politica che tenga conto di questa condizione. L’auspicio è che la politica provinciale del dopo 21 ottobre possa ritarare le proprie priorità, garantendo attenzione a chi tiene vivi i nostri paesi e presidia le zone più difficili, per tornare a fare una politica per il territorio, una politica veramente autonomista. La perdita di una farmacia è la perdita di un servizio, ma anche di un punto di incontro sociale, dove si ritrovano gli abitanti, gli anziani, i turisti. Se noi non garantiamo le condizioni perché gli abitanti possano stare nel loro territorio, prima o poi si sposteranno tutti in città, che certamente non potrà dare risposte a tutti».

Pubblicità
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Bonifica e riordino fondiario a Tuenno, Facinelli: «Progetto sostenuto non per ragioni economiche, ma per ridurre l’impatto ambientale»

Pubblicato

-

Il sindaco di Ville d'Anaunia Francesco Facinelli

Il progetto di bonifica e riordino del Consorzio di Miglioramento Fondiario di Tuenno che coinvolge superfici private e comunali, a frutteto e a bosco è stato sostenuto dall’Amministrazione Comunale non per ragioni economiche, ma perché si ritiene positiva la creazione di un’area a biologico e per proporre delle iniziative che vadano nella direzione di ridurre l’impatto ambientale nelle zone vicino alle abitazioni e alle scuole”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Tutti gli appuntamenti del Carnevale in Val di Non

Pubblicato

-

La Val di Non si sta per vestire in maschera. Saranno davvero molti gli eventi che animeranno la valle delle mele durante il Carnevale 2019, ormai alle porte. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Rinviati a giudizio il presidente e il casaro del caseificio sociale di Coredo

Pubblicato

-

nella foto Fornasari e Biasi, casaro e presidente del caseificio di Coredo

Dopo le indagini sul Caseificio Sociale di Coredo di cui ci siamo in passato diffusamente occupati, ci è giunta notizia che il p.m. Maria Colpani ha rinviato a giudizio, con provvedimento n. 3336/17-21 del 22 novembre 2018, il presidente del caseificio Lorenzo Biasi e il casaro Gianluca Fornasari per una serie di reati.

Gli imputati, difesi dall’avv. Gaetano Forte del foro di Ferrara dovranno comparire davanti al Tribunale di Trento, giudice monocratico, il 12 aprile p.v.

Il provvedimento del p.m. Maria Colpani è stata notificato anche alla parte lesa, cioè al papà (che esercita come genitore la patria potestà) del bambino colpito da Escherichia coli per aver mangiato il formaggio prodotto e commercializzato dal caseificio con conseguenze gravissime per la sua salute.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo l’atto giudiziario i prodotti caseari commercializzati dal caseificio sociale di Coredo contenevano “cariche microbiche superiori ai limiti di legge” (STEC Escherichia coli) e gli imputati inoltre omettevano l’osservanza di altre disposizioni e doveri.

Si chiude quindi un triste capitolo dove finalmente la verità squarcia il muro dell’omertà.

Sono state molte le interrogazioni presentate dalla minoranza, nella scorsa legislatura, che la giunta di centrosinistra autonomista guidata da Ugo Rossi ha insabbiato, evitando di rispondere totalmente o parzialmente agli interrogativi in esse contenuti. (qui articolo)

Non rispondere o rispondere solo parzialmente alle interrogazioni è inoltre lesivo delle prerogative dei consiglieri provinciali che rappresentano la comunità che sempre più rivendica per etica e per rispetto della legge la più ampia e diffusa trasparenza dell’agire amministrativo.

Ad esempio, almeno due sono le interrogazioni (n. 5489/XV e n. 6057/XV) presentate dal consigliere Filippo Degasperi per sapere chi sia il caseificio che ha venduto il formaggio di latte crudo che ha provocato gravissimi ed irreversibili danni ad una bambino della Valle di Non, quando sono state avviate indagini dalla procura, dai Nas e dall’APSS per accertare le responsabilità.

Ma mai la giunta Rossi ha fatto il nome del caseificio imputato.

Del caso, ci eravamo occupati diffusamente e con noi altri media. Tuttavia solo Trentino Libero e il nostro giornale hanno fatto il nome del caseificio di Coredo che non ha smentito.

Ora di due imputati dovranno difendersi in tribunale.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza