Connect with us
Pubblicità

Sport

Suicidio Aquila, Cremona vince dopo due supplementari: 104-99

Pubblicato

-

Partita infinita alla Blm Group Arena. Per due volte l’Aquila Basket Trento spreca il vantaggio nel finire del quarto periodo e del primo supplementare e Cremona si porta a casa il successo in trasferta 104-99.

29 punti di Saunders, 20 di Crawford da una parte. 19 di Radicevic e 17 di Flaccadori dall’altra.

Primo tempo davvero bruttino in generale ma con un approccio decisamente non adeguato dei padroni di casa che inseguono sempre, si avvicinano e poi vengono ricacciati indietro dalle guardie della Vanoli.

PubblicitàPubblicità

Nulla di eccezionale gli ospiti, tanti tiri affrettati da tre punti, ma è l’attacco di Trento che gira male nonostante il rientro di Pascolo.

Seconda metà partita più brillante dei bianconeri che sorpassano per la prima volta nel quarto quarto ma non riescono a condurre in porto una vittoria che sembra già acquisita e si va al supplementare.

L’Aquila butta un +4 anche negli ultimi secondi dell’overtime quando Flaccadori perde palla a pochi secondi dal termine.

Nel secondo supplementare Saunders è glaciale in lunetta e l’attacco non gira più per i bianconeri.

Pubblicità
Pubblicità

PRIMO QUARTO

Cremona esce meglio dai blocchi con Demps ma l’Aquila si tiene in corsa con 7 punti di Marble. Bianconeri sempre a inseguire. 9-10. Crawford fa il gioco da tre punti, ma il giovane Mezzanotte mette una bella tripla. Cremona sbaglia tanto da tre, ma scappa lo stesso con Ricci e Crawford. 12-17. Jovanovic segna 3 punti ma ne regala 2 agli avversari. 15-19 al 10′.

Demps e Marble 7 punti.

SECONDO QUARTO

Molto svagato l’avvio di secondo quarto dei trentini. Bomba di Diener, Crawford e Saunders in contropiede mettono l’Aquila sotto di 7. 19-26 e nuovo timeout di Buscaglia. Continua la serie negativa e il +9 di Cremona con Saunders e Crawford (21-30). Attacco in grosse difficoltà per l’Aquila. C’è il recupero fino al meno 1 con Hogue e Flaccadori ma il finale di tempo è ancora della Vanoli con 7 di Saunders. 31-37 all’intervallo.

Saunders 11 punti e 4 rimbalzi, 9 di Crawford, 7 Demps

Hogue 8, Marble 7

Cremona ha più tiri tentati (3 su 17 da tre), più rimbalzi offensivi, maggiore percentuale da due.

TERZO QUARTO

Beto e Hogue accorciano, Ricci e Saunders rispondono, Flaccadori pareggia il match con 5 punti consecutivi. 41-41. L’Aquila si blocca di nuovo, Crawford e Ruzzier puniscono. Jovanovic viene bucato spesso. Torna Forray che tiene in linea i suoi, 45-48. Diener infila un libero e una tripla e in un attimo è meno 7. Timeout Buscaglia che vede una squadra spenta. 4 liberi di Hogue e Forray, Trento tiene almeno in difesa e si avvicina faticosamente ma poi concede due canestri  e torna a meno 7 prima della bomba sulla sirena di Radicevic. 52-56 al 30′, ancora speranze per i padroni di casa.

13 punti Saunders, 12 Crawford

12 Hogue, 9 Flaccadori

QUARTO QUARTO

Forray e Hogue pareggiano il match. Bomba pesante di Aldridge allo scadere. Ancora bomba di Crawford, ma è Radicevic a tenere a contatto l’Aquila. 63-64 a 5′ dalla fine.  Crawford mette un libero ma improvvisamente Beto Gomes scaglia la bomba del sorpasso e la gara cambia. Sbaglia Ruzzier, Radicevic penetra per il 68-65. Timeout Cremona che era stata avanti tutta la partita. Ancora schiacciata di Beto, risponde Ricci con la bomba. Flaccadori e un super Radicevic tengono avanti Trento, ma Diener e Aldridge pareggiano a 74. Ancora una super tripla con step back di Radicevic. Sembra fatta, Cremona perde palla, ma anche Trento la regala e Saunders impatta a 77. 8 secondi da giocare. Marble con la palla per vincere, fallo in attacco per gli arbitri. 3 secondi a disposizione di Cremona. Il tiro in corsa di Crawford va sul ferro ed esce. Supplementare.

PRIMO SUPPLEMENTARE

Tutti i punti dalla lunetta. 4 di Crawford, 2 di Flaccadori. Jovanovic fa zero, ma l’Aquila tiene palla e Beto spara la bomba dell’82-81. Troppo facile però la penetrazione di Saunders, Cremona avanti di 1. Saunders a 22 punti. Si ripete la bombissima di Beto dall’angolo ma Ricci pareggia ancora in semigancio. 85 – 85, 1 minuto e mezzo da giocare. Flaccadori mette due liberi, sbaglia Crawford da tre. Tiro scomposto di Marble che rimbalza sul ferro, ma Ricci tocca nel suo canestro. 89-85. 36 secondi da giocare. L’Aquila sbaglia di nuovo tutto. Saunders segna velocemente, Flaccadori ha la palla decisiva e la perde. Crawford va a pareggiare facile. 4 secondi e 89 pari. Non va il tiro di Radicevic, marcatissimo. Secondo supplementare.

SECONDO SUPPLEMENTARE

Un 4 a 0 Trento diventa subito svantaggio con le bombe di Ricci e Aldridge. L’Aquila si blocca, Radicevic perde palla. Saunders mette i liberi del 94-97 a 1:14 dalla fine. Trento spreca ancora con Radicevic che tira una preghiera, altro errore di Diener, palla persa di Forray. Liberi di Saunders, 94-99. 20 secondi per sperare per l’Aquila. Forray trova due liberi. Saunders mette un solo libero, ma il tiro da tre di Flaccadori è cortissimo. Va in lunetta Crawford per chiudere.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, mercoledì sera a Oldenburg sfida chiave per i destini dei bianconeri in 7DAYS EuroCup

Pubblicato

-

Tre partite. La regular season di 7DAYS EuroCup è già al suo momento della verità: per qualificarsi alle Top 16 e continuare la propria avventura nella seconda coppa continentale la Dolomiti Energia ha fra le mani il proprio destino europeo, ma non può permettersi errori in quelle che sulla carta sembrano tre partite da “dentro o fuori” per chiudere il gruppo D.

La prima è quella che mercoledì sera vedrà i bianconeri impegnati sul campo di Oldenburg: contro i tedeschi battuti all’andata alla BLM Group Arena 91-81 Trento ha l’occasione non solo di aggiungere due punti alla propria classifica, ma anche di ottenere un pesante 2-0 negli scontri diretti sull’EWE, il primo parametro di discrimine in caso di un arrivo a pari punti tutt’altro che impossibile.

Tra le note liete della sconfitta di domenica a mezzogiorno contro Cremona ci sono stati un Ale Gentile da 25 punti (9-16 dal campo e sei assist) alla terza volta in stagione oltre quota 20 segnati e un Justin Knox in versione tuttofare che ha chiuso la partita con 16 punti, 13 rimbalzi (massimo stagionale in Serie A per un giocatore di Trento) e sei assist (migliore prestazione in carriera in Serie A per Justin).

Pubblicità
Pubblicità

Cominciare la stagione 0-3 e ribaltarla con quattro successi consecutivi. E’ esattamente quello che ha fatto la squadra giallonera, che dopo un avvio di regular season da incubo culminato con la sconfitta a Trento nel Round 3 ha infilato quattro vittorie di prestigio che l’hanno rimessa in piena corsa non solo per la qualificazione ma anche per una posizione di vertice nel gruppo D.

91-78 in casa contro Malaga, poi 83-85 e vittoria esterna a Podgorica, 61-73 con un grande ultimo quarto a Gdynia e 79-72 casalingo contro il Galatasaray. Manca solo lo scalpo di Trento alla formazione di coach Drijencic, che anche grazie all’innesto dell’ex Varese Tyler Larson (21 punti nell’ultimo successo contro il Gala) ha messo le marce alte e di è trasformata in una “big” della competizione grazie al dominio in area di Rasid Mahalbasic e alla potenza di fuoco sul perimetro espressa dal tiro da fuori di Hobbs e Boothe e dal talento atletico di Blakes e Sears. Poi c’è sempre Rickey Paulding, un’autentica leggenda della pallacanestro tedesca ed europea.

Il Round 8 del gruppo D si apre già domani sera alle 18.00 con la sfida ad alte quote fra Galatasaray (4-3) e la già qualificata Malaga (6-1); mercoledì alle 20.00 invece in campo Arka Gdynia (3-4) e Buducnost (1-6), con i montenegrini ancora disperatamente in corsa per un posto fra le migliori sedici.

Per quanto riguarda le formazioni italiane, nel gruppo A la Virtus Bologna (6-1) è ospite di Andorra (4-3) con palla a due mercoledì alle 20.00; trasferta a Bursa (4-3) per Venezia (5-2), prossima avversaria della Dolomiti Energia in campionato. Infine Brescia (4-3) gioca domani sera a Lubiana (2-5) per mettersi in tasca la qualificazione alle Top 16. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Basket serie D: Virtus Riva aggancia Trento in testa alla classifica

Pubblicato

-

Le formazioni rivane – Gs e Virtus – si portano ai vertici della classifica.

La Virtus vincendo a Pergine raggiunge al primo posto il Cus Trento fermo per via del turno di riposo.

Mentre il Gs Riva vince giocando bene col Psg Villafranca andando ad occupare la seconda piazza.

Pubblicità
Pubblicità

La classifica cambierà nuovamente volto al termine del posticipo che questa sera manderà in campo Piani Junior e Gardolo.

Da segnalare la prima vittoria stagionale del Rovereto di coach Fumagalli che a Bolzano ha battuto l’Europa.

Finalmente è esploso il potenziale offensivo dello Junior Basket che la difesa dell’Europa non è riuscito a contrastare.

Paganella Lavis e Pergine Audace è stata posticipata al 12 dicembre e così la coda della classifica resterà provvisoria per alcune settimane.

Pubblicità
Pubblicità

Il prossimo turno si giocherà un interessante Cus Trento – Gs Riva per la coda Pergine Audace – Piani Junior Bolzano. Mentre a riposare sarà la Garda Scuola Virtus Altogarda.

RISULTATI. Europa Bolzano – Junior Basket Rovereto 50 – 76. Tecnisan Gs Riva2018 – Psg Villafranca 65 – 55. Basket Pergine – Virtus Gardascuola 44-86. Paganella Lavis – Pergine Audace posticipata al 12 dicembre. Piani Junior Bolzano – Gardolo oggi alle 20,30.

Riposo: Cus Trento

CLASSIFICA: Cus Trento e e Virtus Riva 8. Tecnisan Gs Riva 2018 e Gardolo 6. Piani Junior Bolzano, Psg Villafranca e Pergine Audace 4. Paganella Lavis e Junior Basket Rovereto 2. Basket Pergine e Europa Bolzano 0. Paganella Lavis, Pergine Audace, Piani Bolzano e Gardolo 1 partita in meno.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

L’Arco vince al Briamasco facendo ben tre gol. Per il Trento è la prima sconfitta stagionale

Pubblicato

-

Il Trento incappa nella prima sconfitta stagionale. Questo pomeriggio la squadra di casa ha subito gli stessi gol che ha incassato in tutto il campionato: tre.

Complice un campo ai limiti della praticabilità la squadra arcense ha espugnato il Briamasco, cosa che finora non era riuscita a nessun’altra squadra.

Il Trento parte subito forte. Al quinto minuti da un calcio d’angolo di Trevisan svetta imponente Sottovia, ma la palla sfiora l’incrocio e finisce fuori.

Pubblicità
Pubblicità

Passano pochi minuti e un errore difensivo simile a quello accaduto alla Rotaliana spiana ancora una volta la strada alla squadra di casa. La difesa concede la palla a Sottovia, che non perdona. Tiro a giro e portiere spiazzato. 1-0

L’Arco si riversa in avanti, ma il tentativo di reagire appare troppo debole . Alla mezz’ora un fallo ingenuo di Trainotti provoca una punizione ospite da ottima posizione. Della battuta si incarica il capitano Miani. Il tiro è forte e angolato e Cazzaro allunga in angolo.

Il terreno ormai allagato costringe le due squadre al lancio lungo. Pettarin pesca con il contagiri Pietribiasi che stoppa senza difficoltà e calcia in porta. La conclusione è però debole e centrale.

Passano pochissimi minuti e si ripete la stessa azione. Questa volta cambiano gli interpreti. Trevisan lancia lungo per Sottovia, che lasciato anch’egli in solitaria, stoppa senza essere disturbato e trafigge il portiere avversario sotto le gambe. 2-0

Pubblicità
Pubblicità

La partita appare ormai indirizzata e il Trento come da consuetudine gestisce facilmente il finire del primo tempo. Dopo una gran chiusura di Panizza su Tisi, la ripartenza della squadra di casa culmina con il tiro di Ferraglia. Dal limite dell’area la palla è diretta all’angolino basso. Bonomi manda in calcio d’angolo.

Il Trento ha gestito con facilità tutto il primo tempo. La difficoltà nel girare palla a terra è stata fin da subito risolta dai piedi di Pettarin i cui lanci al millimetro hanno innescato parecchie azioni da gol.

L’Arco ha pensato essenzialmente a difendersi. In fase difensiva la squadra ha retto abbastanza bene. Davanti, l’esperto 34enne Tisi ha cercato in qualche modo di guadagnare calci di punizione nel tentativo di portare la squadra in avanti. Comunque sempre poca cosa.

Mister Toccoli è però ancora dubbioso sul reale esito della partita e decide di coprirsi ulteriormente inserendo il centrale Badjan al posto di Paoli e spostando così sulla fascia destra Carella. In attacco c’è spazio per il giovanissimo classe ’02 Celfeza.

Dopo un fase iniziale di stallo l’Arco prende in mano le redini le gioco e costringe la retroguardia di casa a compiere gli straordinari. Al quarto d’ora la punizione di Grossi è fortissima ma centrale. Cazzaro riesce a respingere in angolo con i pugni.

Dal corner seguente la palla non viene respinta dalla difesa e rimane ferma in area. Si crea una mischia furibonda da cui ne esce Tisi che in qualche modo ad allunga per il nuovo entrato Cicuttini.

Tra una marea di gambe e di giocatori che tentano l’estremo salvataggio in scivolata, Cicuttini riesce fortunosamente a buttare la palla in porta. 2-1

Da questo momento l’Arco inizia a spingere forte schiacciando il Trento nella propria metà campo. Il gioco super offensivo lascia però ampie praterie che Santuari non riesce a concretizzare. Imbucato da Caporali, tutto solo davanti al portiere calcia fuori.

Mancano ormai pochissimi minuti alla fine. Da una manovra dell’Arco la palla capita sui piedi di De Nardi, che da lontano tenta la conclusione a rete. Nessuno va a chiudere il tiro e ne nasce un missile terra aria angolatissimo. Cazzaro non può far nulla. 2-2.

L’allenatore Toccoli è furibondo. Il Trento si riversa disperatamente all’attacco e dagli sviluppi di un calcio d’angolo ci prova prima Caporali con un gran tiro e poi Panizza in semirovesciata ma la palla non entra.

Allo scadere si ripresenta la stessa azione che ha portato l’Arco al pareggio. Questa volta Grossi ci prova da ancor più lontano. La distanza siderale non impensierisce il terzino che scarica in porta un altro siluro. 3-2

Quando tutto sembrava finito l’Arco ha ribaltato una partita ormai a senso unico. La squadra di casa ha abbassato pericolosamente il ritmo e la concentrazione, non andando a contrastare due conclusioni velenose.

Nonostante la difficile praticabilità del campo abbia ridotto considerevolmente il gioco palla a terra, la grande intensità delle due squadre ha prodotto una partita molto gradevole e piena di emozioni.

TRENTO (4-3-1-2): Cazzaro; Paoli (1’st Badjan), Trainotti, Carella, Panizza; Caporali, Pettarin, Trevisan; Ferraglia, Pietribiasi (1’st Celfeza), Sottovia (13’st Santuari).
A disposizione: Conci, Pederzolli, Marcolini, Battisti, Baido, Spiro.
Allenatore: Flavio Toccoli.
ARCO 1895: Bonomi De Nardi (38’st Berardinelli), Grossi, Tavernini, Chistè, Lombardo, Azzolini (22’st Betta), Miani, Risatti (13’st Cicuttini), Tisi, Sceffer.
A disposizione: Cazzolli, Marchesini, Panichi, Garcia.
Allenatore: Paolo Zasa.
ARBITRO: Piccolo di Bolzano (Fambri e Mazzucchi di Bolzano).
RETI: 9’pt e 38’pt Sottovia (T), 25’st Cicuttini (A), 36’st De Nardi (A), 39’st Grossi (A).

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza