Connect with us
Pubblicità

Sport

Donne e sport in Trentino: dal 9 ottobre #SHEMOVES #SHEPLAYS a Palazzo Geremia

Pubblicato

-

Arianna Bridi

Si terrà dal 9 al 28 ottobre a Palazzo Geremia a Trento la mostra #SHEMOVES #SHEPLAYS. Donne e sport in Trentino.

Inserita nel calendario delle iniziative del Festival dello Sport e promossa dal Servizio Cultura, turismo e politiche giovanili in collaborazione con l’associazione Art to Art, l’esposizione nasce dalla volontà di narrare, attraverso testi e fotografie, il percorso compiuto in ambito sportivo dalle donne trentine. Per farlo sono stati coinvolti molti soggetti pubblici e privati, in special modo numerose società sportive di Trento che, aprendo i loro archivi, hanno concorso alla realizzazione di un viaggio storico-fotografico inedito.

La storia dello sport al femminile del nostro territorio prende il via a cavallo tra il XIX e il XX secolo incontrando inizialmente una serie di ostacoli: divieti, pregiudizi, contesti sociali e culturali che pregiudicano a volte la possibilità per le donne di fare sport al pari degli uomini. Un cammino però che a poco a poco vede emergere figure dagli intensi profili sportivi, atlete che hanno fatto o continuano a fare la storia dello sport trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto espositivo contestualizza una storia locale nel più ampio quadro italiano e procede indagando diverse discipline. Gli ambiti presi in esame si concentrano sulla ginnastica, il tennis, l’alpinismo, il ciclismo, l’automobilismo, lo sci di fondo, lo sci alpino, l’atletica, il nuoto, i tuffi, la pallavolo, il calcio, il rugby e le attività di inclusione e integrazione. Alcuni sport affondano le radici in un passato lontano, già nel XIX secolo, altri si sono diffusi in modo sistematico nel corso del XX secolo su tutto il territorio, altri ancora anche se di recente introduzione hanno conquistato con prepotenza il cuore delle giovanissime. E mentre aumentano le presenze delle donne sportive che eccellono aumentano anche i risultati e i successi ottenuti, sia in competizioni nazionali che internazionali.

Lo sport ricopre oggi come ieri un ruolo importante: non solo alleato psico-fisico ma strumento che pone il corpo al centro dei processi culturali di emancipazione e insieme di socializzazione, una risposta alla volontà e all’urgenza delle donne di vivere da protagoniste anche questo campo della società. Corpo in movimento, corpo politico: she moves, she plays.

L’inaugurazione, alla presenza del sindaco Alessandro Andreatta, si terrà a Palazzo Geremia martedì 9 ottobre alle 17. La mostra, ad ingresso libero e gratuito, sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18.

Hanno contribuito alla costruzione del progetto espositivo l’Archivio Fotografico Storico della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, la Fondazione Museo storico del Trentino, la Biblioteca comunale di Trento, la Biblioteca della montagna-Archivio storico SAT, l’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, le società sportive e federazioni Asd Acf TRENTO Clarentia, Ata Battisti, ATA Trento, Atletica Clarina, Atletica Trento, US Quercia, Buonconsiglio Nuoto, Club ciclistico “Forti e Veloci”, Ginnastica Trento S.S.D., GS Argentario, Rari Nantes Trento, Rugby Trento, Sci Club Città di Trento, Scuderia Trentina, Torrefranca Mattarello, Trentino Rosa, UISP Comitato Territoriale Trento; Federazione Italiana Giuoco Calcio – Comitato Provinciale Autonomo Trento, Federazione Ginnastica d’Italia- Delegazione Trentino, Federazione Italiana di Tennis – Comitato Trentino, Federazione Ciclistica Italiana – Comitato Provinciale Autonomo di Trento.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Vittoria all’ultimo respiro: battuto 2 a 1 il Padova

Pubblicato

-

Il Trento torna alla vittoria espugnando il campo del Padova con un goal di Brunello allo scadere dei novanta minuti di gioco.

Dopo essere andate in vantaggio grazie al bolide di Poli, le ragazze di mister Pavan erano infatti state raggiunte sull’uno a uno dalle biancoscudate, in rete con Dona. Il tap-in del subentrato attaccante, però, ha regalato i tre meritati punti alle gialloblù.

Per la trasferta di Padova, mister Pavan ripropone il consueto 4-3-1-2 con Varrone, Ruaben, Linda Tonelli e Chierchia a difendere Valzolgher; Fuganti, Rovea e Poli a comporre la linea di centrocampo, mentre Rosa e Alessandra Tonelli si alternano nel ruolo di trequartista alle spalle di Daprà.

PubblicitàPubblicità

La partita tarda a regalare emozioni e il primo episodio che scuote un match altrimenti concentrato a metà campo si registra al minuto trentacinque, quando Rosa riceve in area da Alessandra Tonelli concludendo poi con il mancino di poco a lato.

La risposta del Padova arriva da calcio piazzato e, poco prima del duplice fischio, Costantini inzucca un cross al bacio di Sarain, senza però inquadrare lo specchio.

La ripresa si apre invece su alti ritmi e dal primo calcio d’angolo della frazione scaturisce la rete del vantaggio trentino: uno schema su corner azionato da Rosa permette a Poli di liberare il tiro dal vertice dell’area.

La conclusione è potente e ben indirizzata sul primo palo, difficile da parare per Orlando che prova a respingere, senza successo, il fulmine scagliato dal centrocampista classe 2000 in maglia gialloblù.

Pubblicità
Pubblicità

La reazione del Padova è veemente e le biancoscudate approfittano di una ripartenza per ristabilire la parità con la subentrata Dona che scavalca Valzolgher con un pregevole pallonetto, al termine di una veloce azione corale.

Le due squadre tornano così a ricompattarsi e sono entrambe brave a lasciare poco spazio alle iniziative avversarie per quasi mezz’ora.

Le giocatrici di Pavan sono però le ultime ad arrendersi e si dimostrano caparbie nel salire sull’ultimo treno per la vittoria: Rosa calcia con forza una punizione dal limite dell’area e costringe Orlando alla respinta corta.

Brunello anticipa il diretto marcatore e spinge il pallone in porta da pochi passi, regalando alle compagne una vittoria fondamentale per il proseguo del campionato. La classifica vede ora il Trento al quarto posto con 15 punti in cascina.

 

PADOVA: Orlando, Ferrari, Amidei, Dal Pozzolo, Sarain, Gallinaro (9’st A. Dona), Spagnolo, Gastaldin (48’st Rapesi), Didone, Fabbruccio, Costantini.
A disposizione: M. Dona, Mazzucato, Bettinardi, Carli, Quaglia, Callegaro, Biasiolo.
Allenatore: Antonello Campus
TRENTO (4-3-1-2): Valzolgher, Varrone, Ruaben, L. Tonelli, Chierchia (25’st Lucin), Fuganti, Rovea (20’st Brunello), Poli, Rosa (48’st Maurina), A. Tonelli, Daprà (36’st Tononi).
A disposizione: Callegari, Regini, Torresani, Maurina, Tononi, Brunello.
Allenatore: Libero Pavan
ARBITRO: Santinelli di Bergamo
RETI: 3’st Poli (T), 18’st Dona (P), 45’st Brunello (T).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino, mercoledì sera a Oldenburg sfida chiave per i destini dei bianconeri in 7DAYS EuroCup

Pubblicato

-

Tre partite. La regular season di 7DAYS EuroCup è già al suo momento della verità: per qualificarsi alle Top 16 e continuare la propria avventura nella seconda coppa continentale la Dolomiti Energia ha fra le mani il proprio destino europeo, ma non può permettersi errori in quelle che sulla carta sembrano tre partite da “dentro o fuori” per chiudere il gruppo D.

La prima è quella che mercoledì sera vedrà i bianconeri impegnati sul campo di Oldenburg: contro i tedeschi battuti all’andata alla BLM Group Arena 91-81 Trento ha l’occasione non solo di aggiungere due punti alla propria classifica, ma anche di ottenere un pesante 2-0 negli scontri diretti sull’EWE, il primo parametro di discrimine in caso di un arrivo a pari punti tutt’altro che impossibile.

Tra le note liete della sconfitta di domenica a mezzogiorno contro Cremona ci sono stati un Ale Gentile da 25 punti (9-16 dal campo e sei assist) alla terza volta in stagione oltre quota 20 segnati e un Justin Knox in versione tuttofare che ha chiuso la partita con 16 punti, 13 rimbalzi (massimo stagionale in Serie A per un giocatore di Trento) e sei assist (migliore prestazione in carriera in Serie A per Justin).

Pubblicità
Pubblicità

Cominciare la stagione 0-3 e ribaltarla con quattro successi consecutivi. E’ esattamente quello che ha fatto la squadra giallonera, che dopo un avvio di regular season da incubo culminato con la sconfitta a Trento nel Round 3 ha infilato quattro vittorie di prestigio che l’hanno rimessa in piena corsa non solo per la qualificazione ma anche per una posizione di vertice nel gruppo D.

91-78 in casa contro Malaga, poi 83-85 e vittoria esterna a Podgorica, 61-73 con un grande ultimo quarto a Gdynia e 79-72 casalingo contro il Galatasaray. Manca solo lo scalpo di Trento alla formazione di coach Drijencic, che anche grazie all’innesto dell’ex Varese Tyler Larson (21 punti nell’ultimo successo contro il Gala) ha messo le marce alte e di è trasformata in una “big” della competizione grazie al dominio in area di Rasid Mahalbasic e alla potenza di fuoco sul perimetro espressa dal tiro da fuori di Hobbs e Boothe e dal talento atletico di Blakes e Sears. Poi c’è sempre Rickey Paulding, un’autentica leggenda della pallacanestro tedesca ed europea.

Il Round 8 del gruppo D si apre già domani sera alle 18.00 con la sfida ad alte quote fra Galatasaray (4-3) e la già qualificata Malaga (6-1); mercoledì alle 20.00 invece in campo Arka Gdynia (3-4) e Buducnost (1-6), con i montenegrini ancora disperatamente in corsa per un posto fra le migliori sedici.

Per quanto riguarda le formazioni italiane, nel gruppo A la Virtus Bologna (6-1) è ospite di Andorra (4-3) con palla a due mercoledì alle 20.00; trasferta a Bursa (4-3) per Venezia (5-2), prossima avversaria della Dolomiti Energia in campionato. Infine Brescia (4-3) gioca domani sera a Lubiana (2-5) per mettersi in tasca la qualificazione alle Top 16. 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Basket serie D: Virtus Riva aggancia Trento in testa alla classifica

Pubblicato

-

Le formazioni rivane – Gs e Virtus – si portano ai vertici della classifica.

La Virtus vincendo a Pergine raggiunge al primo posto il Cus Trento fermo per via del turno di riposo.

Mentre il Gs Riva vince giocando bene col Psg Villafranca andando ad occupare la seconda piazza.

Pubblicità
Pubblicità

La classifica cambierà nuovamente volto al termine del posticipo che questa sera manderà in campo Piani Junior e Gardolo.

Da segnalare la prima vittoria stagionale del Rovereto di coach Fumagalli che a Bolzano ha battuto l’Europa.

Finalmente è esploso il potenziale offensivo dello Junior Basket che la difesa dell’Europa non è riuscito a contrastare.

Paganella Lavis e Pergine Audace è stata posticipata al 12 dicembre e così la coda della classifica resterà provvisoria per alcune settimane.

Pubblicità
Pubblicità

Il prossimo turno si giocherà un interessante Cus Trento – Gs Riva per la coda Pergine Audace – Piani Junior Bolzano. Mentre a riposare sarà la Garda Scuola Virtus Altogarda.

RISULTATI. Europa Bolzano – Junior Basket Rovereto 50 – 76. Tecnisan Gs Riva2018 – Psg Villafranca 65 – 55. Basket Pergine – Virtus Gardascuola 44-86. Paganella Lavis – Pergine Audace posticipata al 12 dicembre. Piani Junior Bolzano – Gardolo oggi alle 20,30.

Riposo: Cus Trento

CLASSIFICA: Cus Trento e e Virtus Riva 8. Tecnisan Gs Riva 2018 e Gardolo 6. Piani Junior Bolzano, Psg Villafranca e Pergine Audace 4. Paganella Lavis e Junior Basket Rovereto 2. Basket Pergine e Europa Bolzano 0. Paganella Lavis, Pergine Audace, Piani Bolzano e Gardolo 1 partita in meno.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza