Connect with us
Pubblicità

Trento

4 africani aggrediscono 7 giovani trentini in centro storico. Dopo il danno arriva anche la beffa al pronto soccorso

Pubblicato

-


L’aggressione è avvenuta ieri sera in via Garibaldi a Trento poco prima delle 22.00 e ha coinvolto 3 giovani coppie trentine e un ragazzo, tutti sui 18/20 anni, che stavano camminando verso piazza Duomo dopo aver parcheggiato le proprie autovetture vicino a Piazza Fiera.

I 7 giovani mentre stavano camminando sono stati avvicinati da un uomo africano che voleva una sigaretta.

Alla risposta negativa lo straniero ha cominciato ad innervosirsi e dopo aver minacciato uno dei giovani trentini lo ha preso a pedate.

PubblicitàPubblicità

Il gruppo però non ha reagito continuando la passeggiata verso il centro città.

Purtroppo però sono stati inseguiti dallo straniero a cui si sono affiancati altri 3 amici, tutti africani.

I 4 hanno chiesto ai giovani se avessero bisogno di acquistare della droga e alla risposta negativa sono cominciati gli sfotto’ prima, e le minacce dopo.

PubblicitàPubblicità

A questo punto uno dei giovani trentini, non ancora ventenne, ha nuovamente respinto l’offerta invitando il gruppo ad andarsene e a lasciarli in pace.

La reazione del gruppo di africani è stata immediata.

Il ventenne è stato circondato e aggredito con un pugno in faccia, poi preso per il collo e a pedate.

Sono intervenuti gli amici e sono riusciti a salvare l’amico mentre gli aggressori sono fuggiti.

Sul posto sono intervenuti gli uomini della volante che hanno subito cominciato la ricerca degli aggressori. Il ventenne trentino ha sporto nella mattinata di oggi denuncia e sta aiutando la questura nelle indagini visionando numerose foto segnaletiche di pregiudicati africani.

Il ragazzo, accompagnato dal padre, si è poi recato al pronto soccorso del santa Chiara.

Per le ferite al labbro, alle due ginocchia, e i segni sul collo, il referto medico parla di una decina di giorni. 

L’equipe medica teme però che anche i legamenti possano essere lesi, quindi ci sarà bisogno di ulteriori accertamenti medici.

«Quanto sta succedendo a Trento è una vergogna – spiega il padre del ragazzo – ma la cosa che grida vendetta è il fatto che ho dovuto pagare anche 50 euro di ticket prima di lasciare il pronto soccorso  sapendo che per tutti gli stranieri che finiscono qui le visite invece sono gratuite. C’è comunque molta paura a lasciar passeggiare per le vie di Trento i nostri figli, e questo in un paese libero e democratico non dovrebbe succede»

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Grande Guerra: due vagoni in piazza Dante per ricordare i 12 mila caduti trentini

Pubblicato

-


I treni militari che partirono dalla stazione di Trento tra l’agosto 1914 e la fine del primo conflitto mondiale portarono i soldati trentini in Galizia, sui Carpazi, in Bucovina, Serbia e Italia. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Trento

Tar Trento: divieto di lavoro a un discendente dell’impero austro-ungarico è incostituzionale

Pubblicato

-


Il Tar di Trento ha sottoposto alla Corte costituzionale la questione di legittimità costituzionale in relazione al divieto di svolgimento di attività lavorativa per un cittadino straniero, discendente di un appartenente all’ex Impero austro-ungarico, in possesso di un permesso di soggiorno in attesa della cittadinanza ‘iure sanguinis’.  (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Maurizio Chillon protagonista della nuova puntata di «Nessuno Escluso»

Pubblicato

-


Maurizio Chillon protagonista della seconda puntata di “Nessuno Escluso”

È Maurizio Chillon, presidente del Gruppo Sportivo Amici dello Sport Disabili onlus di Lavis, associazione di volontariato nata nel 1989 con lo scopo di consentire ai ragazzi con handicap psichico di praticare dello sport attivo, il protagonista della seconda puntata di “Nessuno Escluso”.

Il format ideato da Gian Piero Robbi, candidato di Agire per il Trentino alle prossime provinciali, intende dare voce alle associazioni, a maggior ragione a quelle che si occupano con impegno e grande sensibilità della disabilità.

PubblicitàPubblicità

All’interno del sodalizio di Lavis guidato da Maurizio Chillon sono presenti quasi 60 atleti con età variabile da 20 a 60 anni e provenienti da diverse località del Trentino.

In questa puntata speciale il presidente dell’associazione, molto attivo per quanto riguarda il supporto nei confronti delle persone con handicap, tratta temi anche scomodi, in particolare per ciò che concerne l’utilizzo degli impianti sportivi.

Un approfondimento di sicuro interesse, per dare voce a chi ha a cuore il bene dei ragazzi disabili.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it