Connect with us
Pubblicità

Trento

Riparte la gara per il NOT. 150 milioni di euro dei cittadini Trentini buttati al vento dalla giunta Rossi

Pubblicato

-

Il Dirigente generale del Dipartimento Infrastrutture e Mobilità della Provincia autonoma di Trento ha firmato la determinazione che riavvia l’iter per la realizzazione del nuovo ospedale del Trentino.

Ciò in ottemperanza a quanto disposto dalla sentenza del Consiglio di Stato.

Ad oggi la provincia autonoma ha speso 150 milioni di euro dei 338 previsti per la realizzazione del Nuovo ospedale Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

Ma purtroppo per ora all’orizzonte si vede solo il nulla.

Se tutto andrà bene vedremo il nuovo ospedale nascere fra circa 20 anni.

La realizzazione del così detto NOT (nuovo ospedale di Trento), un’opera essenziale per il territorio e la sanità trentina da anni sta cercando di vedere la luce.

La costruzione di questa enorme struttura è stata nella bufera e rappresenta una rara perla miliare degli sprechi del centrosinistra trentino nelle ultime due legislature.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla vicenda si parla e si scrive ormai da anni, risale al 2011 l’inizio della procedura per l’affidamento dei lavori, quando ancora era Ugo Rossi l’assessore della sanità.

Poi i lavori sono stati  stoppati da impedimenti assolutamente evitabili.

Tali intoppi hanno portato a perdite ingenti di denaro pubblico e allo stallo di un progetto che è prioritario per tutta la popolazione trentina.

Inoltre hanno causato un danno economico ad un settore, come quello dell’edilizia già in ginocchio a causa della congiuntura economica attuale.

Il lavoro che avrebbe generato un’opera di tali dimensioni sarebbe stata una boccata di ossigeno per la nostra economia.

Ricordiamo che l’annosa vicenda legata al NOT dopo i numerosi ricorsi al Tar da parte dei quattro partecipanti alla gara d’appalto, si era bloccata per via della composizione della commissione tecnica della gara dichiarata illegittima  

Dopo la decisione del Tar, il Consiglio di Stato nel 2014 aveva espresso in una sentenza una formulazione abbastanza ampia con la possibilità per la Pat di rinnovare la gara con la ripresentazione dell’offerta.

La Provincia ha scelto di revocare il bando e procedere, alla luce anche del nuovo contesto finanziario e economico e dei vantaggi che parevano rilevanti, di procedere con un appalto di progettazione integrato che poi ha fatto.

I quattro partecipanti, nel frattempo, avevano fatto ricorso contro la revoca del bando che il Tar ha respinto non prevedendo neppure il rimborso spese o risarcimenti danni.

Solo una di queste quattro ditte, la Cdm, aveva presentato appello al Consiglio di Stato che ha poi emesso una sentenza con la quale ha accolto il ricorso.

Nel corso della seduta della Quarta commissione del 26 settembre 2017, l’indomani dell’annullamento della gara,  l’assessore Zeni, su richiesta del Presidente Giuseppe Detomas (Ual), aveva presentato ai consiglieri una breve relazione sulla sentenza del Consiglio di Stato sul bando per il nuovo ospedale di Trento.

L’assessore, ricostruendo l’ormai annosa vicenda, ha ricordato che il bando di finanza di progetto del 2011 ha visto numerosi ricorsi al Tar da parte dei quattro partecipanti, in particolare per la composizione della commissione e l’ avvallamento delle procedure di due partecipanti nei confronti degli altri due.

Dopo la decisione del Tar, aveva detto, il Consiglio di Stato nel 2014 aveva espresso in una sentenza una formulazione abbastanza ampia con la possibilità per la Pat di rinnovare la gara con la ripresentazione dell’offerta. La Provincia ha scelto di revocare il bando e procedere, alla luce anche del nuovo contesto finanziario e economico e dei vantaggi che parevano rilevanti, di procedere con un appalto di progettazione integrato che si è fatto negli ultimi mesi.

Una sentenza, aveva detto ancora Zeni, che il Consiglio di Stato ha motivato riconoscendo che la pubblica amministrazione ha un generale potere di revoca, ma nel momento in cui nella motivazione della revoca è stata citata la sentenza del Tar del 2014 dove si diceva che la Pat “può procedere alla rinnovazione della gara”, quel “può” doveva essere inteso come “deve”.

Allora le opposizioni compatte riversarono tutte le responsabilità sul governatore Ugo Rossi e a suon di interrogazioni avevano chiesto di quantificare i danni e sapere di chi erano le responsaabilità

La lega nord aveva depositato un’interrogazione alla giunta provinciale dove chiedeva l’ammontare delle spese legali della Provincia e le richieste di rimborso da parte delle imprese dall’inizio della realizzazione del NOT, ancora ferma al palo. Fugatti nella sua interrogazione chiedeva anche i nomi di chi ha commesso gli errori per l’indizione di un secondo bando con criteri diversi dal primo, e se a fronte del tempo perso, delle risorse economiche impiegate e della lungaggine che si prefigura per la realizzazione di un nuovo ospedale non si sarebbe potuto puntare sulla riqualificazione dell’ospedale Santa Chiara e sul potenziamento degli ospedali di Valle.

«Tra bandi avviati, commissioni poco trasparenti, criteri alquanto discutibili per l’assegnazione dei lavori e imprese che pare non si vedranno mai elargire i risarcimenti richiesti (circa 32 mln di Euro) i danni sono molti e a pagarne le conseguenze saranno inevitabilmente i cittadini trentini» – si leggeva anche nella premessa di Maurizio Fugatti.

Dello stesso avviso era anche il consigliere provinciale di Forza Italia Giacomo Bezzi che come il collega Fugatti aveva presentato un’interrogazione sulla questione. «Dopo un iter fantascientifico fatto di nuovi bandi, errori, cambiamenti territoriali ecc ecc – spiegava Bezzi – sono iniziati i lavori propedeutici alla realizzazione del nuovo polo giudiziario di Trento, ma nulla ad oggi è dato sapere sullo stato dell’approvazione del progetto esecutivo. Inoltre si vuole conoscere quali siano i lavori realizzati ad oggi e le modalità con cui sono stati appaltati».

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Nuovo percorso delle corriere a Borghetto

Pubblicato

-

Il nuovo anno ha portato una buona notizia per i residenti della frazione di Borghetto.

A partire da mercoledì 29 gennaio 2020, infatti, le corriere di linea di Trentino Trasporti per il trasporto extraurbano non transiteranno più nel centro abitato di Borghetto ma passeranno lungo la cintura esterna.

Una notizia che arriva dopo che la questione era stata più volte sollevata dalla comunità locale. Infatti, gli autobus di linea si trovavano a passare nelle vie del centro abitato particolarmente strette e non adatte a sopportare un traffico di questo tipo.

Pubblicità
Pubblicità

Una problematica che si era acuita nel corso degli ultimi anni a causa dell’aumento in larghezza degli autobus di 5 cm. Una leggera differenza ma che nelle piccole e strette vie fa la differenza.

La situazione, infatti, presentava una duplice pericolosità: da una parte, per gli autisti, costretti a procedere col rischio di urtare le case o le imposte sulle pareti, e dall’altra – ancora più pericolosa – per i residenti, e in particolare per i più piccoli, che uscendo dalle loro abitazioni si trovavano di fronte questi veicoli così grandi e vicini alle porte delle case.

Di qui, era partito il lungo iter procedurale che ha visto l’amministrazione comunale attivarsi con la società di trasporto pubblico della Provincia autonoma di Trento per ricercare una soluzione che, in qualche modo, soddisfacesse tutti.

E la soluzione è stata trovata in un percorso alternativo esterno con una fermata provvisoria – in attesa di renderla definitiva con la costruzione di un apposito marciapiede – all’inizio di via XXVII maggio, sulla strada provinciale, prima del ponte sul Fiume Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Ed una, nei prossimi mesi, verrà realizzata in via alla Cà, valutata e considerata la grande espansione volumetrica e residenziale di questa parte importante del paese. Soddisfatto il Sindaco Federico Secchi: “È una notizia importante e particolarmente attesa dalla Comunità di Borghetto.

L’avevamo promesso ed ora l’abbiamo fatto. Adesso l’abitato è più sicuro e quindi pure più vivibile. Un risultato raggiunto anche grazie al consigliere Moreno Salvetti che si è fatto carico fin da subito di questa questione.”.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Rubano profumi, Swarovski e alcolici all’Aeroporto di Catania: denunciati 4 giovani trentini

Pubblicato

-

Alle forze dell’ordine è bastato visionare i filmati forniti dalla negoziante e quelli estrapolati dal sistema di videosorveglianza dell’aeroporto Fontanarossa di Catania per riuscire a identificare i 4 trentini, due uomini e due donne tra i 20 e i 23 anni, che ultimato il furto si imbarcavano su un volo diretto a Venezia.

Nella giornata di ieri, la titolare di un negozio all’interno del Duty Free aeroportuale ha denunciato al personale della Polizia di Frontiera Aerea in servizio presso l’aeroporto di Catania, il furto di parecchie confezioni di profumi e Swarovski.

Le due coppie di giovani trentini credevano di averla fatta franca. Ma invece a Venezia appena atterrati hanno trovato gli agenti della Polizia ad attenderli.

Pubblicità
Pubblicità

Immediatamente infatti dall’aeroporto di Catania era stata allertata la Polizia di Frontiera di Venezia.

Una volta atterrato atterrato l’aereo infatti, gli operatori di Polizia sono riusciti ad individuare e controllare le quattro persone che hanno consegnato 16 confezioni di profumo, due paia di orecchini e due bottiglie di superalcolici per un valore di oltre 1.500 euro.

I 4 sono stati denunciati per furto aggravato in concorso.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Prevenzione della corruzione e trasparenza, approvazione preliminare del Piano 2020-2022

Pubblicato

-

Su proposta del presidente Maurizio Fugatti, la Giunta provinciale ha approvato in via preliminare, in vista della definitiva adozione entro il mese di gennaio, il “Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza 2020-2022”.

Il documento è stato redatto seguendo le indicazioni del nuovo Piano Nazionale anticorruzione approvato dall’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) lo scorso mese di novembre.

Si struttura in due parti: la prima relativa alla strategia anticorruzione, la seconda dedicata alla trasparenza.

Pubblicità
Pubblicità

Per adeguare il piano provinciale alle nuove linee di indirizzo, sono stati individuati alcuni obiettivi strategici.

In particolare, l’adeguamento della mappatura dei processi e l’analisi del rischio, per individuare misure anticorruzione meno standardizzate, formali e burocratiche, per dare all’attività anticorruzione un valore più sostanziale, valorizzandone la concretezza e l’utilità per l’organizzazione interna e per i cittadini.

Inoltre la ridefinizione dei criteri di attuazione della misura della rotazione ordinaria  e straordinaria degli incarichi dirigenziali e direttivi, tenuto conto della particolarità e specializzazione necessaria dei vari settori garantendo al contempo elasticità e efficienza della struttura organizzativa.

E ancora l’ulteriore implementazione del “Portale Amministrazione Trasparente”, per migliorarlo ulteriormente ai fini della fruibilità del cittadino.

Pubblicità
Pubblicità

Il nuovo responsabile per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza per la Provincia autonoma di Trento sarà Luca Comper dirigente generale della Unità di missione strategica affari generali della Presidenza, segreteria della Giunta e trasparenza, che coordinerà un gruppo di referenti dipartimentali.

Infine l’incremento della trasparenza potenziando l’accessibilità dall’esterno a documenti e informazioni e l’attuazione delle direttive già impartite agli enti strumentali della Provincia.

La legge 190-2012 ha previsto che ogni pubblica amministrazione adotti un piano triennale di prevenzione della corruzione. Il piano deve essere aggiornato annualmente.

Il primo piano provinciale è stato approvato nel 2013; in seguito è stato aggiornato e sostituito da ulteriori piani triennali.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza