Connect with us
Pubblicità

Psicologia dei Diritti

Separazioni e affido minori: ddl Pillon con molte ombre e poche luci

Pubblicato

-

Disegno di legge che presenta da subito molte contraddizioni e incongruenze.

L’ordine dei giovani avvocati solleva parecchie perplessità nel merito, la politica si divide, e su change.org una petizione che chiede il ritiro del disegno di legge raggiunge 85 mila firme in pochi giorni.

Il 10 novembre è stata inoltre indetta una grande mobilitazione generale di donne e uomini della società civile per chiedere l’azzeramento del ddl Pillon

PubblicitàPubblicità

Ma cos’è il nuovo disegno di legge Pillon?

La politica negli ultimi anni ha posto sempre maggiore attenzione all‘istituzione familiare.

Con l’aumento delle separazioni è diventato sempre più rilevante il problema del collocamento dei figli minori e della loro gestione da parte dei genitori, ma anche il rapporto con i nonni e in ogni caso delle figure di riferimento.

La stampa poi si è occupata ampiamente anche delle case famiglia e degli allontanamenti dei minori non solo dai propri genitori, ma anche dal proprio ambiente di riferimento con conseguente dolore e disorientamento di tutti i componenti del nucleo familiare.

A livello legislativo in questione di affidamento e di separazione dei genitori è nota la Legge n. 54 del 2006 dove è stato affrontato il discorso della bigenitorialità e dell’affido condiviso per il quale i due genitori sono visti per la prima volta alla pari, ma ora dopo 12 anni ci troviamo di fronte al Disegno di Legge 735 proposto dall’Onorevole Simone Pillon di cui tutti parlano e al quale sono state sollevate diverse critiche.

Questo è il primo di tre articoli, non certo di carattere politico, in cui s’intende analizzare i diversi contenuti del DDL 735 per riflettere su bisogni della famiglia e dare un contributo alla risoluzione dei problemi che si trovano ad affrontare due genitori che decidono di separarsi e che in un contesto di contrasti e dolore devono trovare la situazione migliore per i loro figli.

Il primo articolo analizzerà la mediazione civile obbligatoria per le questioni in cui siano coinvolti i figli minorenni.

Il secondo articolo approfondirà l’equilibrio tra entrambe le figure genitoriali, i tempi paritari.

Il terzo articolo analizzerà il mantenimento in forma diretta senza automatismi.

Il quarto e ultimo articolo sarà un’osservazione riguardo il contrasto dell’alienazione genitoriale.

LA MEDIAZIONI GENITORIALE – I primi articoli del Disegno di Legge Pillon sono dedicati alla figura del mediatore familiare che deve appartenere ad un albo e quindi avere titoli di studio e specializzazioni adeguate. A questo riguardo il mediatore deve sicuramente saper analizzare la situazione, prima di intraprendere una mediazione tra le parti in quanto solo conoscendo la radice del problema si può trovare una soluzione. È importante sottolineare anche che ogni caso è un po’ a sé e va preso nella sua particolarità.

A titolo esemplificativo, diverso è infatti il fatto che due genitori si litighino e separino per via di un tradimento rispetto al fatto che dopo la nascita dei figli scoprano di avere due modi diversi di vedere la vita e di educare i figli.

Nel primo caso il mediatore deve affrontare la situazione considerando aspetti più profondi e ampi, appartenenti ai singoli genitori per poi trovare una linea di comunicazione libera dalle reciproche aggressioni, nel secondo caso deve trovare un substrato comune perché la gestione e l’educazione dei figli possa essere espletata nel modo più consono possibile.

Ancora è importante evidenziare che vi può essere differenza nell’esercitare la mediazione se il professionista prima di diventare mediatore è di base uno psicologo o un avvocato o un pedagogista ecc. Nel primo caso ci sarebbe un’inclinazione ad analizzare i meccanismi sottostanti, nel secondo la tendenza a trovare un accordo tra le parti, nel terzo ci sarebbe forse una propensione all’educazione dei genitori a comportarsi in una certa maniera per il bene e la stessa educazione dei figli.

In questo DDL la mediazione diventa condizione di procedibilità qualora nella controversia siano coinvolti direttamente o indirettamente minorenni.

In questo modo, secondo il legislatore, si potrebbero evitare procedimenti giudiziari le cui spese vengono pagate soprattutto dai minori. Si prevede poi l’omologazione del Tribunale competente al fine dell’accordo raggiunto entro 15 giorni dalla richiesta, in camera di consiglio.

È interessante inoltre sapere che in un articolo della Rivista italiana Educazione Familiare n. 2 del 2009 emerge che la maggior parte delle persone che si sono rivolte ad un mediatore è rimasta soddisfatta e che la mediazione familiare sia uno strumento efficace al fine di affrontare alcuni dei bisogni che emergono durante la separazione, riuscendo, secondo quanto affermato dai genitori, a gestire il conflitto in modo costruttivo.

L’articolo 5 infine cita la figura del coordinatore genitoriale esperto qualificato con funzione mediativa, dotato di formazione specialistica in coordinazione genitoriale, iscritto all’Albo di una delle professioni regolamentate di ambito sanitario o socio-giuridico. La sua attività è volta al superamento di eventuali ostacoli al corretto e sereno esercizio della co-genitorialità assistendo i genitori nell’attuazione del piano genitoriale, monitorandone l’osservanza e risolvendo tempestivamente le controversie.

Queste risorse descritte nel DDL 735 potrebbero aiutare i genitori a superare le conflittualità evitando così un provvedimento giudiziale in tribunale facendo risparmiare tempo ed energia ai genitori, ai figli, ma anche alle persone vicine come parenti e amici.

Tuttavia se il mediatore o la mediatrice pone attenzione nel trovare per forza un accordo senza analizzare in profondità la situazione familiare forse non si farà il bene dei minori e dei loro cari. A volte il comportamento di uno dei genitori è realmente problematico e la “guerra genitoriale” non dipende dalla difficoltà di comunicazione o incoscienza del proprio ruolo genitoriale.

Un esempio può essere quello che vede protagonista una donna che ha subito diverse aggressioni dal marito con il quale ha avuto due figli. L’ultima volta che Giulia (nome di fantasia) ha subito violenza è stato quando ha scoperto che lo stesso aveva una relazione sessuale con la sua prima figlia al tempo del fatto ancora minorenne, nata da un precedente rapporto.

Questi fatti non ancora chiariti a livello penale, non sono stati considerati nella mediazione dei servizi sociali, non è stato analizzato nulla di quanto la signora ha cercato sempre disperatamente di raccontare per spiegare la sua paura a lasciare i figli a casa dal padre e di conseguenza la mediazione non ha ancora avuto risultati positivi.

In questo caso, ma anche in molti altri simili, se si vuole a tutti costi trovare un accordo senza analizzare i fatti che hanno portato alla separazione familiare, non si arriverà mai alla soluzione dei problemi e tutti i protagonisti di questo dolore continueranno a soffrire, compresi quelli che sembrano i più forti, avendo agito con forza e aggressività su chi considerano più debole fisicamente.

Quindi cari mediatori e coordinatori genitoriali, imparate bene ad ascoltare chi avete di fronte prima di cercare un accordo che potrebbe rivolgersi contro tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Psicologia dei Diritti

Oggi è il giorno della Memoria

Pubblicato

-

Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 Gennaio di ogni anno come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto.

È stato così designato dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005 per ricordare la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz da parte dell’Armata Russa avvenuta nel 1945.

Oggi purtroppo si ricorda uno degli orrori della nostra storia più atroci dell’umanità.

PubblicitàPubblicità

È il giorno della Memoria, dell’Olocausto, che, a partire dalla seconda metà del XX secolo, indica il genocidio di cui furono responsabili le autorità della Germania nazista e i loro alleati nei confronti degli ebrei d’Europa e di tutte le categorie di persone ritenute “indesiderabili” o “inferiori” per motivi politici, religiosi o razziali come le popolazioni slave delle regioni occupate nell’Europa orientale e nei Balcani, oppositori politici, massoni, minoranze etniche come rom, sinti e jenisch, gruppi religiosi tra cui 5-6 milioni di ebrei, persone sofferenti come malati di mete, portatori di handicap, ma anche persone considerate diverse come gli omosessuali.

Tra il 1933 e il 1945, furono circa 15-17 milioni le vittime dell’Olocausto, di entrambi i sessi e di tutte le età, senza nessuna pietà nè per gli anziani, né per i bambini. Per dare un’idea più concreta per 12 interminabili anni sono state uccise barbaramente circa 3 persone al minuto .

Ma che cosa significa “0locausto”?

La parola “Olocausto” deriva dal greco e significa “bruciato interamente” ed era la più retta forma di sacrificio del giudaismo.

L’Olocausto, in quanto genocidio degli ebrei, è imvee identificato più correttamente con il termine Shoah che in ebraico significa catastrofe, distruzione, un massacro per eliminare semplicemente chi non si voleva. Non vi era più alcun significato o elemento sacrificale. Il nostro passato è testimone di una barbarie senza eguali caratterizzata da metodi e organizzazione moderne mescolate ad azioni arcaiche e terribili.

Ma cosa significa oggi ricordare l’Olocausto?

Oggi è importante ricordare ai giovani che cosa è successo, non solo attraverso lo studio della storia o la visione di film o documentari, bensì è più che mai fondamentale arrivare al cuore dei ragazzi parlando di diritti umani, di che cosa vuol dire essere privati di tutto ciò che vuol dire essere persona prima di giungere al forno crematorio.

Importante quindi è trasmettere il ricordo e non solo la memoria del passato perché imparare è un’azione che passa non solo dalla mente e quindi dalla memoria, ma anche dal cuore per trasformarsi in ricordo e idee per migliorare il nostro futuro.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Psicologia dei Diritti

Ieri la 52° Giornata Mondiale della Pace: «Tutti lottano per i diritti senza conoscere i propri doveri»

Pubblicato

-

Ieri, primo giorno dell’anno è stata la 52esima Giornata Mondiale della Pace e in questa occasione, Papa Francesco ha parlato di buona politica al servizio della pace, mentre la Comunità di Sant’Egidio invita in tutti nelle strade per un mondo più giusto, senza la violenza e con attenzione alla povertà.

Occorrono uomini e donne di buona volontà uniti e lavorare insieme per affrontare e superare problemi come i conflitti presenti in tutto il mondo, il terrorismo, e le politiche corrotte.

Ma la pace non è solo l’eliminazione delle guerre e cibo e acqua per tutti.

PubblicitàPubblicità

La Pace con la P maiuscola è costruire, giorno per giorno, relazioni positive, superando le paure delle singole persone nei confronti dell’altro.

La Pace consiste nel rispettare gli altri, ma anche se stessi, non abbandonandosi all’inseguimento di chimere o idoli, all’apparenza perfetti, ma che dentro invece sono vuoti, lontani dalla realtà e senza alcuna reale azione concreta ed eroica.

Gli eroi oggi purtroppo non vengono riconosciuti perché non vengono più visti i valori, i diritti umani, il senso dell’etica e della giustizia.

Oggi siamo in un mondo che a chi lotta concretamente per le altre persone viene chiesto in modo sarcastico…”ma chi te lo fa fare”, viene deriso come ingenuo e inconcludente.

Va di moda chi protesta, la persona che si impone sugli altri e cerca di eliminare chi non serve come se fosse una bottiglia di plastica gettata a mare, che però tuttavia inesorabilmente ritorna a riva ricordandoci che non possiamo fare sempre quello che vogliamo perché ogni azione ha delle conseguenze.

Abbiamo dimenticato il potere della cultura, non certo quella appartenente ad un determinato territorio, ma l’arte nelle sue molteplici forme che ha il potere magico di unire l’uno all’altro e di cui il nostro Paese è ricco, essendo stato influenzato, nella sua storia da moltissimi popoli.

Nel discorso di fine anno il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha parlato di “sentirsi comunità” nel senso di condivisione di valori, prospettive, diritti e doveri.

Nella realtà tutti lottano per i diritti senza conoscere i propri doveri.

A questo proposito ricordo che pochi giorni fa ho concluso una perizia per l’affidamento genitoriale e il padre rivendicava il diritto di vedere la figlia.

Questo è naturale e denota un forte attaccamento alla sua bambina, ma quando gli è stato chiesto un elemento concreto della genitorialità, come quello del rapporto con la scuola, il giovane padre ha detto che non si occupava di queste cose perché lavorava.

È vero oggi giorno è difficile conciliare lavoro e impegni familiari, ma i diritti dei genitori si devono affiancare i diritti dei figli di essere seguiti e bisogna assolutamente ricordare che tra un diritto e l’altro ci sta per forza un dovere.

I diritti delle persone vengono rispettati nel momento in cui vengono esercitate le proprie responsabilità, altrimenti si rischia di vivere nella prepotenza di chi rivendica con più forza i propri diritti che a questo punto non si possono più definire tali, ma assimilabili solamente a ciò che si vuole o desidera. È proprio nella mescolanza e contemporaneità dell’esercizio dei diritti e dei doveri che regna la Pace, altrimenti è guerra nelle sue molteplici forme.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Psicologia dei Diritti

La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo compie oggi 70 anni

Pubblicato

-

Oggi in tutto il mondo vi sono manifestazioni e fiaccolate per ricordare che il rispetto dei diritti è fondamentale in quanto costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo.

Il 10 Dicembre 1948 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo, ma l’Italia entra a far parte di questa Assemblea solo il 14 dicembre 1955.

Ma in che cosa consiste questo documento?

PubblicitàPubblicità

Forse è uno dei più straordinari documenti scritti negli ultimi anni.

Straordinario perchè abbraccia tutto il mondo e l’uomo è considerato nella sua vera essenza al di là di ogni politica, religione, razza, colore, origine, ricchezza o altra condizione.

Si possono leggere 30 articoli che hanno radici lontane che affondano nei primi principi etici classico-europei stabiliti dalla Bill of Rights e nella dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America, ma soprattutto nella dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino risalente la Rivoluzione francese del 1789.

Entriamo ora insieme nel cuore di alcuni articoli e la sola lettura ci ricorda che ogni persona è libera e siamo tutti figli di Madre Terra

L’articolo 3 sancisce che ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.

L’articolo 12 sancisce poi che nessun individuo potrà essere sottoposto ad interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nella sua casa, nella sua corrispondenza, né a lesione del suo onore e della sua reputazione.

Scorrendo il documento si può leggere ancora che ogni individuo ha diritto ad essere tutelato dalla legge contro tali interferenze o lesioni.

È straordinario anche ricordare che ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato e di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni.

E ancora ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare di religione o di credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o in comune, e sia in pubblico che in privato, la propria religione o il proprio credo nell’insegnamento, nelle pratiche, nel culto e nell’osservanza dei riti.

Questi sono solo alcuni degli articoli della Dichiarazione e sono pieni di amore e rispetto per l’essere umano, ma cosa può succedere se non vengono rispettati i diritti fondamentali dell’uomo?

Si crea sicuramente sofferenza che può portare a patologie e quindi a probabili spese sanitarie che colpiscono l’individuo stesso e il suo ambiente di riferimento.

Il rispetto dei diritti può portare invece serenità personale e sociale e una persona sana e serena sicuramente si impegnerà più spesso e volentieri nel proprio progetto di vita, nel lavoro e come cittadino diventerà più consapevole e partecipe.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza