Connect with us
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Speciale Elezioni, Alfonso Larentis (AGIRE): “Troppa burocrazia, dobbiamo permettere ai volontari di agire con maggiore libertà.”

Pubblicato

-

Procede la presentazione dei Candidati alle prossime elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale. In questa seconda intervista, cercheremo di entrare nel vivo dei programmi. Alfonso Larentis – Agire per il Trentino

Larentis, cosa pensa della prevenzione sul territorio?

Il nostro territorio viene continuamente modellato dalla natura e dall’azione dell’ uomo per ricavarne spazi per le proprie attività produttive e infrastrutturali. L’aumento dell’urbanizzazione che porta ad una impermeabilizzazione del terreno e il disboscamento, fanno sì che le piogge defluiscano da monte a valle sempre con maggiore velocità causando conseguentemente una maggiore erosione del terreno. Questi interventi che alterano gli equilibri naturali impongono inevitabilmente di mantenere alta l’attenzione dell’uomo per quel che riguarda la prevenzione.

Pubblicità
Pubblicità

Ce cosa propone per la gestione dei corsi d’acqua?

Dopo le varie alluvioni, soprattutto quella del ’66 che ha interessato la città di Trento e non solo, molto è stato fatto per prevenire questi eventi, come per esempio l’innalzamento e la cura degli argini e degli alvei, la predisposizione di sistemi di monitoraggio, ma anche nel contingentare il flusso dell’acqua con dei bacini artificiali o delle briglie.

Occorre però non abbassare la guardia e non ridurre le risorse economiche in questo campo, perché solo mantenendo un’elevata soglia di attenzione e cura, potremmo evitare anche in futuro disastri che si sono già verificati in passato e più recentemente in altre zone d’Italia.

Come pensa si possano prevenire le frane e l’erosione del suolo?

Pubblicità
Pubblicità

In alcuni casi le frane avvengono in maniera completamente naturale o per eventi meteorologici avversi e quindi sono difficili da prevenire, in altri casi avvengono a seguito di modifiche dell’ ambiente naturale da parte dell’ uomo come ad esempio esbosco massivo, costruzione di vie di comunicazione, bonifiche ecc.

La manutenzione dei muretti dei terrazzamenti agricoli, delle canalette delle strade forestali, un adeguato rimboschimento e consolidamento delle aree a rischio, la predisposizione di idonei sistemi di deflusso dell’acqua, contribuiscono a ridurre i fenomeni di erosione del terreno e quindi di dissesto idrogeologico.

Occorre investire sempre nuove risorse su una manutenzione costante e continua dei territorio con la consapevolezza che la cura del territorio si traduce in sicurezza per chi ci vive.

Come pensa si possano ridurre i rischi degli incendi?

Il Trentino è già un fiore all’occhiello per quel che riguarda il volontariato e vanta oltre ai permanenti, tantissimi corpi di volontari dei Vigili del Fuoco che tempestivamente intervengono sul territorio in caso di incendio. A mio parere, in una regione boschiva come la nostra, vanno mantenuti investimenti per la creazione e la salvaguardia di strade taglia fuoco e di bacini di raccolta di acqua come sistemi antincendio, in modo che il personale di terra sia facilitato nel coadiuvare il prezioso lavoro degli elicotteri in caso di necessità.

Quanto pensa sia importante il ruolo dell’uomo nella prevenzione?

Nella fase di prevenzione le azioni e il senso di responsabilità di ogni singolo cittadino possono portare già buoni risultati. A questo si aggiunge il prezioso lavoro svolto da tecnici professionisti che con la loro rete di interventi capillari operano costantemente sul territorio. A fianco di questa  struttura operano numerosi volontari ed è anche grazie al loro fondamentale contributo che riusciamo ad ottenere importanti risultati.

La sfida del futuro sarà quella di sburocratizzare le associazioni per permettere ai volontari di agire con maggiore libertà, inoltre sarà necessario creare un’interazione fra la scuola e la Protezione Civile per sensibilizzare i nostri ragazzi all’importanza della prevenzione e favorire il necessario ricambio generazionale che permetterà di dare continuità all’associazionismo di domani e alla cura del territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Elezioni provinciali, ultimi controlli prima dell’inizio della nuova legislatura

Pubblicato

-

Concluse le operazioni di spoglio delle schede, relative alle elezioni provinciali tenute domenica in Trentino, vi sono ora alcuni passaggi formali a cui adempiere prima che la nuova legislatura possa concretamente iniziare. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Il centrodestra festeggia in piazza a Trento: “Risultato storico”

Pubblicato

-

Il centrodestra trentino ha brindato in piazza Cesare Battisti alla vittoria del nuovo presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Elezioni Provinciali, Fugatti esulta: “Grande orgoglio e grande responsabilità dai trentini”

Pubblicato

-

“Un risultato che ci dà molto orgoglio e ci responsabilizza per il forte mandato popolare che abbiamo avuto. I trentini hanno ricordato le battaglie che abbiamo fatto sul territorio. La storia ci ha dato ragione”.

Così Maurizio Fugatti, nuovo presidente della Provincia Autonoma di Trento, commenta i risultati elettorali del voto del 21 ottobre. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza