Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Cambiamento climatico: studio UniTrento attraverso i dati satellitari

Pubblicato

-

Estensione delle aree desertiche. Variazioni nella flora e nella fauna. Territori consumati da fenomeni naturali estremi. Il cambiamento climatico sta trasformando il volto della Terra. Per analizzare i dati satellitari disponibili da quasi 30 anni e comprendere cosa stia accadendo alla superficie terrestre c’è ora un progetto innovativo (“High Resolution Land Cover Essential Climate Variable”), che ha avuto il suo atto iniziale ieri a Frascati nella sede del Centro europeo per l’osservazione della Terra (Esrin) dell’Agenzia spaziale euroepa (Esa).

Il progetto, coordinato dal Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Università di Trento, vede la partecipazione della Fondazione Bruno Kessler e di istituti di ricerca internazionali leader nel settore del telerilevamento e in ambito climatologico.

Il progetto a guida UniTrento è inserito in un programma scientifico di punta dell’Agenzia spaziale europea sul Climate Change, a cui potrà dare un apporto di primo piano. Al team di ricerca è chiesto, infatti, di sviluppare un sistema per elaborare i dati satellitari e generare mappe di copertura del suolo da integrare all’interno di modelli climatici. I risultati così ottenuti contribuiranno a stilare il rapporto sul clima che viene poi usato a livello politico internazionale per decidere le strategie di mitigazione.

Pubblicità
Pubblicità

Il coordinatore Lorenzo Bruzzone, professore del Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione dell’Ateneo di Trento, dove è responsabile del laboratorio di telerilevamento (RSLab), sottolinea: «Il nostro è l’unico progetto a guida italiana dell’intero programma Esa sul Climate Change e nella prima fase sarà finanziato con un milione e 700 mila euro».

Bruzzone racconta: «I satelliti per l’osservazione della Terra sono ormai un’irrinunciabile sorgente di informazione per studiare l’evoluzione della copertura della superficie terrestre. Analizzeremo l’enorme mole di dati satellitari (big data) acquisiti attualmente dalle costellazioni di satelliti in orbita e quelli disponibili negli archivi a partire dal 1990. Il sistema di elaborazione automatica utilizzerà sofisticate tecniche di elaborazione e riconoscimento immagini basate su reti neurali artificiali “deep” e intelligenza artificiale».

Quale sarà il metodo di lavoro del team, coordinato da Bruzzone? «Nel progetto prevediamo di inserire l’informazione proveniente dall’elaborazione dei dati satellitari nei modelli climatici per studiare e comprendere meglio i cambiamenti degli ultimi 30 anni. Ciò sarà fondamentale per supportare le previsioni di quello che avverrà sulla base dell’impiego dei futuri dati satellitari che verranno elaborati automaticamente dal nuovo sistema. La prima fase del progetto studierà in dettaglio a livello sub-continentale l’Amazzonia, l’Africa sahariana e la Siberia. Un aspetto molto rilevante è che i risultati di questo progetto diventeranno una fonte importante di informazione per elaborare il rapporto sul clima che viene poi usato a livello politico internazionale per decidere le strategie di mitigazione».

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza