Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Trento, le scuole al Teatro San Marco: 25 spettacoli in calendario

Pubblicato

-

Sono più di 25 gli spettacoli messi a calendario dal Teatro San Marco di Trento nella nuova stagione per le scuole.

Proposte pensate per un pubblico di bimbi della scuola dell’infanzia e primaria, come “Nella vecchia fattoria” e “Piantala, Emma!”, ma anche per i ragazzi della scuola secondaria di primo e secondo grado, come “L’amico ritrovato” e “Piombo”.

Attenzione speciale è dedicata all’apprendimento delle lingue, con uno spettacolo in inglese (“A silly fox) e uno in spagnolo (“Soñé que era un sueño”). Il 28 maggio, infine, grande chiusura della stagione con “L’elisir d’amore” di G. Donizetti, portato al San Marco dall’Orchestra Haydn nell’ambito del progetto “Opera Kids”.

PubblicitàPubblicità

Da 12 anni il teatro San Marco è il punto di riferimento in Trentino per gli insegnanti che a inizio anno scolastico cercano proposte teatrali di qualità. Quest’anno l’impegno del direttore Massimo Lazzeri e di tutta la compagnia “Il teatro delle quisquilie” si rinnova, con una stagione di oltre 25 spettacoli. Si va dai grandi classici per i più piccoli come “Nella vecchia fattoria”, “Piantala, Emma!” e “Pollicino”, fino alle proposte pensate per un pubblico di studenti delle scuole medie e superiori, come “Iliade – Mito di ieri, guerra di oggi”, “L’amico ritrovato” (che verrà rappresentato in occasione della Giornata della memoria) e “Piombo”.

Proprio “Piombo” rappresenta la prima grande novità di questa stagione 2018 – 2019. Con “Piombo” Il teatro delle quisquilie sceglie una proposta forte di teatro civile. Sul palco del San Marco rivivranno alcuni dei protagonisti degli anni Settanta, vittime e carnefici, raccontati attraverso le loro storie umane e personali.

L’altra grande novità è l’attenzione dedicata alle lingue straniere con proposte per i piccoli, ma anche per i grandi. A marzo vanno quindi in scena “A silly fox”, uno spettacolo in lingua inglese dedicato ai bimbi e alle bimbe della scuola dell’infanzia e primaria, e “Soñé que era un sueño” di Errante Teatro-Danza, destinato a un pubblico di studenti della scuola secondaria di secondo grado.

PubblicitàPubblicità

Il teatro è ormai universalmente riconosciuto come uno strumento prezioso di aiuto alla didattica. Attraverso la rappresentazione scenica, gli studenti sono stimolati a confrontarsi con situazioni complesse, acquisendo nozioni e strumenti importantissimi per il loro percorso di crescita umana e intellettuale. All’inizio dell’anno scolastico sempre più insegnanti scelgono quindi di inserire nel programma scolastico esperienze teatrali, con l’obiettivo di offrire alle proprie classi una modalità di apprendimento nuovo, ma anche per avvicinare i ragazzi e le ragazze al mondo dello spettacolo.

Il San Marco, con un calendario particolarmente ricco e proposte differenziate in base alla fascia d’età del pubblico, rappresenta una risorsa preziosa a disposizione dei docenti. Il programma completo della stagione è disponibile su www.teatrosanmarco.it/la-scuola-va-a-teatro/

 

Il programma completo

Quest’anno si parte il 12 novembre con “Piantala, Emma!”, una produzione de Il teatro delle quisquilie dedicata ai bambini e alle bambine dai 4 agli 8 anni. Emma è una piccola principessa che ama occuparsi delle piante e dei fiori. Quando raggiunge i 16 anni, i genitori decidono che si deve sposare. Tutti i pretendenti le portano però solo doni che a lei non piacciono, come gioielli, pietre preziose e stoffe pregiate. Solo uno di loro riuscirà a farla innamorare e a renderla felice.

È dedicata ai più giovani anche la proposta del 19 novembre, “I cuochi pasticcioni”. Renzo Cenedese e Filippo Fossa della compagnia ReBibo portano in teatro la storia di Pasticcione, un apprendista cuoco davvero speciale. Lo spettacolo è adatto a un pubblico dai 3 anni in su ed è indicato quindi per la scuola dell’infanzia e le prime 3 classi della scuola primaria.

Il 23 novembre la stagione si fa impegnata con “Piombo”, uno degli appuntamenti più importanti del calendario 2018/2019. Gli anni Settanta sono stati un periodo di grandi cambiamenti, insanguinati però dalla violenza del terrorismo politico. Sul palco del San Marco rivivranno alcuni dei protagonisti degli anni di piombo, vittime e carnefici, raccontati attraverso le loro storie umane e personali. Lo spettacolo verrà proposto lo stesso giorno anche in orario serale aperto a tutta la cittadinanza e poi di nuovo il 12 aprile al mattino.

Il 26 novembre torna il teatro per i più piccini con “Nella vecchia fattoria”, il best seller de Il teatro delle quisquilie che ha superato il traguardo delle 100 repliche. Non manca davvero nessuno: ci sono le galline, la capra, l’asino, il gatto, il maiale e… Maria! Eh sì, perché nel fienile dello zio Tobia atterrerà (nel vero senso della parola) una ragazza pasticciona e curiosa, che non sa nulla della campagna, ma che possiede una voce meravigliosa.

Due giorni dopo, il 28 novembre, tocca alla compagnia veronese Bam!Bam! Teatro calcare il palco del San Marco con “Viaggio al centro della Terra”, una nuova produzione tratta dal celeberrimo romanzo di Jules Verne.

La programmazione di dicembre si apre lunedì 3 con “Pollicino”, una fiaba moderna per la scuola dell’infanzia e per i primi 3 anni della scuola primaria. I protagonisti sono proprio i giovani spettatori, invitati a ballare e cantare per aiutare i personaggi della storia a superare gli ostacoli che incontreranno.

Il giorno successivo, 4 dicembre, tornano al San Marco le note raffinate de “La storia del rock”, con i capitoli 1 (dalle origini al 1970) e 2 (dal 1970 al 1990). I Flexus portano sul palco una lezione-concerto raccontata e suonata dal vivo che accompagna i ragazzi in un itinerario attraverso cinquant’anni di cambiamenti musicali, culturali e sociali. Il 19 marzo, poi, il viaggio continua con il terzo capitolo, tutto dedicato al rock dal 1990 fino ai giorni nostri.

Il teatro parla di attualità mercoledì 5 dicembre con “I.A.- Nessuno mi ama off-line” di Aria Teatro, una riflessione sulla generazione dei nativi digitali e il mondo di internet: cosa si può e si deve fare perché la rete non si trasformi in un luogo pieno di insidie?

Sono due gli appuntamenti targati TDA Teatro che faranno parte del prossimo cartellone per le scuole. Il primo, il 6 dicembre, è “L’uomo, la bestia e la virtù”, che Luigi Pirandello trasse dalla novella Richiamo d’obbligo e che lo stesso autore definì «una delle più feroci satire che siano mai state scritte contro l’umanità e i suoi valori astratti»; il secondo appuntamento è invece il 13 marzo con “I promessi sposi”, una messinscena fedele al testo originale, per «incantar» il pubblico e dar risalto alle vicende drammatiche di Renzo e Lucia.

La stagione si fa ‘epica’ il 13 dicembre con “Iliade – Mito di ieri, guerra di oggi”, rappresentata dall’Associazione culturale Mitmacher di Verona, un lungo viaggio onirico tra presente e passato, lirismo e comicità, fonti storiche e interpretazione.

Il 2019 del San Marco si apre il 15 gennaio con “La Voce della Montagna”, una produzione di Arteviva in collaborazione con Dolomiti’s Small Theatre e Finisterrae Teatri: Massimo, un giornalista sportivo sottovalutato e deriso, decide di prendersi una rivincita andando a intervistare un lupo. Per farlo avrà bisogno dell’aiuto di Valerio, guardia forestale. Insieme si troveranno a vivere un’avventura incredibile, a danzare, in una notte di luna piena, tra gli spiriti e i magici segreti della montagna.

Il 23 gennaio torna un classico de Il teatro delle quisquilie, “L’amico ritrovato”, tratto dall’omonimo romanzo di Fred Uhlman. Il libro, notissimo, narra la storia di amicizia fra due ragazzi, uno di origine ebraica e l’altro discendente da una nobile famiglia tedesca, nella Stoccarda del 1932.

Il 1° febbraio è il turno della Bottega Buffa Circovacanti con “Momo. Un Eroe Bambina”. Al vecchio circo abbandonato il cantastorie squattrinato Gigi Cicerone e il silenzioso Beppe Spazzino si incontrano ogni sera per la cena. All’improvviso, in un giorno come tutti gli altri, arriva Momo, una bambina con i capelli crespi che dice di avere cent’anni.

La stagione prosegue con un doppio appuntamento con l’associazione culturale Akamorà. Mercoledì 20 febbraio va in scena “Odissea”, uno spettacolo basato sull’alternanza di azione e narrazione che ha il suo punto di forza nell’elemento musicale. La ritmica del verso omerico è sottolineata dai suoni percussivi e contrappuntata dal canto, con la musica che diventa vero e proprio elemento drammaturgico. Il giorno successivo, giovedì 21, è invece il turno de “La giostra di Orlando”, ispirato al poema cavalleresco di Ludovico Ariosto.

Il 12 marzo è invece il turno del Nuovo Teatro delle Commedie, che porta in scena “Il re dei Pavoni”, tratto da Fiabe italiane di Italo Calvino. La principessa protagonista della storia non vuol sposare il principe proposto dalla famiglia reale. La sua determinazione la porterà fino in Perù, dove potrà regnare sul regno dei Pavoni. La fiaba, con una grande potenza visiva, è un invito al rispetto delle diversità, all’incontro con l’altro e a mettersi in viaggio per aprirsi allo sconosciuto e allo straniero.

Il 15 marzo il Teatro San Marco parla invece spagnolo con “Soñé que era un sueño”, una rappresentazione di Errante Teatro-Danza tratto dal racconto Sólo vine a llamar por teléfono di Gabriel García Márquez e destinata a un pubblico di studenti della scuola secondaria di secondo grado. L’esperienza prosegue in aula, con il materiale che verrà consegnato agli insegnanti per approfondire le tematiche trattate.

A volte basta un fiocco di neve nel colletto per sentire che davvero vale la pena di svegliarsi, correre, perdere il metrò, dimenticare l’ombrello, piangere, litigare, non riuscire a dire t’amo, sentirsi goffa, inutile, come una carta straccia. Locanda Spettacolo porta in scena il 26 marzoEt amo forte ancora”, vincitore dell’edizione 2018 di In-Box Verde, il network di teatri e festival che promuove le esperienze produttive più interessanti della scena emergente italiana (e di cui fa parte anche il San Marco).

Il 27, 28 e 29 marzo il San Marco è di nuovo poliglotta. Va in scena infatti “A silly fox”, uno spettacolo in lingua inglese rivolta alle bambine e ai bambini dai 5 ai 10 anni, con canzoni originali e brani tratti dalla discografia dei Beatles. L’allestimento è tale da consentire ai piccoli spettatori la comprensione globale della storia, con un lessico semplice e ampio spazio alle parti più “visive” della teatralità, al movimento delle attrici e dei pupazzi.

I musicanti di Brema” è lo spettacolo portato sul palco il 16 e il 17 aprile dalla compagnia Gli Alcuni: perché arrendersi di fronte ai problemi se, con impegno e solidarietà, anche la diversità si rivela un mezzo per trovare una soluzione?

Il 28 maggio, quindi, il gran finale della stagione per le scuole con “L’Elisir d’amore. Pene di cuore del coniglio Nemorino” di G. Donizetti, portato sul palco del teatro San Marco dall’orchestra Haydn di Bolzano e Trento nell’ambito di Haydn & Education, un format partecipativo in equilibrio fra opera e teatro, rivolto ai bambini dai 3 ai 6 anni, in cui il giovane pubblico è invitato a cantare un’aria dell’opera e a interagire con gli interpreti.

La programmazione completa dedicata alle scuole è disponibile su www.teatrosanmarco.it nella sezione “La scuola va a teatro”.

Pubblicità
Pubblicità

Spettacolo

Rovereto, la stagione teatrale debutta con Francesco Pannofino

Pubblicato

-

Mercoledì 14 novembre 2018 ore 20.45 debutta la stagione teatrale 2018/2019 a Rovereto. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Teatro di Villazzano, torna la prosa comica con “Jena Ridens”

Pubblicato

-

Torna la prosa comica al Teatro di Villazzano. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Spettacolo

Primo anniversario di Cecilia e Ignazio: grande festa tra palloncini e rose

Pubblicato

-

Primo anniversario della love story fra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser pieno di emozioni. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it