Connect with us
Pubblicità

Sport

Mondiali Volley: Giannelli è ancora mvp, l’Italia asfalta il Belgio

Pubblicato

-

La terza giornata del Mondiale 2018, giocata oggi, regala la vittoria a sei dei sette portacolori di Trentino Volley scesi in campo. L’unico giocatore che ha dovuto fare i conti con una sconfitta è stato infatti Jenia Grebennikov, sconfitto con la sua Francia al tie break dal Brasile a Ruse nel big match della Pool B.

Tutti a segno gli altri atleti trentini, a cominciare da quelli azzurri: Giannelli (mvp del match) ha trascinato in regia l’Italia al netto successo per 3-0 sul Belgio a Firenze nello scontro al vertice della Pool A (Nelli è entrato solo per un paio di servizi, mentre Candellaro è rimasto in panchina).

Bene anche la Serbia di Lisinac e Kovacevic (tenuto a riposo) nell’affermazione in tre set col Camerun nella Pool C. Più sofferta invece la vittoria degli Usa di Russell sull’Australia, arrivata solo al tie break, come già successo il giorno prima.

PubblicitàPubblicità

Venerdì 14 settembre l’Italia riposerà ma ci saranno due partite con protagonisti i colori gialloblù, entrambe a Ruse: Olanda-Cina e Francia-Egitto.

Di seguito le statistiche dei cinque giocatori di Trentino Volley scesi in campo nella seconda giornata del Mondiale 2018.

SIMONE GIANNELLI (palleggiatore, Italia)
Italia-Belgio 3-0: 5 punti (2 attacchi, 1 muro, 2 ace)

JENIA GREBENNIKOV (libero, Francia)
Brasile-Francia 3-2: 0 punti

Pubblicità
Pubblicità

SRECKO LISINAC (centrale, Serbia)
Camerun-Serbia 0-3: 7 punti (4 attacchi, 1 muro, 2 ace), 57% in attacco (4 su 7)

GABRIELE NELLI (opposto, Italia)
Italia-Belgio 3-0: 0 punti

AARON RUSSELL (schiacciatore, Usa)
Usa-Australia 3-2: 14 punti (14 attacchi), 48% in attacco (14 su 28)

I risultati della terza giornata:

POOL A (Firenze): Repubblica Dominicana-Giappone 0-3 (20-25, 16-25, 16-25), Italia-Belgio 3-0 (25-20, 25-17, 25-16). Classifica: Italia 6, Slovenia, Belgio, Giappone 3; Argentina e Repubblica Dominicana 0.

POOL B (Ruse): Egitto-Canada 0-3 (25-27, 28-30, 19-25), Brasile-Francia 3-2 (25-20, 25-20, 21-25, 23-25, 15-12). Classifica: Canada 6; Brasile 5; Francia 4; Cina, Olanda ed Egitto 0.

POOL C (Bari): Australia-Usa 2-3 (23-25, 20-25, 25-22, 25-23, 10-15), Camerun-Serbia 0-3 (28-30, 16-25, 17-25). Classifica: Usa e Serbia 4; Camerun e Russia 3; Australia 1; Tunisia 0.

POOL D (Varna): Portorico-Polonia 0-3 (14-25, 12-25, 15-25), Iran-Bulgaria 3-1 (25-22, 25-20, 22-25, 25-19). Classifica: Iran e Polonia 6; Bulgaria 3; Finlandia, Cuba e Portorico 0.

Pubblicità
Pubblicità

Sport Trentino

Ripartenze fatali: il derby va al Brixen

Pubblicato

-

Il Trento inciampa nel secondo derby stagionale e capitola contro un ottimo Brixen per 5 a 2. A fare la differenza sono state le ripartenze fulminee della squadra altoatesina, che hanno appesantito il risultato finale. In rete le gialloblù Giulia Rosa e Alessandra Tonelli.

Per il derby contro il Brixen, mister Pavan conferma il consueto 4-3-1-2, riproponendo Rovea nel quartetto difensivo e affidando le chiavi dell’attacco ad Alessandra Tonelli, Rosa e Daprà.

Il primo squillo della gara è di marca altoatesina e Pfattner è un fulmine ad attaccare la profondità e a freddare Valzolgher, dopo aver ricevuto palla nello spazio da una compagna.

PubblicitàPubblicità

La risposta del Trento passa dai piedi di Rosa, che prova a sorprendere il portiere ospite con un tiro dalla distanza, senza però inquadrare lo specchio.

Miglior sorte ha la giocata del fantasista gialloblù dieci minuti più tardi: Rosa riceve palla in area e con un pregevole “sombrero” si libera del diretto marcatore, scaricando poi un gran destro alle spalle di Graus.

Prima dell’intervallo, però, torna a mettere la testa avanti il Brixen che sfrutta ancora la velocità di Pfattner per andare al tiro. La conclusione del numero 9 biancoazzurro è di rara bellezza e Valzolgher non riesce ad evitare che il pallone s’insacchi sotto l’incrocio dei pali.

Mister Pavan prova allora a sparigliare le carte con l’ingresso di Brunello al posto di Daprà ma il possesso palla prolungato delle gialloblù non si traduce in goal come sperato. Ne approfitta allora il Brixen mandando nuovamente a rete Pfatttner che, questa volta, pare partire al di sotto della linea difensiva gialloblù.

Pubblicità
Pubblicità

L’attaccante è comunque in uno stato di grazia e riesce ad evitare il recupero di Poli e l’uscita di Valzolgher, depositando poi il pallone in fondo al sacco per la terza volta.

Il doppio vantaggio ha un forte impatto mentale sulle due squadre e l’ennesimo sprint del numero 9 altoatesino a seguito di una palla persa spinge Fuganti a concedere un rigore nel tentativo di recuperare palla. Dal dischetto, Bielak spiazza Valzolgher e cala il poker.

La quinta rete la sigla invece Stockner, spingendo in rete da pochi passi il pallone servitogli da Kiem. Prima del triplice fischio, Alessandra Tonelli rende meno amaro il parizale triangolando con Torresani e battendo Graus con un diagonale mancino.

ACF TRENTO – BRIXEN 2-5
TRENTO (4-3-1-2): Valzolgher, Varrone, L. Tonelli, Ruaben, Rovea, Fuganti, Torresani, Poli, A. Tonelli, Rosa, Daprà (1’st Brunello).
A disposizione: Callegari, Chierchia, Lucin, Maurina, Tononi, Regini, Tonetti, Parisi.
Allenatore: Libero Pavan
BRIXEN: Graus, Schatzer, Barbacovi, Kiem, Oberhuber, Santin, Kerschdofer (19’st Maloku), Stockner (42’st Ladstaetter), Pfattner (33’st Messner), Chemotti, Bielak.
A disposizione: Dorfmann, Kammerer, Betta, Moser, Giacomelli.
Allenatore: Roberto Genta
ARBITRO: Maccorin di Pordenone
RETI: 12’pt, 39’pt e 22’st Pfattner (B), 31’pt Rosa (T), 31’st Bielak (B), 40’st Stockner (B), 42’st A. Tonelli (T).

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Sport Trentino

Dolomiti Energia Trentino: domani sera alle 19.30 i bianconeri in campo in casa nel Round 7 di 7DAYS EuroCup

Pubblicato

-

Dolomiti Energia Trentino, contro il Buducnost domani sera alla BLM Group Arena di Trento il Round 7 di 7DAYS EuroCup.

I bianconeri cercano il quarto successo in coppa e un altro passo in avanti verso la qualificazione alle Top 16: palla a due alle 19.30, tutti a disposizione i ragazzi di coach Nicola Brienza

La vittoria all’ultimo respiro di Pesaro ha mostrato una Dolomiti Energia Trentino ancora alla ricerca della miglior versione di se stessa ma capace nei momenti di massima difficoltà di soffrire e di trovare energie e risorse per strappare i due punti anche in una serata con tante ombre. Le “luci” sono arrivate dall’ottima serata al tiro dei ragazzi di coach Brienza: massimo in stagione di squadra in Serie A per numero di triple a bersaglio (10), di percentualedall’arco (52.6%) e per numero e precisione dei tiri liberi convertiti (23/26 per un ottimo 88.5%).

PubblicitàPubblicità

Quella contro la VL Pesaro è stata l’undicesima partita, da quando Trento è in Serie A, che un match dei bianconeri fra campionato e 7DAYS EuroCup va al supplementare: sei vittorie per Forray e compagni, che erano andati per l’ultima volta in overtime nella sconfitta interna contro Milano nella giornata di campionato numero 29 della scorsa stagione (77-79 con 19 punti e quattro assist di Aaron Craft). L‘ultimo precedente in “OT” in Europa è una vittoria contro lo Zenit nella leggendaria rimonta di San Pietroburgo, ma in 7DAYS EuroCup Trento e Podgorica di tempi supplementari in una partita ne giocarono addirittura due nella partita di Top 16 2018 vinta dai montenegrini 105-106.

NICOLA BRIENZA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): «Quella che ci aspetta contro il Buducnost è una partita importante, ricca di insidie e di stimoli: Podgorica è ancora a zero punti in classifica ma ha perso le ultime tre partite in 7DAYS EuroCup con uno scarto complessivo di 4 punti; ed è una squadra con talento, esperienza e certamente grande voglia di strappare questi due punti e ottenere il primo successo stagionale in coppa. Guardando la classifica del girone, la nostra vittoria a Istanbul contro il Galatasaray è senza dubbio stata pesante ma ora dobbiamo proteggere il fattore campo: la doppia sfida con Oldenburg e Gdynia sarà decisiva, certo, ma è fondamentale arrivarci con una vittoria sul Buducnost per inseguire con maggiore slancio la qualificazione alle Top 16. La vittoria di sabato con Pesaro? Guardo il lato positivo: non eravamo mai riusciti a mettere in fila due successi tra coppa e campionato e ce l’abbiamo fatta, al di là di come si è sviluppata la partita siamo stati bravi a non perdere la testa quando il match sembrava esserci scappato via».

Si giocano mercoledì sera le altre due partite del girone D, che si avvia verso la sua fase più delicata e decisiva: alle 20.00 in Germania va in scena Oldenburg (3-3) contro Galatasaray (4-2), mezz’ora più tardi in campo Unicaja Malaga (5-1) e Arka Gdynia (3-3).

Per quanto riguarda le italiane, Bologna (5-1) vuole continuare a correre spedita verso le Top 16 e gioca mercoledì alle 18.30 sul campo del Maccabi Rishon (1-5); in palio punti pesanti per Venezia (4-2) che ospita il Lokomotiv Kuban sempre mercoledì alle 19.45. Nel gruppo C, ancora mercoledì alle 20.45, impegno casalingo per Brescia (3-3) che affronta Badalona (4-2).

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport Trentino

Successo per il convegno sull’avviamento ai salti in estensione. Arriva anche il ringraziamento della FIDAL al G.S. Valsugana

Pubblicato

-

Non si vedeva da tempo un convegno specifico su una specialità tecnica così partecipato come quello andato in scena ieri a Pergine Valsugana.

L’interesse è stato dimostrato da oltre i 50 partecipanti che hanno seguito l’incontro tecnico del mattino presso l’Hotel al Ponte e quello dimostrativo sul campo del centro sportivo di Vigalzano. 

I contributi importanti sono stati dati dal relatore allenatore Enrico Porta e dal saltatore Fabrizio Schembri  il triplista italiano, vincitore negli Europei a squadre di Stoccolma 2011 (unica vittoria italiana in quell’edizione della rassegna continentale).

Pubblicità
Pubblicità

Lo stesso Schembri ha confermato che dopo un’annata tormentata dagli infortuni inizierà la preparazione per tentare di partecipare alle prossime olimpiadi di Tokyo che si svolgeranno nel 2020.

«Ci ha fatto molto piacere – spiega il direttore sportivo del G.S. Valsugana Mattia Gasperini organizzatore dell’evento –  perché se da parte nostra eravamo sicuri che gli argomenti proposti, la qualità dei relatori e l’impostazione del corso erano una formula valida, non eravamo altrettanto sicuri che il nostro messaggio arrivasse in modo così diretto».

Come detto il riscontro da parte dei corsisti è stato ottimo, e questa mattina sono arrivati anche i ringraziamenti da parte del Fiduciario Tecnico e del Comitato Fidal Trentino: “Volevo congratularmi per l’ottima riuscita del convegno dei salti che avete organizzato – si legge nella nota di Fabrizio Pedri –  L’atletica Trentina vi ringrazia per l’ottimo argomento trattato e per aver dato la possibilità a 50 tecnici di aggiornarsi. Serietà e lavoro hanno fatto sì che questo momento di confronto sia stato uno dei più partecipati degli ultimi anni».

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza