Connect with us
Pubblicità

Politica

Dichiarazioni di Civettini al TGR, la replica di Claudio Cia (AGIRE): «È solo un paroliere, non c’è posto per lui nella coalizione del cambiamento»

Pubblicato

-

“Se c’è una pregiudiziale su di me, allora deve esserci verso tutti quelli che hanno cambiato casacca, a cominciare dal collega Claudio Cia”: queste le dichiarazioni del consigliere provinciale Civettini, rilasciate ieri sera al TG regionale.

Con le  nuove dichiarazioni Civettini continua a peggiorare la sua situazione prendendo anche lucciole per lanterne e accusando gli altri di cose inesistenti, sintomo ormai di un nervosismo che un domani all’interno della maggioranza potrebbe risultare letale.

Sulle dichiarazioni, interviene comunque  Claudio Cia, leader di AGIRE per il Trentino.

PubblicitàPubblicità

«Da buon paroliere, – scrive Claudio Cia –  Civettini sta cercando di trascinare qualcun altro nella bagarre politica, ma non glielo permetteremo. Nonostante le sue dichiarazioni ridicole, io non ho mai “cambiato casacca”: quando ho lasciato la Civica Trentina lo ho fatto nella consapevolezza di essere l’unico ad aver avuto un percorso integralmente civico, che sto portando avanti tutt’ora. Per evidenti incompatibilità, personalismi e l’impossibilità di lavorare, ho guardato avanti, senza accasarmi in partiti o movimenti frutto della fatica di altri, e ho costruito insieme a tante persone AGIRE per il Trentino, schierandomi subito e senza ambiguità nel centrodestra e al fianco della Lega, ben prima del 4 marzo 2018, quando tanti che ora stanno saltando sulla barca del centrodestra etichettavano i “leghisti” con ogni ingiuria».

E ancora: «Civettini ha invece fatto altre scelte, passando dal MSI alla Lega, dalla quale dopo eletto pare se ne sia andato in malo modo, lasciando dietro di se una scia di polemiche che tutt’ora condizionano e inquinano i rapporti, arrivando infine nella Civica Trentina da dove ora dispensa agli altri lezioni di correttezza».

«A differenza di altri che dicevano “mai con la Lega” e “mai con Cia” fino a poche settimana fa,  – conclude Cia – noi di AGIRE non mettiamo veti su altre liste, ma abbiamo il dovere di evidenziare il macroscopico problema di instabilità che a nostro parere alcune presenze nella futura maggioranza potrebbero facilmente provocare. Il governo del cambiamento avrà tanto bisogno di alleati affidabili e di persone positive!»

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Speciale elezioni 2018

Mary Lavorgna (AGIRE): «Dare dignità ai lavoratori, combattere gli sprechi della politica e tutelare le donne nel diritto di genere»

Pubblicato

-

Speciale elezioni provinciali 2018

Gli articoli pubblicati nella rubrica «Speciale Elezioni 2018» superano oggi il traguardo delle 150 mila visualizzazioni. (circa 8.000 per ogni articolo)

L’articolo di oggi è dedicato al gentil sesso, è infatti ospite della nostra rubrica Mary Lavorgna, 37 anni, nata a Telese in provincia di Benevento, del segno dell’aquario, mamma di una bellissima bimba di un anno.

PubblicitàPubblicità

È laureata in Giurisprudenza, ed ha conseguito un Master per professioni legali a Roma; è un’insegnante, diplomata magistrale specializzata in metodo Montessori, con alle spalle 3 anni di praticantato come avvocato penalista.

Attualmente insegna presso il Comune di Pergine Valsugana.

Mary Lavorgna si trasferisce a Trento nel 1991 «Mia madre lavorava alle dipendenze dell’autostrada del Brennero e allora il trasferimento era nell’aria, arrivata a Trento mi sono subito trovata bene»

Pubblicità
Pubblicità

É specializzata nel metodo Montessori: «Fin da giovane volevo aiutare la crescita culturale dei bambini del ceto sociale molto basso, il metodo Montessori credo sia la base della formazione di un uomo vero e proprio, per questo mi sono accostata a questo metodo, per creare e formare gli uomini del domani»

Per lei la politica è l’amministrazione del bene comune «quindi della cosa che è anche mia  – sottolinea – per questo ho deciso di non rimanere più a guardare ma avvicinarmi alla politica, consigliata anche da una caro amico, che ha sostenuto in modo importante la mia scelta»

26 giorni per conquistare un voto in più degli altri candidati, come pensa di riuscirci?

«Combattendo il precariato in generale e dimostrando che si può essere madri e occuparsi anche del bene comune e della conciliazione»

Le prime tre cose sintetiche che farà se fosse eletta in consiglio provinciale?

«Dare dignità ai lavoratori, combattere gli sprechi della politica e tutelare le donne nel diritto di genere»

Resterà attiva nel partito e nel territorio in caso di sconfitta?

«Certo, in politica rimango sicuramente»

Quanto spenderà per la campagna elettorale?

«Poco»

Cosa ne pensa del governo di centrosinistra che ha governato nell’ultima legislatura?

«Ha fatto di tutto per depotenziare il trentino abbassando la qualità in tutti i settori»

Chi butta dalla Torre fra Ugo Rossi e Paolo Ghezzi e Giorgio Tonini?

«Senza dubbio Ugo Rossi per via degli enormi danni che ha fatto alla scuola trentina»

Cosa ne pensano famigliari e amici della sua discesa in campo?

«Mi sostengono totalmente»

Ha dei rimpianti nella vita?

«Per ora nessuno»

Qualche rimorso?

«No»

Che hobby ha?

«Amo lo sport la lettura e vado spesso in palestra»

L’ultimo libro che ha letto?

«La Mente del bambino – di Maria Montessori, un saggio che parte dalle proposizioni della biologia (sviluppo embrionale del bambino) e dalla legge naturale che lo predispone ad un libero comportamento, per addentrarsi nella gestazione spirituale del bambino, da zero a sei anni».

Che musica ascolta?

«Tutta la musica in modo trasversale» 

Beatles o Rolling Stones ?

«Beatles»

Che macchina ha?

«Una Hyundai i10»

Il 4 marzo alle politiche nazionali per chi ha votato?

«Non ho potuto votare»

Ha un politico di riferimento Italiano?

«Matteo Salvini»

E qui in Trentino?

«Per ora nessuno»

Preferisce l’auto o la bicicletta?

«L’autovettura»

Soldi, successo o potere?

«Preferisco il successo»

Cosa le fa più paura nella vita?

«La mancanza di Dio»

Lei abita a Trento quali sono le priorità in quella zona?

«Rendere la città più sicura visto i frequenti episodi di degrado e criminalità»

Si ricorda di un’occasione in cui si è trovata in difficoltà e ha dovuto chiedere aiuto a qualcuno?

«Fortunatamente per ora no»

Avrebbe mai pensato di presentarsi alle elezione provinciali di una regione?

«Mai»

Quale qualità e difetto si riconosce?

«Sono molto testarda, e quando credo di aver ragione sono ostinata fino alla fine. Per la qualità invece mi riconoscono molto altruismo»

Superbia, avarizia, lussuria, invidia, ira, accidia e Gola a quali dei vizi capitali associa il suo nome?

«Gola»

Uscirebbe a cena con Salvini, Di Maio, Renzi o Berlusconi?

«Nessun dubbio, con Matteo Salvini»

Cosa ne pensa dei matrimoni Gay e delle adozioni?

«Ognuno è libero di vivere la sua vita come meglio crede, ma sulle adozioni sono contraria, infatti un bambino ha il diritto di avere un padre e una madre naturali»

Qual è stato il momento più soddisfacente della sua vita?

«Quando è nata mia figlia Ginevra»

Se potesse incontrare una persona famosa, chi incontrerebbe e perché?

«Vorrei incontrare Matteo Salvini per tutta la vita» 

Gioco di squadra o in solitaria?

«Gioco di squadra sempre e dovunque» 

Quando è stata l’ultima volta che ha pianto?

«Non me lo ricordo»

Carne o pesce?

«Pesce»

Lago, Mare o montagna?

«Mare»

Cosa le manca di più?

«Sto lavorando per realizzarmi pienamente a livello personale» 

Se fosse un animale?

«Un gatto» 

L’ultimo viaggio che ha intrapreso?

«Sono stata in Puglia» 

Il suo sogno?

«Vincere le elezioni insieme alla persona che mi ha sostenuto» 

Cosa guarda in Tv?

«Tutto, sono un ottima consumatrice del piccolo schermo»

Qual è stato l’avvenimento di cronaca che l’ha maggiormente segnata?

«Tutti i casi di violenza sulle donne»

Per cosa sarà ricordata?

«Sarò ricordata per tutti i bambini che ho fatto diventare veri uomini» 

È pronto ad essere uno dei protagonisti politici del grande cambiamento del Trentino?

«Ovvio che sì»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Mauro Pericolo ospite della Voce del Candidato: «Liberiamo il Trentino dalla Massoneria»

Pubblicato

-

Ospite della puntata di «La Voce del Candidato» è oggi il dottor Mauro Pericolo, 54 anni, nato a Rossano in provincia di Cosenza, due figlie di 14 e 16 anni, diplomato in magistrale con la qualifica di sindacalista esperto di diritto del lavoro e scolastico

Mauro Pericolo nel suo settore di competenza è uno dei migliori esperti del diritto in regione e anche a livello nazionale.

È arrivato a Trento nel lontano 1997, come insegnante precario dopo il superamento di un concorso, e diventa di ruolo nel 2015, dopo 18 anni dal superamento di un’ulteriore concorso.

PubblicitàPubblicità

Mauro Pericolo ha fondato anche il sindacato Delsa, di cui è presidente, che conta oltre 600 iscritti ed è diventato in poco tempo un grande punto di riferimento per i docenti trentini.

Nell’intervista il segretario di Delsa fa emergere le contraddizioni della scuola trentina e demolisce la «Buona scuola» del tandem Rossi/Renzi consapevole che ormai l’unico modo di cambiare le cose nella scuola della nostra provincia sia farlo dall’interno del palazzo della provincia.

Con lui Roberto Conci ha parlato anche delle Banche e della cooperazione.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Politica

Claudio Cia contro Tonina e Gottardi: «Non votate i voltaggabbana»

Pubblicato

-

«Esponenti del centrosinistra nella coalizione del “cambiamento”? Basta non votarli» – lo dichiara il segretario politico del movimento Agire per il Trentino in una nota.

Il riferimento è per i transfughi Tonina e Gottardi.

Il primo che ha fatto il salto della quaglia dal centrosinistra alla coalizione a guida Maurizio Fugatti, il secondo invece solo 2 settimane fa aveva pesantemente criticato la lega usando queste parole: «la lega non esiste in Trentino, e comunque mai con la lega»

PubblicitàPubblicità

Ora Mattia Gottardi candida con la Civica Trentina quindi sostiene il centrodestra trainata dalla lega.

«Sono tanti i cittadini che in questi ultimi giorni ci hanno confessato la loro incredulità nell’apprendere che alcune personalità di spicco che provengono dall’area di governo del centrosinistra e fino a pochi giorni fa sostenevano Ugo Rossi, – si legge ancora nella nota di Cia –  sono riuscite a trovare casa in alcune liste della coalizione popolare e autonomista per il cambiamento. La stessa cosa vale per amministratori che negli ultimi anni si sono distinti per aver sparato sul centrodestra, qualcuno addirittura ne aveva negato l’esistenza, cercando di organizzare movimenti alternativi in seguito al cui naufragio non è rimasto che cercare un approdo sicuro. Alcuni elettori hanno per questo rimesso in discussione il proprio voto».

E ancora: «AGIRE per il Trentino, movimento territoriale fondato dal Consigliere provinciale Claudio Cia proprio per contrastare una certa ambiguità nell’area “civica”, condivide queste perplessità. Sin dalla nascita il nostro movimento si è schierato subito e senza ambiguità nel centrodestra e al fianco della Lega, ben prima del 4 marzo 2018, quando tanti che ora sono saltati sulla barca del centrodestra etichettavano i “leghisti” con ogni ingiuria. La nostra è una lista “pulita”, senza approfittatori dell’ultima ora, con 34 candidati in rappresentanza delle varie zone del Trentino e di diverse professioni».

Pubblicità
Pubblicità

«Fortunatamente la legge elettorale offre a tutti i cittadini trentini la possibilità di esprimere delle preferenze,  – conclude Claudio Cia – ovvero scrivere il nome del candidato (o due, se di genere diverso): saranno solo queste preferenze ad aprire o meno le porte del Consiglio provinciale ai futuri 34 consiglieri della XVI legislatura. Il 21 ottobre gli elettori saranno davvero protagonisti: il cambiamento è a portata di mano e i cittadini trentini potranno dare più più forza al loro voto sostenendo quei movimenti, come AGIRE, che hanno dimostrato coerenza e linearità nel loro percorso, e non votando chi cerca di approfittare del nuovo vento per entrare o tornare in Consiglio provinciale. E’ semplice: basta non votarli.»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it