Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Italia, tempo e pazienza

Pubblicato

-

Nella prima gara di UEFA Nations League la Nazionale di Roberto Mancini divide la posta in palio contro la Polonia.

In estate, dopo la deludente performance di Russia2018, il presidente della federazione polacca Zbigniew Boniek affida a Jerzy Jozef Brzeczek la panchina della nazionale bianco-rossa.

Il neo CT, ex centrocampista di lungo corso, subentra ad Adam Nawalka. Gli Azzurri devono ricostruire morale e convinzione a seguito della cocente estromissione dal recente mondiale.

Pubblicità
Pubblicità

Gli ospiti scendono sul green con il modulo accorto (4-4-1-1), mentre il tecnico di Jesi disegna lo schema più spregiudicato (4-3-3).

Sotto le due Torri di Bologna il Mancio raccoglie un prezioso punto in rimonta.

Una partita dal doppio volto. Nella prima frazione di gioco gli Azzurri sono lenti e impacciati, nella ripresa più sciolti e propositivi.

Nel mezzo tre cambi che mutano l’esito dello score: Bonaventura subentra a Pellegrini, Belotti per Balotelli e Chiesa al posto di Insigne.

LE PAGELLE –

MANCINI: Onore al manager marchigiano per aver accettato la panca della Nazionale. E’ una sfida difficile e complicata. Al pari dei suoi ultimi predecessori non può contare sulla qualità cristallina del “gruppo” limitato nelle virtù tecniche e caratteriali. Vi sono frangenti che svestirsi i panni del selezionatore e indossare quelli più umili del maestro di calcio rappresenta un punto di partenza. Nello specifico raddrizza il match nell’intervallo, poi in campo centra con astuzia i cambi da stratega. VOTO 6

DONNARUMMA: Il giovane portiere esibisce una prestazione degna di nota. Sfodera alcune prodezze che tengono in quota i compagni. VOTO 7

ZAPPACOSTA: Il pendolino di Sora gioca una gara abulica. Spinge senza impeto sull’out destro. Sono pochi gli inserimenti dalle retrovie, senza passo e velocità. VOTO 5

BONUCCI: Guida con il solito mestiere la linea bassa in fase di chiusura, l’impostazione della manovra è invece sottotono. VOTO 6

CHIELLINI: Il capitano migliora nel secondo tempo dopo 45 minuti ruvidi e sgraziati. Colleziona un cartellino giallo evitabile, qualche sbavatura nei rilanci, il solito impeto. VOTO 5,5

BIRAGHI: E’ un debutto sufficiente quello dell’esterno mancino. Tiene la posizione con raziocinio, occupa lo spazio laterale con intelligenza, non incide in profondità. VOTO 6

JORGINHO: Le qualità innate da playmaker non sono in discussione, tenta di cucire la manovra con la consueta solerzia. Non riesce a conferire brio e lucidità alle trame. E’ ottima l’esecuzione dal dischetto. VOTO 5,5

GAGLIARDINI: In mezzo al campo randella, sfrutta il fisico e il temperamento. Nella serata bolognese la qualità delle giocate non è eccelsa. VOTO 5,5

PELLEGRINI: Possiede le doti del centrocampista eclettico, gioca a intermittenza, talvolta sulle punte. Il reparto richiede temperamento e carattere. VOTO 5

BERNARDESCHI: A sprazzi dimostra le sue caratteristiche, dribbling secco, rientro sul piede mancino e fendente avvelenato. Inventa due parabole che meriterebbero la buona sorte. VOTO 6

BALOTELLI: Non è al meglio della condizione, un malanno fisico e qualche chilo di troppo. Calcia un tiro che finisce in curva, non partecipa alle manovre corali. E’ poco servito dai compagni di reparto ma un centravanti abile si ritaglia spazi e tempi. VOTO 4,5

INSIGNE: In Nazionale si esprime a singhiozzi senza convinzione, disperde le sue innumerevoli qualità e non rischia le giocate. E’ evanescente in fase offensiva, passivo sul corridoio esterno. VOTO 5

BONAVENTURA: Entra nella ripresa e migliora la mediana azzurra. E’ abile in profondità, connette gli interstizi tra i reparti. VOTO 6

BELOTTI: Il “gallo” esprime la gioia di giocare. Scatta sui lanci, pressa i difensori polacchi mostrando nerbo e ardore fisico. VOTO 6,5

CHIESA: Insieme a Bernardeschi è il valore aggiunto della squadra. Coniuga la forza con la velocità, ostenta stoffa e indole. Si procura con astuzia il rigore poi trasformato da Jorginho che vale il pari. VOTO 7

IL POST – Il prossimo incontro è tra Portogallo e Italia in programma lunedì 10 settembre a Lisbona (20.45).

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

 

 

Pubblicità
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Al via il campionato di Serie A: tutte le probabili formazioni

Pubblicato

-

In attesa degli ultimi colpi di mercato, questa sera comincia il campionato di serie A. Il calciomercato chiuderà ufficialmente il 2 settembre.

Allo stadio Tardini (ore 18.00) il debutto tra Parma e Juventus. I Campioni d’Italia senza Maurizio Sarri, alle prese con una polmonite, debutta ancora favorita per la vittoria finale nella stagione 2019-2020.

Alle 20.45 scenderà in campo Fiorentina e Napoli allo stadio Artemio Franchi.

Pubblicità
Pubblicità

Domani si giocherà Udinese-Milan (ore 18.00); a seguire (ore 20.45) Roma-Genoa, Sampdoria-Lazio, Spal-Atalanta, Torino-Sassuolo, Cagliari-Brescia, e Verona-Bologna.

Per il posticipo del lunedì (ore 20.45) si sfideranno a San Siro, Inter e Lecce.

Ecco le probabili formazioni:

allo stadio Ennio Tardini:

PARMA (4-3-3): Sepe; Laurini, Iacoponi, Alves, Gagliolo; Hernani, Brugman, Barillà; Kulusevski, Inglese, Gervinho. (Allenatore D’Aversa).

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi; Douglas Costa, Higuain, Cristiano Ronaldo. (Allenatore Martusciello) -in sostituzione di Sarri-

Allo stadio Franchi:

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski, Lirola, Milenkovic, Pezzella, Venuti; Castrovilli, Badelj, Pulgar; Chiesa, Vlahovic, Sottil. (Allenatore Montella).

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Zielinski; Callejon, Fabian Ruiz, Insigne; Mertens. (Allenatore Ancelotti).

A Udine:

UDINESE (3-5-2): Musso; Becao, Ekong, Samir; Stryger Larsen, Fofana, Jajalo, Mandragora, Pezzella; De Paul, Lasagna. Allenatore Tudor.

MILAN (4-3-1-2): G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Borini, Calhanoglu, Paquetà; Suso; Piatek, Castillejo. (Allenatore Giampaolo).

Allo stadio Olimpico:

ROMA (4-2-3-1): Lopez; Florenzi, Fazio, Jesus, Kolarov; Pellegrini, Cristante; Under, Zaniolo, Perotti; Dzeko. Allenatore Fonseca.

GENOA (3-5-2): Radu; Zapata, Romero, Criscito; Ghiglione, Lerager, Radovanovic, Schone, Barreca; Kouame, Pinamonti. (Allenatore Andreazzoli).

Allo stadio Luigi Ferraris:

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Murillo, Colley, Murru; Linetty, Ekdal, Jankto; Ramirez; Quagliarella, Caprari. (Allenatore Di Francesco).

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Vavro, Acerbi, Radu; Lazzari, Milinkovic, Parolo, Luis Alberto, Lulic; Correa, Immobile. (Allenatore Simone Inzaghi).

Al Paolo Mazza:

SPAL (3-5-2): Berisha; Cionek, Vicari, Felipe; Di Francesco, Murgia, Missiroli, Kurtic, D’Alessandro; Petagna, Floccari. (Allenatore Semplici).

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Gomez; Muriel, Zapata. (Allenatore Gasperini).

Allo stadio Olimpico Grande Torino:

TORINO (3-5-2): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Meité, Baselli, Berenguer, Ansaldi; Belotti, Zaza. (Allenatore Mazzarri).

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Toljan, Gravillon, Ferrari, Rogerio; Traoré, Obiang, Locatelli; Djuricic, Caputo, Boga. (Allenatore De Zerbi).

Alla Sardegna Arena:

CAGLIARI (4-3-1-2): Rafael; Pinna, Ceppitelli, Klavan, Pellegrini; Ionita, Nainggolan, Birsa; Castro; Joao Pedro, Pavoletti. (Allenatore Maran).

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Chancellor, Cistana, Martella; Bisoli, Tonali, Zhmral; Spalek; Donnarumma, Morosini. (Allenatore Corini).

Al Bentegodi:

VERONA (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kubulla, Empereur; Faraoni, Henderson, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Verre; Pazzini. (Allenatore Juric).

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Denswil, Dijks; Poli, Kingsley; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio. (Allenatore Tanjga) -in sostituzione di Mihajlovic-

Allo stadio Giuseppe Meazza:

INTER (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lukaku, Martinez. (Allenatore Conte).

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni; Petriccione, Tachtsidis, Majer; Shakov; Falco, Lapadula. (Allenatore Liverani).

Al via il campionato di Serie A: tutte le probabili formazioni.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it             www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Verso Fiorentina-Monza: il compianto Davide Astori e la prima gioia al Brianteo

Pubblicato

-

Sarà la notte del ricordo ma anche di amarcord.

Questa sera allo stadio Artemio Franchi di Firenze va in scena per il terzo turno di Coppa Italia (lega Serie A) il match FiorentinaMonza (ore 18.15 diretta su Rai Sport).

Il pensiero va all’ex capitano della Fiorentina Davide Astori deceduto il 4 marzo del 2018 in un albergo di Udine alla vigilia dell’incontro tra Udinese e Fiorentina.

Pubblicità
Pubblicità

Scoviamo in archivio che vi è un filo sottile che lega l’indimenticato difensore bergamasco e la sfida in terra toscana.

La memoria corre al pomeriggio del 13 maggio del 2007. Al Brianteo si gioca Monza-Pizzighettone (2-1) per la 34° giornata di Serie C (girone A).

Il ventenne Davide Astori segna il suo primo goal da giocatore professionista. Il numero 3 dei biancazzurri insacca di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

E’ la sua prima stagione nel calcio che conta dopo le esperienze giovanili nell’US Calcio San Pellegrino, Ponte San Pietro e Milan.

Il Milan (proprietaria del cartellino) gira in prestito Astori al Pizzighettone nella stagione 2006-2007, club in provincia di Cremona.

In seguito la “scalata” indossando le maglie della Cremonese, Cagliari, Roma e Fiorentina. A Firenze, Davide si consacra diventando il simbolo e capitano della Viola.

Sarà la notte del ricordo ma anche di amarcord.

Per la cronaca Vincenzo Montella incontra sulla sua strada, per la seconda volta, Cristian Brocchi.

I due ex rossoneri si sono sfidati da allenatori nella stagione 2015-2016 nel match Sampdoria-Milan (0-1). Cristian Brocchi al debutto sulla panchina del Milan espugna il catino di Marassi con la rete del colombiano Carlos Bacca.

Ecco le probabili formazioni:

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski, Lirola, Milenkovic, Ranieri, Terzic: Benassi, Badelj, Pulgar; Chiesa, Boateng, Sottil.

MONZA (4-3-1-2): Lamanna, Lepore, Scaglia, Bellusci, Sampirisi; Armellino, Rigoni, Iocolano; Chiricò; Brighenti, Finotto.

Il fischietto dell’incontro è affidato a Fabrizio Pasqua della sezione AIA di Tivoli. Gli assistenti sono Ranghetti e Di Iorio. Il quarto ufficiale è Fourneau.

Verso Fiorentina-Monza: il compianto Davide Astori e la prima gioia al Brianteo.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

La Sfera e lo Spillo

Calcio, le nuove regole IFAB: rigori, sostituzioni e falli di mano

Pubblicato

-

Nella 133esima riunione svoltasi ad Aberdeen (Scozia) l’International Football Association Board (IFAB) ha deliberato alcune importanti modifiche al regolamento.

A poche settimane dall’inizio dei campionati professionistici (Serie A, Serie B e Lega Pro) riportiamo le innovazioni introdotte, utili agli addetti ai lavori ma anche ai tifosi.

Raccogliamo in poche righe per i lettori della rubrica “la sfera e lo spillo” una sorta di bigino delle principali riforme:

Pubblicità
Pubblicità

Rimessa – In caso di rinvio del portiere il pallone non dovrà necessariamente uscire dall’area. Il difensore potrà ricevere il passaggio all’interno dell’area stessa e l’attaccante avversario potrà intervenire sulla giocata.

Cartellini per gli allenatori – I tecnici seduti in panchina potranno ricevere delle ammonizioni; con 2 cartellini gialli scatterà la squalifica. In caso di cartellino “rosso” si procederà all’allontanamento dal campo e la relativa sanzione disciplinare.

Barriera – Nei calci piazzati i giocatori, in fase d’attacco, non potranno più “disturbare” la barriera, ma dovranno posizionarsi ad una distanza di almeno un metro.

Fallo di mano – Sarà sanzionato il tocco volontario e quello considerato “innaturale” anche se involontario.

Sostituzioni – Il giocatore sostituito non dovrà più uscire a centrocampo, ma potrà allontanarsi dal punto più vicino del rettangolo (linea laterale o di fondo).

Cartellini e vantaggio – Una squadra che subisce un fallo potrà battere immediatamente la punizione e l’arbitro avrà la possibilità di ritardare l’eventuale procedimento disciplinare (cartellino giallo o rosso) da comminare all’autore del fallo, aspettando che si concluda l’azione.

Rigore – Il portiere potrà avere un piede oltre la linea di porta. Se entrambi i piedi oltrepassano la linea il VAR potrà intervenire facendo ripetere il rigore in caso di parata.

Tocco decisivo dell’arbitro – Nel caso in cui l’eventuale tocco involontario dell’arbitro provochi un assist o un break, il gioco sarà interrotto e il pallone tornerà alla squadra che esercitava il possesso e la giocata.

Calcio, le nuove regole IFAB: rigori, sostituzioni e falli di mano.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza