Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Per “Le notti di San Michele” quest’anno Festival dei burattini in musica e Feste patronali

Pubblicato

-

In sinergia con l’amministrazione comunale e la Pro loco di San Michele all’Adige, quest’anno il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina propone un ricco calendario di iniziative per “Le notti di San Michele” che copre tutto il mese di settembre. Per tre venerdì, a partire dal 7, sono in programma “Le Notti di San Michele. Festival dei burattini in musica” con la direzione artistica di Luciano Gottardi: tre appuntamenti da non perdere tra teatro di figura e musica.

A questi si aggiungono gli eventi delle “Feste patronali di San Michele all’Adige”, organizzate dall’Assessorato alla cultura e della Pro loco locale, che si concludono sabato 29 settembre con la Cena agostiniana, per celebrare la ricorrenza dell’Arcangelo.

L’iniziativa è stata presentata oggi a Trento nel corso della Conferenza Stampa di Cultura Informa da Giovanni Kezich, direttore del Museo, Luciano Gottardi, direttore artistico del Festival dei Burattini in musica, e Alessandra Predelli, per la Pro loco di San Michele all’Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Per il “Festival dei burattini in musica” sono in programma tre serate, 7, 14 e 21 settembre all’insegna del teatro dei burattini con accompagnamento musicale dal vivo, curate da Luciano Gottardi, il burattinaio trentino che da anni collabora con il Museo con percorsi didattici e spettacoli spesso realizzati appositamente.

Venerdì 7 settembre si inizia con lo spettacolo del marionettista ceco Pavel Vangeli, “Singing Swinging Marionettes”, probabilmente l’unico spettacolo al mondo in cui il marionettista canta canzoni swing dal vivo al posto delle sue marionette. Le marionette cantano, suonano vari strumenti, danzano e fanno numeri da giocolieri, divertendo il pubblico con effetti e gag sorprendenti che li coinvolgono direttamente attraverso canzoni swing degli anni ‘30. Il 14 settembre il palcoscenico è occupato dall’Associazione teatrale Arjuna, che presenta “Storie in valigia” di e con Laura Gasperi e Emma Deflorian, le quali entrano con delle vecchie valigie in mano che nel vederle sembrano vuote, ma poi strani oggetti compaiono e guidano i personaggi in un divertente gioco di trasformazioni. Alla fine le protagoniste riprendono le valigie e vanno via, lasciando con i suoni e le immagini una piccola emozione. Venerdì 21 settembre Le Strologhe, Carla Taglietti e Valentina Turrini, presentano “Fòle”: Ciricoccola e Perina sono antiche fiabe tramandate dai narratori popolari alle veglie e ai filò. In queste due storie le protagoniste si ritrovano ad affrontare rocambolesche avventure, nelle quali però la paura e il mistero non sono elementi fondamentali dell’esperienza di crescita. Si potrebbe dire infatti che le due protagoniste sono delle “eroine comiche”, che, nonostante difetti e goffaggini, riescono a ottenere molto di più di quanto potessero aspettarsi all’inizio della loro avventura grazie alla fortuna ed alla loro purezza e bontà d’animo. La narrazione è accompagnata da canti e musiche tradizionali.

Tutti gli spettacoli hanno inizio alle ore 21. Alle 20 è possibile visitare gratuitamente il Museo accompagnati da una guida.

Per le Feste patronali di San Michele all’Adige, l’Assessorato alla cultura del Comune propone nella Sala polifunzionale del Municipio da giovedì 27 a domenica 30 settembre la mostra “Anche l’arte unisce i coniugi Carmen e Volker Belz”, che sarà presentata dal professor Pietro Marsilli giovedì 27 alle ore 18.30. Venerdì 28 settembre il Circolo Ricreativo Culturale “La Formica” in piazza Degasperi, offre al pubblico a partire dalle ore 19.30 l’“Aperitivo in piazzetta” con accompagnamento musicale e lettura di racconti e poesie in dialetto trentino.

Pubblicità
Pubblicità

I festeggiamenti per il patrono, sabato 29 settembre, terminano con l’ormai tradizionale cena agostiniana organizzata dalla Pro Loco in collaborazione con il Comune e ospitata nel suggestivo chiostro tricuspide del Museo. Attraverso la Cena agostiniana si sostiene quest’anno un progetto di solidarietà. Durante la serata una novità: si darà voce al canto spontaneo popolare trentino con la guida del Maestro Giuliano Moser e il coinvolgimento dei commensali. La cena sarà inoltre allietata dalle note del Trio Violin Violest.

Domenica 30 settembre alle ore 10.30 viene celebrata la Santa Messa nella chiesa parrocchiale, a cui segue la processione nella grotta di San Michele, allestita negli spazi ipogei del Museo, dove sono raccolti numerosi oggetti e statue raffiguranti l’Arcangelo, che ne attestano la devozione diffusa in tutto il mondo.

Di seguito il programma del “Le notti di San Michele 2018”:

venerdì 7 settembre
Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
ore 20.00 visita guidata al Museo
ore 21.00 spettacolo Pavel Vangeli presenta “Singing Swinging Marionettes”

venerdì 14 settembre
Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
ore 20.00 visita guidata al Museo
ore 21.00 spettacolo
l’Associazione teatrale Arjuna presenta “Storie in valigia” di e con Laura Gasperi e Emma Deflorian

venerdì 21 settembre
Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
ore 20.00 visita guidata al Museo
ore 21.00 spettacolo
Le Strologhe presentano “Fòle”

giovedì 27 settembre
Sala Polifunzionale del Municipio di San Michele all’Adige
ore 18.30 inaugurazione mostra “Anche l’arte unisce i coniugi Carmen e Volker Belz”
Presenta il professor Pietro Marsilli
Mostra a cura dell’Assessorato alla cultura, visitabile da venerdì 28 a domenica 30 settembre con orario 10.00-12.00 e 14.00-18.00
Ingresso gratuito

venerdì 28 settembre
piazza Degasperi, San Michele all’Adige
a partire dalle ore 19.30 “Aperitivo in piazzetta” con il Circolo Ricreativo Culturale “La Formica”

sabato 29 settembre
Chiostro del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
ore 19.00 Cena agostiniana – Musica con il Trio Violin Violest
Ingresso con posti limitati – costo 13,00 €.
Vendita biglietti:
giovedì 20 e venerdì 21 settembre ore 20.00-21.00 presso la sede della Pro loco solo per i residenti a San Michele all’Adige
da martedì 25 settembre presso la biglietteria del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina in orario di apertura (9.00-12.30 e 14.30-18.00)

domenica 30 settembre
Chiesa di San Michele Arcangelo
Ore 10.30 Santa Messa e processione alla Grotta di San Michele

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Mercatone Uno: prorogata fino a Maggio 2020 la cassa integrazione per i 1699 dipendenti.

Pubblicato

-

Per i dipendenti di Mercatone Uno, la notizia positiva è la proroga della cassa integrazione per altri cinque mesi.

Il che vuol dire che ci sarà tempo fino al 23 maggio per provare a trovare una soluzione all’intricata trattativa di cessione che si prospetta sempre più con la formula dello “spezzatino”.

Fallito il tentativo del passaggio di proprietà in blocco dei 44 punti vendita.

Pubblicità
Pubblicità

Delle offerte presentate nessuna era vincolante, ma nemmeno in linea con indicazioni del bando.

Il primo passo sarà rappresentato dall’abbandono della sede storica di Mercatone Uno di Imola, i commissari con i 50 dipendenti si sposteranno in una diversa zona della città emiliana, ma lasciando libero l’immobile che si trova a lato dell’autostrada, se ne faciliterà la cessione.

Nel dettaglio 24 sono le offerte vincolanti se accettate con la formula dell’acquisizione di una parte e non della totalità dei punti vendita e 21 le manifestazioni d’interesse per altri centri.

Si tratta di due offerte che potrebbero diventare operative, solamente con la decisione della vendita frazionata e di conseguenza anche con la riassunzione solo di una parte del personale attualmente in cassa integrazione.

Pubblicità
Pubblicità

Dipendenti che dai 1824 assunti al momento del fallimento sono scesi a 1699.

Il prossimo passaggio sarà quello della convocazione di un tavolo di lavoro al quale prenderanno parte oltre ai rappresentanti del Ministero, anche i sindacati e gli Enti Locali allo scopo di valutare gli impatti territoriali della possibile cessione frazionata dei punti vendita.Per quanto riguarda San Michele all’Adige ci sarebbero concrete possibilità di rientrare nell’ambito di quelle offerte che diventerebbero vincolanti: era infatti uno dei pochi punti vendita in attivo e con un ottimo rapporto con la clientela.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

L’Assessore regionale Claudio Cia a Salorno con i direttivi delle Associazioni degli ex Sindaci.

Pubblicato

-

L’Assessore regionale agli Enti locali, Claudio Cia, ha incontrato oggi  a Salorno (BZ) i direttivi delle Associazioni degli ex Sindaci dell’Alto Adige e del Trentino, con i rispettivi Presidenti Arthur Scheidle e Fabio Zanetti

A fare gli onori di casa presso la sala del Municipio è stato il Sindaco Roland Lazzeri, che ha ringraziato l’Assessore per aver scelto Salorno come punto di incontro tra le due Province.

Con l’occassione è stata avviata ufficialmente la raccolta delle adesioni all’Albo regionale dei Sindaci emeriti del Trentino-Alto Adige/Südtirol (das Verzeichnis der Altbürgermeister, nella versione sudtirolese).

Pubblicità
Pubblicità

Un’iniziativa portata avanti dall’assessorato regionale per valorizzare l’esperienza dei tanti amministratori che si sono spesi in prima linea per i propri Comuni.

L’Assessore, che ha presentato l’attività portata avanti a livello regionale, ha ipotizzato che in futuro l’Albo potrebbe anche risultare uno strumento utile alle rispettive Province per attingere ai commissari che dovessero essere chiamati a seguire i Comuni in situazioni straordinarie, fino all’insediamento di una nuova amministrazione.

Da parte delle due Associazioni è stata ribadita la volontà di collaborare sempre di più in un ottica comune, e l’istituzione di un albo a livello regionale è un ulteriore incentivo per creare occasioni di incontro.

mde

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

Mercatone Uno: non è stata presentata nessuna offerta vincolante. Ipotesi allungamento della cassa integrazione fino a Maggio 2020

Pubblicato

-

Per Mercatone Uno non è stata presentata nessuna offerta vincolante, ma solo proposte che non prevedevano il riassorbimento dei dipendenti dei 44 punti vendita indicati dal bando, tra i quali anche quello di San Michele all’Adige.

Sono state depositate 14 proposte, ma nessun in linea col regolamento di vendita, in quanto nessuno dei potenziali acquirenti è, tra l’altro, disponibile a sottoscrivere i contratti di assunzione per i vecchi dipendenti.

Nella migliore delle ipotesi, l’interesse è stato dimostrato solo per una parte degli ex lavoratori.

PubblicitàPubblicità

In più non tutti i punti vendita sarebbero di interesse di chi ha presentato l’offerta, si tratterebbe quindi di un subentro parziale sia a livello occupazionale che di centri commerciali.

Per quanto riguarda il personale si tratterebbe di esuberi consistenti, tanto da temere un pesante impatto sociale qualora si dovesse rivelare l’unica strada percorribile per limitare i danni.

L’incontro che ha avuto luogo ieri al Mise, si è concluso con la decisione di chiedere al Tribunale di Bologna una proroga dell’amministrazione straordinaria finalizzata ad avere un tempo maggiore per la valutazione delle offerte d’acquisto.

Un importante effetto indiretto che avrebbe la proroga, sarebbe quello del prolungamento della cassa integrazione fino a maggio del prossimo anno.

Pubblicità
Pubblicità

In caso contrario l’ammortizzatore sociale andrà a scadere il 31 dicembre.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza