Connect with us
Pubblicità

Musica

Il Coro Cima Verde al “Singen in den Bergen” (Cantare in montagna)

Pubblicato

-

La coralità trentina protagonista al festival internazionale “Singen in den Bergen” tenutosi nella bella cittadina Austriaca di Wolfsberg in Carinzia.

Una tre giorni all’insegna del bel canto con undici cori partecipanti, due dei quali provenienti dalla nostra provincia.

Gli abitanti di Wolfsberg sono particolarmente legati alle loro tradizioni, cori, associazioni musicali, gruppi di danzatori popolari in costume tradizionale e compagnie teatrali, fanno in modo che le usanze popolari, tramandate nei secoli, siano mantenute in vita ancora oggi. Per questo è nato il Festival “Cantare in montagna” che si tiene da diversi anni nella zona del Lavanttal nel mese di settembre.

Pubblicità
Pubblicità

Un evento che porta i cori ospiti,  provenienti da diversi Paesi, ad animare con le loro suggestive melodie la Valle del Lavant, denominata “Paradiso della Carinzia”.

Nel corso del festival, i cori hanno eseguito il loro repertorio nei luoghi più suggestivi della città per concludere in uno dei più importanti edifici, la Sala delle Feste del Municipio.

Presente all’importante manifestazione il Coro Cima Verde di Vigo Cavedine, diretto dal Maestro Gianluca Zanolli, accompagnato da un folto gruppo di simpatizzanti capitanati dal Sindaco Maria Ceschini e l’Assessore alla Cultura Beatrice Pedrotti.

Ventitre anni di passione e dedizione per il canto popolare. Ventitre anni nei quali il Coro Cima Verde di Vigo Cavedine ha saputo crescere e varcare i confini delle nostre valli, portando in Italia ed all’estero la cultura popolare del Trentino. Il Coro è attivo nell’organizzazione di importanti momenti culturali per il proprio paese, organizzando rassegne di canti popolari e di canti natalizi, invitando prestigiose realtà corali regionali, nazionali ed internazionali.

Il secondo Coro Trentino a partecipare assieme al Cima Verde come portabandiera della coralità trentina, è stato il Coro Croz da la Stria, associazione corale con sede in Spiazzo Rendena. Diretto dal maestro Oscar Grassi, coro misto, sorto nel 1977 dalla fusione di due precedenti cori. E’ uno dei più giovani gruppi corali con repertorio di canti della montagna, sia per la sua data di fondazione, sia per l’età media dei coristi.

Flaviano Bolognani

Pubblicità
Pubblicità

Musica

“Se fossi una rondinella”: appuntamento il 24 agosto al Forte di Tenna con la corale di montagna

Pubblicato

-

Settimo appuntamento il 24 agosto alle 21 con la rassegna “Nel paese del BaRocchi“, in collaborazione con il Comune di Tenna.

Protagonista dell’evento musicale che si terrà al Forte di Tenna sarà la violoncellista e cantante Barbara Bertoldi.

Il concerto si chiama “…Se fossi una rondinella…” e prevede un repertorio di brani della tradizione corale di montagna armonizzati per violoncellista e cantante da Armando Franceschini, Eddy Serafini, Erika Eccli, Nikos Betti e Marco Uvietta.

Pubblicità
Pubblicità

Il programma sarà illustrato da Piera Gasperi, esperta del repertorio, che racconterà la sua nascita e il suo sviluppo qui affidato in modo originale proprio a Barbara Bertoldi.

Tra i brani ci sono Gran Dio del cielo-Il maritino-Ninna Nanna-La Dosolina- Ndormenzete popin-Son tre ore che son chi sotto-La Madonnina- E col ciffolo del vapore- La sposa morta.

In caso di pioggia l’evento si terrà al teatro parrocchiale.

 

Barbara Bertoldi è nata a Trento e a parte una breve parentesi milanese vi ha sempre vissuto. Musicista dall’età di 4 anni, violoncellista, insegnante, cantante poi, ha una lunga esperienza di attività concertistica internazionale. Affianca alla questa ricca attività concertistica che vadalla musica contemporanea alla prassi esecutiva della musica barocca con strumenti originali, questa in particolare con l’Ensemble degli Affetti, quella di violoncellista cantante, per la quale ha ricevuto il premio Totemblueart nel 2017 come artista dell’anno. Insegna violoncello presso la Scuola Minipolifonici di Trento da oltre 20 anni. Ama dire di sé: mai mi chiesi cosa fare o cosa diventare, ho sempre e solo suonato e volte mi hanno pure aperto!

Piera Gasperi si occupa di musica popolare alpina da molti anni in qualità di presentatrice del coro Valsella di Borgo Valsugana. Ha indagato molto sull’origine storica dei canti, analizzando l’ambiente di provenienza dei testi e delle melodie, con una particolare attenzione al lessico e al periodo storico di pertinenza. Nei mesi passati ha creato, con la collaborazione di amici musicisti, uno spettacole musicale sull’amore, visto nelle sue diverse sfaccettature attraverso le parole dei grandi cantautori. (coll. Ferdy Lorenzi) Ultimo spettacolo organizzato: “Coraggio coscritti, al fronte se va”, sul tema della Grande Guerra, attraverso le testimonianze dei soldati, la musica dei canzonieri e l’analisi di uno storico collaborando con Armando Franceschini e lo storico Quinti Antonelli.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

«Je t’aime moi non plus»: compie 50 anni la canzone più censurata al mondo

Pubblicato

-

Nella foto Jane Birkin allora e adesso

Era il 15 agosto 1969 e dalla Francia arrivò la bomba “Je t’aime moi non plus“, una canzone che scandalizzò larga parte dei benpensanti del nostro paese, che si affrettarono a censurarla e a far sequestrare il disco.

Je t’aime… moi non plus è un singolo del musicista francese Serge Gainsbourg e dell’attrice britannica Jane Birkin, pubblicato nel 1969.

Il brano era stata originalmente registrato da Gainsbourg assieme all’attrice Brigitte Bardot nell’autunno del 1967, ma la sexy bionda francese poi ci ripensò e non volle più pubblicarlo.

Pubblicità
Pubblicità

Verrà pubblicata soltanto nel 1986. Ma ormai non c’era più nulla di cui scandalizzarsi perché nel frattempo s’era visto e sentito ben altro.

Il brano ha provocato uno spropositato scandalo nell’estate del 1969, soprattutto in Italia e Regno Unito, poiché mima un rapporto sessuale in diretta.

La canzone è infatti una delle prime a trattare il tema dell’erotismo in modo così esplicito, con i suoi sospiri e le sue parole, che descrivono l’atto sessuale tra un uomo e una donna, e, con passaggi come «vado e vengo tra le tue reni» («Je vais et je viens entre tes reins» in francese), lascia poco all’immaginazione.

Nonostante l’erotismo esplicito il brano non può essere considerato pornografico: il carattere del brano è infatti malinconico e romantico, tipico esempio culturale della rivoluzione sessuale.

In seguito il brano finisce per divenire oggetto di numerose censure e sequestri, ma anche per riscuotere un grande successo discografico, cui fanno seguito un grande numero di reinterpretazioni, imitazioni e parodie.

Della canzone ne fanno addirittura una cover Giorgio Albertazzi e Anna Proclemer, coppia regale del teatro e nella vita.

La riprende anche Ombretta Colli, da sola.

Ci si buttano pure all’estero: in inglese Donna Summer e Nick Cave con Anita Lane. Nel 1976 Gainsbourg dirige un film con lo stesso titolo: interpreti Jane Birkin e Joe Dallesandro.

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Musica

A Levico Terme i canti sacri al sorgere del sole

Pubblicato

-

Suggestivo appuntamento al sorgere del sole con i canti sacri nel parco di Levico Terme nell’ambito di “Vivere il Parco“, la rassegna musicale che anima l’estate del parco proponendo generi e stili musicali diversi pensati per portare i suoni fra gli alberi ed i fiori del parco.

Il concerto si terrà sabato 17 agosto ad ore 6.15 del mattino presso l’installazione Sequoia.

Si esibirà il Gruppo Vocale «Laurence K.J Feininger».

Pubblicità
Pubblicità

Il gruppo è nato nell’anno giubilare 2000 con l’intento di valorizzare e far conoscere al pubblico l’immenso e trascurato repertorio sacro conservato nella celebre Biblioteca Musicale Laurence Feininger, presso il Castello del Buonconsiglio di Trento, una delle maggiori biblioteche di musica liturgica esistenti al mondo.

Le novità ritmiche, melodiche e interpretative del canto liturgico tardo e periferico proposte dal gruppo, dopo attento studio dei libri liturgici manoscritti e a stampa, sono assolutamente inedite nel panorama delle incisioni e dei concerti dedicati al canto gregoriano e svelano un volto sinora nascosto del tesoro musicale della tradizione cattolica.

Voci di Roberto Gianotti, Marco Gozzi e Salvatore De Salvo Fattor.

In caso di maltempo il concerto si terrà al chiuso.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza