Connect with us
Pubblicità

Piana Rotaliana

Una nuova rotatoria a Cadino: consegnati ieri i lavori

Pubblicato

-

Sono stati consegnati stamani i lavori di realizzazione di una nuova rotatoria sulla S.S. 12 in località Cadino, circa al km. 399,600, nel comune di Faedo.

Il progetto consentirà di convogliare in un’unica intersezione, due innesti sulla S.S. 12 del Brennero, altrimenti indipendenti – rispettivamente a servizio del biodigestore della zona industriale – migliorando le condizioni di sicurezza, in quanto verranno eliminati i problematici punti di conflitto generati dalle svolte a sinistra.

L’intervento consiste nella realizzazione di un anello rotatorio e dei soli bracci di entrata e di uscita (E/U), compresi quelli destinati alle future viabilità per il biodigestore e per la zona industriale.

L’importo previsto per i lavori è di 693.800,00 euro a  base d’asta di cui 23.800,00 euro per gli oneri per la sicurezza.

PubblicitàPubblicità

I lavori dureranno 360 giorni lavorativi e finiranno entro il 29 agosto del 2019

Estratto su ortofoto, con indicato schematicamente l’intervento oggetto del progetto esecutivo e una planimetria dell’opera.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Piana Rotaliana

Giovedì 14 al Teatro di Zambana i pericoli del Web spiegati da Mauro Berti e Serena Valorzi

Pubblicato

-

Nella foto Mauro Berti in uno dei tanti incontri organizzati per sensibilizzare ad un uso del web meno pericoloso

La prima iniziativa di utilità pubblica della neonata Associazione “Nessuno Escluso OdV” si terrà il 14 novembre prossimo presso il teatro di Zambana alle ore 20.30 dove saranno ospiti gli autori del libro “Cercami su Instagram, tra Big Data, Solitudine e Iperconnessione” (Reverdito Editore settembre 2019).

Si tratta di Serena Valorzi, psicoterapeuta cognitivo – comportamentale ed esperta in dipendenze da comportamento e Mauro Berti scrittore, formatore e poliziotto, responsabile dell’Ufficio Indagini Pedofilia della Polizia Postale di Trento.

Il poliziotto scrittore ha già pubblicato nel gennaio 2017 “Cyberbullismo, guida completa per genitori, ragazzi ed insegnanti”, redatto insieme a Serena Valorzi e Michele Facci.

Pubblicità
Pubblicità

L’opera del vice ispettore è orientata a ridurre il rischio ed il pericolo in cui incorrono le generazione iGen. “Il web ed i social – dice – non sono da demonizzare, ma bisogna farne un uso consapevole, conoscere i pericoli nascosti prevenendoli favorendo l’educazione civica digitale“.

L’autore, insieme al personale della sua squadra, spesso è protagonista di incontri nelle scuole del Trentino per diffondere tra gli adolescenti la cultura del rispetto e della correttezza sul web.

I due relatori parleranno di come le moderne tecnologie della comunicazione hanno impattato sulle ultime generazioni (Millennial e Generazione Z), sul singolo, sulla famiglia e sulla coppia.

Di come i ragazzi, ma non solo, davanti agli schermi si sono chiusi in una impercettibile solitudine, gestiscono la noia e alimentano il narcisismo.

Pubblicità
Pubblicità

Di come i Big Data nutrono algoritmi che poi influenzano le nostre relazioni, il nostro conoscere, i nostri acquisti, e perché no, le idee politiche.

Gli autori sono soliti dire che l’unica difesa che il cittadino di Internet ha è la conoscenza di queste dinamiche proprio per poter gestire culturalmente questi raffinati meccanismi, che regolano la nostra vita dopo l’avvento della tecnologia di Internet.

Cercami su Instagram è un accorato invito a guardare oltre le immagini sorridenti, seducenti e apparentemente spensierate che i nostri ragazzi (e non solo) pubblicano e guardano di continuo sui social network.

In quest’epoca di Big Data e narcisismo, controllo, selfie erotici, coppie online, profilazione e algoritmi complessi, Internet viene a cercarci e ci trova più soli, iperconnessi, influenzabili, a volte aggressivi e con emozioni e pensieri mutati, ma sempre tanto desiderosi di essere visti.

Con un linguaggio semplice e colorato di tanti esempi, facilmente condivisibile anche con i più giovani, gli autori ci accompagnano in un viaggio alla ricerca di nuove chiavi interpretative e nuove possibilità, per essere davvero le persone che vorremmo essere e gli adulti di cui hanno davvero bisogno.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

A22: centra un camion e si ribalta

Pubblicato

-

Credits foto © vigili del fuoco Egna

Sabato sera poco prima delle 23 sulla corsia nord dell’autostrada del Brennero dopo il casello di San Michele all’Adige un’auto si è scontrata con un mezzo pesante.

Dopo l’impatto la vettura si è ribaltata.

Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco di San Michele all’Adige e di Egna oltre all’ambulanza di Trentino Emergenza.

Pubblicità
Pubblicità

L’uomo, ancora all’interno dell’abitacolo all’arrivo dei soccorsi, ha riportato piccoli traumi e qualche contusione.

Sul luogo dell’incidente sono giunti anche gli agenti della sottosezione autostradale della Stradale per i rilievi del caso.

Da una prima ricostruzione pare che l’auto e il mezzo pesante si siano scontrati a bassa velocità, ma nonostante ciò lo scontro ha provocato il ribaltamento della vettura.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Piana Rotaliana

“Innovazione e radicamento, la sfida anche per il futuro”: Fugatti alla cerimonia dei 145 anni della Fondazione Mach

Pubblicato

-

Era il 1874 quando venne inaugurato il primo corso di formazione destinato agli agricoltori e oggi la Fondazione Mach e l’Istituto agrario di San Michele all’Adige ricordano quei primi passi di 145 anni fa, consapevoli di avere alle spalle un solido passato e tanti punti fermi per costruire il futuro, fatti di sfide importanti, studio, passione, apertura internazionale e legame con il territorio.

Lo ha evidenziato anche il presidente della Provincia autonoma di Trento Maurizio Fugatti, presente ieri mattina alla cerimonia ufficiale della ricorrenza, in occasione della quale ha ricordato la sua personale esperienza di studente dell’Istituto agrario.

“Quello che mi ha dato San Michele è un’impostazione importante e rigorosa, educativa, oltre che tecnica dal punto di vista agricolo-enologico. Tra l’altro qui il sistema duale è sempre stato applicato per gli studenti, che possono fare formazione in azienda alternata a quella in aula” ha detto Fugatti, dialogando assieme al presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher con la giornalista Rai Maria Concetta Mattei.

Pubblicità
Pubblicità

“Nell’eccellenza di San Michele, ha detto ancora Fugatti, la forte vocazione territoriale legata all’agricoltura trentina si è sempre sommata alla capacità di crescere nell’innovazione. Innovazione e radicamento sono la sfida anche per il futuro“.

Il dialogo è poi proseguito con l’assessore all’agricoltura Giulia Zanotelli e il parlamentare europeo Herbert Dorfmann. L’assessore Zanotelli ha sottolineato il ruolo strategico rivestito dalla FEM all’interno del comparto agricolo, agro-alimentare e forestale trentino e si è detta orgogliosa dei tanti giovani che scelgono di diventare agricoltori.

“Oggi è un momento importante non solo per ricordare la storia della Fondazione e dell’Istituto, ma anche per concentrarsi sul suo futuro e su quello della nostra agricoltura, con la capacità di far fronte alle emergenze fitosanitarie, la sua posizione nel contesto nazionale e internazionale e i temi del ricambio generazionale e della formazione, per ridare imprenditorialità e competitività alle nostre aziende agricole” ha detto Zanotelli, che anche richiamato la funzione dell’agricoltura nel mantenimento e caratterizzazione del paesaggio locale e l’importanza della ricerca nel settore.

In rappresentanza di questi ultimi ambiti erano presenti stamattina anche il vicepresidente e assessore all’ambiente Mario Tonina l’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo i saluti istituzionali, ai quali ha preso parte anche il sindaco di San Michele all’Adige Clelia Sandri, nel corso della mattinata il presidente della Fondazione Mach Andrea Segrè ha tracciato un’analisi di contesto e anticipato una prospettiva degli scenari futuri nei prossimi 10 anni.

A seguire, la lectio magistralis di Davide Rondoni e l’inaugurazione di una botte commemorativa dei 145 anni scolpita da Egidio Pedri

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • PubblicitàPubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza