Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

La Marangoni affitta capannoni e uffici, i sindacati in fermento

Pubblicato

-


Tira ormai aria di smantellamento a Rovereto nell’azienda Marangoni, che intenderebbe affittare capannoni e uffici, completi di macchinari e dipendenti, a terzisti e aziende esterne.

Ne danno notizia i sindacati dopo un incontro che si è svolto ieri con parte dei vertiti dell’azienda  dove si sono discussi i termini del patto integrativo aziendale.

Non erano presenti al meeting i vertici aziendali, Giuseppe e Vittorio Marangoni, rispettivamente vice presidente e presidente, che hanno assunto il controllo dell’azienda dopo le dimissioni dell’AD Dino Maggioni, bensì il direttore del personale Michele Bergese, che ha spiegato appunto che l’azienda ha intenzione di avviare delle partnership esterne, affittando spazi e linee produttive non utilizzate o sotto-utilizzate, insieme ai servizi di manodopera, contabilità e attività tecniche.

PubblicitàPubblicità

Bergese ha anche spiegato i motivi per cui Dino Maggioni – che aveva rassicurato i sindacati – avrebbe lasciato l’azienda di Rovereto: non condivideva il modello di business scelto dal gruppo.

Dopo Maggioni aveva per altro lasciato l’azienda anche il direttore commerciale estero.

Immediata la reazione dei sindacati, che hanno convocato per lunedì mattina le assemblee dei lavoratori e che hanno chiesto di incontrare al più presto la proprietà per un confronto.

PubblicitàPubblicità

“Se questa è l’intenzione del gruppo Marangoni – ha dichiarato Mario Cerruti della Filctem-Cgil, come riporta il quotidiano Trentino – rappresenta un’operazione senza precedenti, che avrà conseguenze inimmaginabili su tutto il sistema Trentino. C’è da chiedersi a cosa è servito il lease-back, concesso dalla Provincia, per permettere di ricapitalizzare l’azienda e mantenere l’integrità aziendale”.

Marangoni ha tutt’ora in piedi un’operazione di  leaseback con la provincia autonoma di Trento di 40 milioni assegnati dall’assessore Olivi.

Il Trentino ha investito molto nella Marangoni ma fino ad ora il ritorno in termini di posti di lavoro e ricaduta sul territorio è stato sotto le aspettative.

Le difficoltà dell’azienda vengono anche dagli errori di strategia, perché gli pneumatici di qualità vengono costruiti in Francia e non in Cina. Anche quelli ricostruiti hanno un futuro, ma questo dipende dalla qualità e certo non si può competere con le tecnologie di 30 anni fa.

Il rilascio del cospicuo finanziamento a fondo perduto poggiava su un accordo che aveva nelle premesse un presupposto e un fine, quello di mantenere qui le funzioni strategiche del gruppo come la ricerca e lo sviluppo e la produzione. Siccome la testa della Marangoni è a Rovereto qui doveva concentrare le funzioni strategiche.

Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Tentano di entrare in casa da una finestra, denunciati due minorenni dalla Polizia di Stato

Pubblicato

-


Sono stati denunciati dal Commissariato di Polizia di Rovereto per tentato furto in abitazione un ragazzo di 14 anni e la sua amica di 15, nati nel padovano ma attualmente dimoranti con la famiglia nei pressi di Trento.

Ieri mattina verso le dieci, in un complesso di basse palazzine nella zona di Borgo Sacco, una signora uscita di casa per delle commissioni ha notato un giovane che, in piedi su una fioriera rovesciata, armeggiava con la finestra del piano rialzato di un suo vicino, mentre proprio sotto una ragazza gli dava man forte e faceva da palo.

I ragazzi, vistisi osservati, hanno tentato di allontanarsi velocemente dalla zona, ma la signora ha avuto la prontezza di avvisare subito la Polizia e di dare una precisa descrizione dei due, che infatti poco dopo sono stati intercettati dalla Volante della Polizia di Stato del Commissariato che stava giungendo sul posto.

Pubblicità
Pubblicità

Alla vista dei poliziotti i giovani hanno cercato di cambiare strada e di gettare qualcosa al di là di una siepe, ma sono stati subito fermati e, tra la vegetazione, è stato rinvenuto un grosso cacciavite verosimilmente usato per forzare la finestra.

Nel frattempo è arrivato a casa anche il proprietario, che ha trovato la finestra forzata e scardinata, anche se grazie al provvidenziale intervento della signora i ladri non hanno fatto in tempo ad aprirla.

Di qui la denuncia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni dei due a piede libero per tentato furto in abitazione.

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Lions: consegnati 50 peluche ai bambini del Reparto di Pediatria di Rovereto

Pubblicato

-


Questa mattina, martedì 16 ottobre, il Presidente del Lions Club Rovereto Host Germano Gasperotti, accompagnato da parecchi Soci dello storico Club roveretano, è stato accolto dal nuovo Primario del reparto di Pediatria dell’Ospedale Santa Maria del Carmine di Rovereto dr. Ugo Pradal e dal suo staff, per una consegna tanto originale quanto molto attesa.

Soprattutto dalle bambine e dai bambini ricoverati in quel reparto.

Sono stati infatti consegnati ben 50 peluche, completamente rimessi a nuovo e che, così, hanno potuto evitare il loro “Prepensionamento“.

PubblicitàPubblicità

La cerimonia è stata semplice ma ricca di emozioni e di importanti riflessioni su un gesto spontaneo e importante.

Il primario dr. Pradal ha avuto parole di gratitudine e di ammirazione verso i Lions della città, aprendo il suo reparto a possibili future collaborazioni.

La chiusura è giustamente toccata alla Socia Lions di Thiene Giuliana Liotard, la vera appassionata promotrice di questo service, ormai richiesto e diffuso nei reparti di Pediatria di moltissimi ospedali del Triveneto.

Pubblicità
Pubblicità

Ora tocca ai piccoli ospiti anche del reparto di Pediatria di Rovereto scegliersi il proprio peluche preferito, per farne un amico inseparabile magari per molti anni a venire.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Stalking: donna minacciata e perseguitata si ritrova l’ex sul balcone

Pubblicato

-


Era nella cantina del condominio e aveva staccato la corrente elettrica dell’appartamento della ex convivente, con lo scopo di obbligarla a uscire di casa per riattivarla. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it