Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

NoN Festival: la quinta edizione apre il triennio della “memoria”

Pubblicato

-

Ha preso il via la quinta edizione del “NoN Festival – laboratorio in natura”. La manifestazione artistica e teatrale che si svolge in varie località della Val di Non e che quest’anno è in programma fino al 21 settembre 2018. P

er la prima volta, l’edizione 2018 del NoN Festival inaugura un ciclo triennale dedicato al tema della “memoria”.

Dopo gli appuntamenti degli anni scorsi indirizzati all’ “abbandono”, alla “resilienza”, alle “corrispondenze” e “alla frontiera nascosta” si apre nel triennio 2018-2020, del NoN Festival, una serie di percorsi che esplorano i legami tra memoria e territorio.

Pubblicità
Pubblicità

Fare “memoria” significa anche fare anima. Cose, luoghi, persone e ciò che si immagina tra di essi”, dice Nazario Zambaldi, artista e curatore del NoN Festival 2018 che si propone di “sperimentare modelli comunitari attraverso arte e cultura per un’ecologia di mente, spazio, azione”.

E per fare ciò, NoN Festival chiede al pubblico di intervenire portando oggetti che possano diventare occasioni di ricordo, ma anche strumenti musicali, bicchieri e stracci diventano ingredienti necessari per laboratori, installazioni e spettacoli della manifestazione.

Gli oggetti raccolti sono i protagonisti di due attività di laboratorio del “NoN Festival 2018” dove i materiali poveri la fanno da padrone. “Stracci di memoria” è il laboratorio ispirato alla Venere degli stracci dell’artista piemontese Michelangelo Pistoletto e alla “storia del Lilo” che passava una volta in valle a raccogliere stracci. “Stracci di memoria” è un laboratorio creativo che, attraverso il materiale povero degli stracci, punta ad elaborare opere nel tema della memoria e del territorio.

Infine il laboratorio “Cose che raccontano”, ovvero l’interpretazione di oggetti della cultura materiale della valle di Non, realizzati attraverso il disegno, la pittura e l’assemblaggio.

Il primo appuntamento ufficiale del NoN Festival è stato sabato 25 agosto 2018 alla Casa Sociale di Caltron, dove il pubblico è stato invitato ad essere parte attiva e a portare oggetti che da sempre contengono qualcosa di noi e per noi. Protagonisti dell’appuntamento sono stati il curatore della manifestazione, Nazario Zambaldi, che si è presentato con l’installazione “The Tree”, e, Francesco Cigana, con la performance sonora dedicata alla voce dagli oggetti “Memory | Vessel | Chant”.

Gli appuntamenti proseguono sabato 01 settembre alle ore 18, a Ronzone, presso il Museo degli usi e costumi d’Anaunia. Sempre Nazario Zambaldi esporrà “Souvenir”, un dialogo con memorie personali e dei luoghi da lui conosciuti.

Anche per questo appuntamento l’invito è di portare vestiti vecchi o tessuti per l’esposizione “Souvenir” che si potrà visitare fino al 21 settembre 2018 al Museo di Ronzone.

Una esposizione degli stracci in valle, quali memorie materiali legate al territorio della Valle di Non. Seguirà sabato 01 settembre a Ronzone “Vent’anni soffiati/ Perdutamente” una performance artistica di e con Alessio Kogoj, ex direttore artistico del Centro Teatro del Comune di Trento e oggi regista, autore, attore e formatore teatrale di origini mantovane.

Infine, sabato 08 settembre, alle ore 18 sarà protagonista Sanzeno con il Centro Culturale d’Anaunia di Casa de Gentili. Al Centro Culturale d’Anaunia verrà presentato il progetto “Memoria” di NoN Festival che si estenderà fino al 2020, con l’introduzione della prima idea progettuale, ovvero “la storia del Lilo” che percorreva la valle di Non raccogliendo stracci.

Durante la serata verrà proiettato “Memoria” il video e le immagini delle edizioni passate del “NoN Festival” e il video “Waiting” realizzato da Manuel Canelles in collaborazione con “Cittadellarte – Fondazione Pistoletto”. Il video inerente le varie fasi del progetto che allaccia Lampedusa/Ventimiglia/Bolzano attraverso l’opera di Michelangelo Pistoletto Venere degli stracci, il cui corpo in spostamento indaga confini geografici, mentali e politici.

Per info: Teatro Pratiko, http://www.metaart.it/142d392.html, www.nonfestival.com, http://www.nazariozambaldi.com/ e facebook alla pagina @nonorganizzazione.

Pubblicità
Pubblicità

Arte e Cultura

Vittorio Sgarbi in quinta commissione: «Legare ristoratori e albergatori ad una produzione artistica importante»

Pubblicato

-

Il Mart, museo d’arte moderna e contemporanea di Rovereto e Trento, ha inaugurato stamane presso la Quinta Commissione permanente presieduta da Alessia Ambrosi il programma di ascolto dei quattro musei provinciali, Mart, Muse, Castello del Buonconsiglio e Museo degli usi e costumi della gente trentina.

Il Presidente di recente nomina Vittorio Sgarbi ha anticipato programmi di attività del museo e azioni e iniziative future.

Compreso un chiarimento sugli insulti ai consiglieri e sul Palazzo delle Albere.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente Vittorio Sgarbi si è detto lusingato da questa convocazione, una piacevole novità istituzionale per non essere percepiti come “un pianeta autonomo rispetto a quanto accade in Trentino”.

Due sono le anomalie in Trentino in questo momento, ha ironizzato: M49 e la mia presenza, per il rischio che entrambi possiamo costituire come “entità pericolose”.

Sgarbi ha voluto precisare due passaggi che lo hanno coinvolto negli ultimi mesi.

Con riferimento alla sua contestata nomina a Presidente del Mart, ha definito “un atto di sottocultura avvilente da parte di certa classe politica” ritenere che il ruolo di parlamentare possa precludere l’attività di Presidente del Mart.

In secondo luogo ha chiarito il proprio ruolo nella difesa della “casa del Mart”, ovvero il Palazzo delle Albere a Trento.

Il Mart si chiama così perché prevede una sede anche a Trento, che è appunto il palazzo delle Albere, parte integrante del Mart, citato anche nell’atto costitutivo come sua pertinenza.

Il collega Zecchi, molto meno integrato con la cultura trentina probabilmente conosce meno la storia di questa provincia e delle mostre straordinarie che nacquero a palazzo delle Albere, eccezionale simbolo di architettura rinascimentale.

Il privato rispetta quel monumento più di quanto abbia fatto il pubblico con la costruzione di un museo, il Muse, troppo vicino alla sua struttura, che andava fatto almeno 200 metri più in là.

Che dopo questa violenza si pensi di mettere delle gigantesche palle, è un’altra cosa di cui non si può nemmeno parlare perché è contro una legge di tutela. “Non ho alcuna disponibilità a discutere di questa materia e se Palazzo delle Albere dovesse essere tolto al Mart abbandonerei questo incarico”, ha dichiarato.

Palazzo delle Albere deve contenere opere d’arte nella loro dimensione estetica più piena, non un ridicolo museo della storia della filosofia, aldilà di cosa dice il collega Zecchi.

Sgarbi ha detto di immaginare, per il Trentino, una formula da lui già adottata anche a Cefalù, per fare in modo che l’albergatore e il ristoratore diventino sentinelle della cultura trentina.

Ogni persona che va in un ristorante lascia due euro avendo in cambio un biglietto del Mart, in una sorta di “paragratuità”.

L’idea è quella di legare i ristoratori e gli albergatori ad una produzione artistica importante e prestigiosa sul territorio come quella del Mart.

A tal fine è stato proposto e programmato un incontro il 20 settembre con gli operatori del turismo affinché propongano il Mart come opzione turistico-culturale importante e significativa.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Arte e Cultura

Addio ad Andrea Camilleri, il papà di Montalbano

Pubblicato

-

Andrea Camilleri è morto all’ospedale Santo Spirito di Roma, dove era ricoverato da quasi un mese dopo una crisi respiratoria.

Camillieri si è spento alle 8.20 di questa mattina, 17 luglio.

Le sue condizioni erano sempre rimaste critiche e si sono aggravate nelle ultime ore.

Pubblicità
Pubblicità

Per volontà dello scrittore e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio.

Andrea Camilleri, scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e docente ha scavalcato le barriere dei confini nazionali.

Nato a Porto Empedocle il 6 settembre 1925, non si contano i riconoscimenti in giro per l’Italia.

La passione per la letteratura nasce tra il 1946 e il 1947, quando Andrea Camilleri inizia a frequentare assiduamente la biblioteca comunale di Enna.

Già nel 1942, però, aveva iniziato a lavorare dapprima come regista teatrale e poi come sceneggiatore.

Nel 1949 viene ammesso all’Accademia di Arte drammatica Silvio d’Amico di Roma come unico allievo di regista.

Da allora ha eseguito la regia di più di 100 opere, soprattutto di drammi di Pirandello.

Entra in Rai nel 1957, mentre vent’anni dopo gli verrà affidata la cattedra di regia alla Silvio d’Amico che manterrà per vent’anni ancora. Il debutto nella narrativa avviene nel 1978 con “Il corso delle cose.”

Ma il nome di Andrea Camilleri è indissolubilmente legato alla figura del commissario Montalbano, personaggio che appare per la prima volta nel 1994 quando pubblica “La forma dell’acqua” e portato alla ribalta dalla serie televisiva in onda in Rai fin dal 1999 con protagonista Luca Zingaretti e grande successo di pubblico.

Andrea Camilleri era sposato con Rosetta Dello Siesto dal 1957. Lascia tre figlie e quattro nipoti.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Arte e Cultura

“Signora fotograf(i)a” a Palazzo Roccabruna fino al 27 luglio

Pubblicato

-

Prosegue fino al 27 luglio, nella sola sede di Trento – Palazzo Roccabruna, la mostra fotografica “Signora fotograf(i)a.

Collezioni storiche Tirolo-Alto Adige-Trentino”, realizzata con il contributo della Provincia autonoma di Trento e il coordinamento locale della Soprintendenza per i beni culturali nell’ambito del progetto interregionale Italia-Austria “Argento vivo”, per la prima volta esteso anche al Trentino.

L’esperienza della visita si completa ora con le immagini realizzate da bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni nell’ambito del workshop “Riflessi dal mondo. Io e l’immagine di me”, curato dall’Ufficio provinciale per il Sistema bibliotecario trentino con la guida della fotografa Elisa Vettori.

Pubblicità
Pubblicità

La mostra, ospitata nella prestigiosa cornice di Palazzo Roccabruna, riflette la ricchezza dei numerosi archivi fotografici (con sedi a Lienz, Innsbruck, Brunico e Bolzano) che, assieme all’Archivio fotografico storico della Soprintendenza di Trento, hanno avviato un inedito percorso di collaborazione, con l’obiettivo di valorizzare la fotografia storica in quanto specchio di trasformazioni culturali e tecniche e parte integrante del patrimonio culturale.

La selezione delle fotografie affianca esemplari provenienti da tutte le istituzioni coinvolte, collegandosi alle ricerche ancora in corso sulla costruzione delle identità femminili e la presenza delle donne nella storia della fotografia tra la seconda metà dell’Ottocento e la stagione compresa tra le due guerre mondiali.

Il focus, in particolare, è sulle rappresentazioni al femminile del tempo libero e degli stili di vita, in un allestimento cronologico che consente di cogliere le trasformazioni, ma anche i ritardi e le persistenze, di una storia legata al corpo e al mutevole concetto del pudore.

Speciale attenzione è dedicata a quel peculiare dispositivo di auto rappresentazione e conservazione della memoria che è l’album fotografico, con l’esposizione in originale di preziosi esemplari che spaziano dal ricordo del viaggio di nozze al campionario dell’attività dello studio dei F.lli Pedrotti, presenti anche con un montaggio di filmati d’epoca realizzato a cura di Format – Centro Audiovisivi.

In mostra anche le immagini realizzate da bambini e ragazzi dai 6 ai 13 anni nell’ambito del workshop Riflessi dal mondo.

Io e l’immagine di me, curato dall’Ufficio per il Sistema bibliotecario trentino della Provincia autonoma di Trento con la guida della fotografa Elisa Vettori.

Durante i cinque giorni di attività, tra promozione del libro, valorizzazione della cultura fotografica e sperimentazione personale, i partecipanti si sono confrontati creativamente con le ricerche di grandi fotografe del passato e del presente, come Vivian Maier, Wanda Wulz e Beatrice Cosimi, provandosi nella ripresa della propria immagine riflessa, nella doppia esposizione e nel collage.

Anche l’allestimento della sala è il risultato delle riflessioni e delle scelte compiute dal gruppo a conclusione del laboratorio.

La mostra è aperta con orario: mar-mer 10-17, gio -ven 10-20, sab 17-20. L’ingresso è libero.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza