Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Banca trentina presa con le mani nel sacco risarcisce il correntista.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La storia della signora in questione probabilmente non è l’unica ne in Trentino, terra di cooperazione, ne tanto meno in Italia.

Ma la sua tragica storia lascia un segno negli affetti e un grande dolore che difficilmente verrà rimarginato.

«Mio marito per colpa di questa storia si è ammalato di tumore ed è morto, – ci spiega fra le lacrime la signora – quando la cassa rurale Alta Valsugana ci ha detto che ci avrebbe chiuso le linee di credito lui non ha retto e sono cominciati i problemi di salute terminati in gennaio di quest’anno con la sua morte»

Solo più tardi, mentre ancora doveva finire i lavori, ha trovato nell’istituto Monte Paschi di Siena un valido collaboratore, «Sono stati premurosi e gentili e hanno risolto il nostro problema in fretta tirandoci fuori da guai»

Anna Corradi di Baselga di Pinè, nel 2006, per ristrutturare il suo B&B comprensivo di centro di salute e bellezza chiede alla cassa rurale Alta Valsugana (allora cassa rurale di Pergine) due distinti mutui, uno di 280 mila euro e l’altro di 170 mila. 

I due mutui vengono accesi regolarmente senza nessun problema.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo alcune settimane  la signora viene contattata dalla banca che le comunica che l’affidamento del mutuo di 280 mila euro presenta delle criticità sugli interessi, per questo da variabili consigliano di farli diventare fissi.

La signora si reca in banca per la firma del nuovo contratto, non sapendo che in realtà firma quello che si chiama SWAP, cioè un serie di prodotti derivati ad alto rischio.

Nei primi due anni i prodotti derivati fruttano alla signora qualche interesse, si parla di poche centinaia di euro, poi però crollano, e dal conto corrente della signora trimestralmente vengono prelevate mosse piuttosto importanti che aggirano intorno ai 2.500 euro.

Il direttore della banca la rassicura dicendo che i prodotti derivati ricominceranno a rendere come prima.

La cosa purtroppo va avanti ed allora la signora si rivolge ancora alla banca, piuttosto allarmata e preoccupata.

Alla sua richiesta di uscire dal contratto gli viene richiesta la somma di 40 mila euro.

La signora è sotto shock e non capisce più nulla e soprattutto non capisce il perché debba effettuare un pagamento così ingente a favore del nulla.

A questo punto la signora commette un altro errore, si rivolge ad un consulente «fantasma» di Padova che gli spilla altri 15 mila euro e che non fa nulla.

Poi viene indirizzata alla S.O.S. illeciti bancari e le cose cambiano velocemente. Viene redatta una perizia  e consegnata alla banca direttamente dalla signora accompagnata dal consulente Orazio Marchetti.

Dopo la consegna la banca convoca d’urgenza il consiglio di amministrazione che delibera di annullare lo SWAP e definire un tavolo risarcitorio. La prima offerta però viene rifiutata dalla signora.

Poi viene trovato l’accordo per il risarcimento (qui in copia)

«La banca ha rappresentato all’investitore una realtà del tutto distorta e tendenziosa,  – si legge in un passaggio della perizia – antitetica a quella fattuale, violando così le norme richiamate nel presente elaborato peritale. La negoziazione ha avuto ad oggetto e negoziando uno strumento finanziario non adeguato al profilo dell’investitore, e non idoneo a perseguire le finalità di copertura indicate contrattualmente. In ragione di tanto l’investitore ha diritto alla restituzione di tutto il versato e, all’estinzione del rapporto truffa. Che nel caso di specie, si estingueva in agosto 2026 contestualmente al mutuo di € 280.000,00».

In parole più chiare, al Centro della Salute e Bellezza di Anna Corradi di Baselga di Pine’, non solo è stato restituito tutto il maltolto come da transazione allegata, ma non dovrà nemmeno corrispondere (sino al 2026) all’istituto di credito circa  2.200,00 / 2.500,00 euro trimestrali pari a circa 9.000,00 \ 10.000,00 annui di interessi sui prodotti derivati.

Il che significa, che se la banca non fosse stata fermata dalla «Sos Illeciti bancari»,  rilevando, nel contempo anche condotte penalmente rilevanti, si sarebbe approfittata, come si è approfittata, per circa 10 anni (versati) e altri 10 (da versare), su un solo correntista e rapporto, della stratosferica somma di oltre  150 mila euro.

Si badi bene, parliamo di onesti e semplici lavoratori non certo di professionisti preparati al sistema finanziario, come prevede il rapporto in oggetto riportato.

«Stiamo valutando si sporgere denuncia penale lo stesso, nonostante il risarcimento, quanto successo infatti rappresenta una vergogna» – spiega Marchetti.

E ancora: «Ma oltre a questo per la cassa rurale alta Valsugana piove sul bagnato, «probabilmente denunceremo la banca anche per usura, perché secondo noi i tassi di interessi sui due mutui non sono congrui»

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento3 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento5 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento5 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella6 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento7 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento7 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano8 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Italia ed estero10 ore fa

Coesistere con i grandi predatori: un nuovo studio

Cani Gatti & C11 ore fa

Nasce “Quattro Zampe in Famiglia”, il nuovo motore di ricerca per adottare cani e gatti ospiti in canili e gattili di tutta Italia

Vita & Famiglia12 ore fa

Dalla 45ª Giornata per la Vita alla manifestazione del prossimo maggio – “Restiamo Liberi”, la rubrica settimanale di Pro Vita & Famiglia

Bolzano21 ore fa

Slavina in Alto Adige: investite due turiste tedesche, una purtroppo è rimasta uccisa

Piana Rotaliana22 ore fa

Poste chiuse a Mezzolombardo? Il “Progetto di Rete” accompagna gli anziani all’ufficio sostitutivo di Mezzocorona

Trento22 ore fa

Occupazione abusiva a Cognola, una storia di ordinaria follia

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena4 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

Rovereto e Vallagarina4 giorni fa

Trovato morto in casa un 60 enne di Rovereto

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza