Connect with us

Fiemme, Fassa e Cembra

Nubifragio a Moena e Soraga, decorrono da oggi i termini di presentazione delle domande di contributo e indennizzo

Pubblicato

-

Per quanto riguarda il nubifragio che ha colpito la Val di Fassa il 3 luglio scorso, in particolare i paesi di Moena e Soraga, decorrono da oggi i termini in base ai quali cittadini, imprese e lavoratori autonomi possono presentare domanda di contributo o indennizzo per i danni subiti.

Ci sono 60 giorni di tempo per i danni ai veicoli privati e 120 per i danni ad altre tipologie di beni.

PubblicitàPubblicità

Il Dipartimento Protezione Civile della Provincia autonoma di Trento ricorda che le strutture di riferimento per la gestione delle domande e per eventuali informazioni sono:

PubblicitàPubblicità

– il Servizio prevenzione rischi (domande per danni causati a veicoli ed abitazioni)

Via Vannetti, 41 – TRENTO

Telefono:0461.494864

pec: serv.prevenzionerischi@pec.provincia.tn.it

– l’Agenzia provinciale incentivazione attività economiche (APIAE) (domande per danni causati alle attività economiche)

Via Solteri, 38 – TRENTO

Telefono :0461-499400

pec : apiae.contr.prominv@pec.provincia.tn.it.

Per la zona della Val di Fassa opera anche l’ufficio periferico della Provincia autonoma di Trento, che si trova a Pozza di Fassa – Strada Prè de Gejia, 2 – Telefono: 0462-763505, al quale ci si può rivolgere per informazioni e per la raccolta delle domande.

Sono cinque i milioni di euro a disposizione per sostenere chi, a Moena e Soraga, ha subito danni a causa del maltempo che il 3 luglio scorso ha colpito la Val di Fassa.

La Provincia ha inviato ai comuni interessati dalla calamità e a tutti i soggetti che hanno trasmesso delle comunicazioni all’amministrazione provinciale per segnalare danni, una nota informativa per far conoscere i criteri di concessione dei contributi e indennizzi e le modalità di presentazione delle domande.

I provvedimenti e la modulistica da utilizzare sono consultabili e scaricabili sul sito del Dipartimento Protezione Civile:

http://www.protezionecivile.tn.it/normativa_modulistica/Modulistica_nubifragio_Moena_e_Soraga/ .

Nel pomeriggio del 3 luglio scorso la val di Fassa è stata interessata da un fenomeno meteorologico di particolare intensità, e considerato raro. Grandine e pioggia hanno determinato in particolare un’alluvione lampo in una parte dell’abitato di Moena, lungo il torrente Costalunga, e altri danni nel comune di Soraga.

Pubblicità
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Il conduttore Carlo Conti tiene a battesimo Neif. La mascotte farà il giro del mondo con gli azzurri

Pubblicato

-

Il noto conduttore televisivo e radiofonico Carlo Conti, in vacanza in Val di Fassa, ha tenuto a battesimo la prima uscita ufficiale di Neif, la mascotte che nella lingua ladina significa neve e che, grazie agli atleti testimonial sportivi della valle trentina, inizierà il giro del mondo fino al 18 febbraio 2019, data di inizio dei Campionati Mondiali Junior di sci alpino, fra poco meno di 200 giorni.

Il presentatore e direttore artistico del Festival di Sanremo dal 2015 al 2017 si è prestato volentieri per uno scatto assieme a Neif, anche perché è componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze, realtà con la quale il Comitato organizzatore dell’evento ha stretto un’importante collaborazione in ambito promozionale e di raccolta fondi durante la manifestazione.

PubblicitàPubblicità

I dieci testimonial sportivi della Val di Fassa fino a febbraio porteranno con loro in valigia anche Neif, che diventerà compagno fotografico dei loro allenamenti e delle loro competizioni.

PubblicitàPubblicità

A partire dai tre slalomisti che sono diretti in Patagonia per un primo stage intensivo di preparazione tecnica, ovvero Chiara Costazza, Stefano Gross e Federico Liberatore. Ambasciatori dei mondiali junior saranno anche gli snowboarder Mirko Felicetti, Caterina Carpano, Giorgia Locatin ed Emil Zulian, la fondista Caterina Ganz, il freestyler Igor Lastei e la sci alpinista Giorgia Felicetti.

Prosegue dunque l’avvicinamento alla massima rassegna giovanile di sci alpino, che animerà le piste trentine della Val di Fassa dal 18 al 27 febbraio 2019 e che vedrà in gara circa 500 atleti di 50 nazioni, con in palio 11 titoli di campione del mondo e 33 medaglie da assegnare nelle due location di gara a Pozza di Fassa e a Passo San Pellegrino.

Ma il programma prevede pure dei test event, considerato che a dicembre e a gennaio sono previste quattro gare di Coppa Europa.

Le date da segnare in rosso sono quelle del 17 e 18 dicembre a Pozza di Fassa, dove si disputeranno due slalom gigante maschili, quindi dal 15 al 18 gennaio a Passo San Pellegrino andranno in scena due discese libere femminili.

Tutti i più grandi campioni di Coppa del Mondo sono transitati anche per i Mondiali Junior, spesso vincendo medaglie. Alcuni nomi? Il norvegese Henrik Kristoffersen, che ha vinto ben sei titoli iridati under 20, l’austriaco Marcel Hirscher, che ha vinto 3 medaglie d’oro, ed ancora Lindsey Vonn, Mikaela Shiffrin, Sofia Goggia. Federica Brignone e tanti altri.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Lotta contro i centauri indisciplinati: sequestrate le moto, via le patenti, e 10 mila euro di multa

Pubblicato

-

È lotta dura contro i motociclisti indisciplinati in Trentino.

Quanto successo a Lavarone pochi giorni fa, il tutto, documentato con un video shock da brividi, ha messo in allarme le forze dell’ordine.

PubblicitàPubblicità

I Carabinieri della Compagnia di Cavalese (TN), nei fine settimana, in concomitanza con l’avvio della stagione estiva che richiama un notevole afflusso di centauri sulle principali arterie delle Valli di Fiemme, Fassa, Cembra e del Primiero, hanno eseguito distinti servizi di controllo straordinario del territorio per monitorare la circolazione stradale ed in particolare prevenire e reprimere condotte indisciplinate dei motociclisti.

PubblicitàPubblicità

Nel corso dei vari servizi, che hanno visto l’impiego di pattuglie dell’Aliquota Radiomobile e delle Stazioni dipendenti dalla Compagnia di Cavalese, in particolare quelle di Cembra-Lisignago, Segonzano e Primiero San Martino di Castrozza, sono stati controllati più di 200 motoveicoli, ed elevate diverse contravvenzioni al Codice della Strada.

Le infrazioni più diffuse rilevate tra le moto, sono state quelle relative alla velocità eccessiva da parte dei conducenti, con sorpassi azzardati, mancata revisione dei motoveicoli e modifiche alle caratteristiche costruttive degli stessi.

Particolare attenzione è stata rivolta anche alla “cattiva abitudine” da parte dei motociclisti di inclinare in modo irregolare la targa per renderne difficoltosa la lettura da parte delle forze dell’ordine.

Negli ultimi periodi, in Val di Fiemme e nel Primiero si sono verificati alcuni incidenti stradali mortali dovuti all’eccessiva velocità ed al mancato controllo del veicolo.

Le violazioni accertate hanno comportato per i trasgressori, per diversi casi il sequestro/fermo amministrativo del veicolo ed il ritiro della patente di guida nonché l’irrogazione di sanzioni che nel complesso sono al momento attestate a circa 10.000 euro.

I controlli dei CC continueranno senza soluzione di continuità anche nei prossimi fine settimana per garantire ai numerosi turisti di passaggio di viaggiare in sicurezza.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Fiemme, Fassa e Cembra

Carabinieri Cavalese: 2 arresti e 10 denunce nel mese di luglio.

Pubblicato

-

L’attività dei Carabinieri della Compagnia di Cavalese (TN), già avviata a partire dallo scorso mese di luglio in concomitanza con la generale riapertura di tutte le strutture alberghiere e commerciali delle Valli di Fiemme, Fassa e del Primiero, anche nel corrente mese di agosto ha visto un notevole incremento dei servizi di prevenzione e vigilanza, disposti e coordinati dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Trento per garantire in tutto il territorio provinciale un sereno e sicuro Ferragosto.

Per quanto riguarda l’’attività di servizio dei militari della Compagnia di Cavalese svolta nel periodo a ridosso del Ferragosto, si registra l’arresto di 2 persone e la denuncia a piede libero di altre 10.

PubblicitàPubblicità

Gli arresti sono scaturiti da precise attività investigative ed hanno riguardato in un caso un uomo di origini laziali che aveva sottratto ad un anziano disabile assistito la carta di credito dalla quale aveva poi prelevato denaro per acquisti on line per un totale di euro 4.000, nell’altro un giovane di Capriana (TN), sorpreso a coltivare piante di canapa indiana in una zona isolata della Val Floriana.

PubblicitàPubblicità

In considerazione del notevole afflusso di turisti, sono costantemente aumentate le denunce di truffe informatiche, per lo più per indebito utilizzo di carta di credito ed al momento sono stati individuati in ben sei casi i relativi autori, tutti deferiti in stato di libertà alla A.G. competente.

Oltre alle solite denunce per reati in ambito familiare e per lesioni personali, i carabinieri hanno denunciato anche un soggetto di etnia nomade, ritenuto responsabile dai Carabinieri di Imer (TN) della commissione di precedenti furti su veicoli in sosta.

L’attenzione dei militari della Compagnia di Cavalese è stata inoltre rivolta sia alla vigilanza sulle abitazioni private, specie quelle più isolate, per prevenire i furti, sia al controllo della circolazione stradale, in questo momento particolarmente intensa.

Proprio per quest’ultimo aspetto, l’attività di contrasto dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cavalese e delle dipendenti Stazioni ha avuto un’impennata che ha consentito di accertare numerose infrazioni al Codice della Strada, con conseguente contestazione di contravvenzioni per infrazioni che hanno riguardato, in prevalenza, le norme comportamentali, la guida in stato di ebbrezza, la mancata revisione e copertura assicurativa dei veicoli.

Numerosi sono stati anche gli interventi da parte delle pattuglie dell’Arma per incidenti stradali, in prevalenza senza feriti o al massimo con feriti lievi, mentre in un caso per un incidente mortale che ha coinvolto un motociclista nel Primiero.

Diversi, infine, sono stati gli interventi per incidenti in montagna, taluni anche mortali, in conseguenza della sempre più notevole presenza di escursionisti che esplorano le numerose vette di questo territorio.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Iscriviti alla Newsletter

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it