Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

A Sfruz 16 esperti da tutto il mondo per parlare di stufe a olle

Pubblicato

-

Si terrà dal 10 al 14 settembre a Sfruz il terzo “Convegno Internazionale delle Stufe ad Olle”, organizzato dall’Associazione Antiche Fornaci di Sfruz, nata nel 2008 per valorizzare l’immenso patrimonio culturale del piccolo paese.

L’evento ha ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e del Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale “Gect Euregio Trentino-Alto Adige-Tirolo”, organismo di diritto europeo con sede a Bolzano.

Si tratta del terzo convegno dopo quelli organizzati dall’associazione di Sfruz nel 2009 e nel 2011.

PubblicitàPubblicità

Prenderanno parte all’incontro 16 esperti in materia, che verranno coordinati dal professor Francesco Angelelli, già ordinario all’Università “La Sapienza” di Roma e attualmente segretario dell’Associazione Geo-Archeologica italiana.

Interverranno professori universitari e ricercatori provenienti dall’Italia, dal Marocco, dalla Siberia, dalla Lituania, dall’Austria, dalla Germania e dalla Svizzera.

Tra i relatori spicca il nome di Wolfgang Kippes, già direttore del castello “Schönbrunn” di Vienna dove, secondo Kippes, sono presenti delle stufe che verosimilmente sono state prodotte dai maestri artigiani di Sfruz.

PubblicitàPubblicità

A margine dell’iniziativa, agli esperti verranno mostrati gli scorci più suggestivi e le residenze storiche della valle.

Durante il convegno si proseguirà lo studio iniziato nelle due precedenti edizioni, confrontando le opere in ceramica sul panorama locale, regionale e internazionale, anche attraverso un censimento specifico.

L’appuntamento di Sfruz sarà l’occasione per creare una rete culturale nel settore della ceramica tradizionale, che coinvolgerà i tre territori dell’Euregio, offrendo così nuove opportunità di scambio e confronto.

L’evento verrà presentato nella splendida cornice di Palazzo Assessorile a Cles, alla presenza del sindaco Ruggero Mucchi, il quale ha concesso il patrocinio comunale.

Le attività scientifiche proseguiranno poi nella Sala delle Conferenze del Municipio di Sfruz. I lavori saranno pubblici e tutti gli interessati potranno ascoltare gli interventi dei relatori.

Il coordinatore scientifico ha deciso che tutti gli interventi e gli atti del convegno saranno in inglese, in modo tale da rendere il materiale fruibile al numero più ampio possibile di studiosi.

I cittadini che vorranno ascoltare gli interventi potranno farlo attraverso il servizio di traduzione simultanea che verrà fornito attraverso auricolari e radio a corto raggio.

Il direttivo dell’Associazione Antiche Fornaci è guidato dal cavalier Benito Cavini che lavora ormai da alcuni anni alla preparazione del convegno. Fanno parte del direttivo Gian Antonio Agosti (segretario), Maria Grazia Dallago, Romano Poli (vicepresidente-fondatore), Alessandro Battisti, Andrea Biasi, Luigi Ossanna e Francesco Angelelli.

Il prossimo 7 settembre, inoltre, verrà presentato a Castel Valer il libro realizzato per conto dell’Associazione Antiche Fornaci dai ricercatori Alessandro Battisti e Andrea Biasi.

Con quest’opera gli autori realizzano un censimento e una classificazione delle stufe originarie di Sfruz che adornano le sale del maniero di proprietà del conte Urlich von Spaur.

Nella foto di copertina il direttivo dell’Associazione Antiche Fornaci di Sfruz. Da sinistra: Gianantonio Agosti, Memmo Caporilli, Benito Cavini, Andrea Biasi e Francesco Angelelli

Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Arrestati due romeni per il saccheggio dell’hotel SunValley a Dimaro. A casa loro ritrovata altra refurtiva.

Pubblicato

-

L’autorità giudiziaria di Trento ha ritenuto fondato il quadro accusatorio formulato dai Carabinieri della Compagnia di Cles nei confronti di due romeni accusati di far parte della squadra che, il 24 settembre scorso, aveva saccheggiato l’albergo SunValley di Dimaro Folgarida, ed ha spiccato nei confronti di essi provvedimenti cautelari che i militari della Stazione di Malè hanno ieri reso esecutivi.

I gravi indizi di colpevolezza raccolti a carico degli indagati e la sussistenza di un concreto pericolo di reiterazione della condotta ai medesimi contestata hanno comprovato la necessità di disporre la misura degli arresti domiciliari a carico di M.I. e quella dell’obbligo di dimora in Cles, e di permanenza in casa nelle ore notturne, per D.D.M..

Il gruppo delinquenziale, nella nottata del 24 settembre, si era impossessato di mobilio da cucina ed aveva tentato di rubare ulteriore attrezzatura per alberghi.

PubblicitàPubblicità

La merce era stata caricata a bordo di un grosso furgone, veicolo che i Carabinieri della Stazione di Malè avevano bloccato nelle immediate adiacenze della struttura con a bordo un quarantenne straniero residente in Val di Non.

L’uomo era stato allora tratto in arresto in flagranza di reato.

Le successive indagini hanno permesso di identificare, in due tempi, i restanti componenti del gruppo, tre persone che la sera dei fatti erano riuscite a guadagnare la fuga.

Pubblicità
Pubblicità

A carico di due di loro (la posizione del terzo, denunciato più recentemente, è adesso al vaglio della magistratura) il P.M. ha avanzato richiesta di
misura cautelare, istanza che, come detto, è stata accolta dal G.I.P..

I carabinieri della Stazione di Malè hanno anche notificato agli indagati decreto di perquisizione.

Nell’abitazione di M.I. è stata rinvenuto uno spaccalegna idraulico asportato mesi prima in Dimaro Folgarida ed un tagliaerba, macchina di non ancora chiarita provenienza.

Le immagini di essa possono essere viste consultando la bacheca degli oggetti rinvenuti presente nel sito web carabinieri.it o mettendosi in contatto con la Stazione di Malè

Pubblicità

Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Al Museo Retico di Sanzeno appuntamento con “F@Mu – la Giornata nazionale delle famiglie al museo”

Pubblicato

-

Una bella notizia per i più piccoli: dopodomani, domenica 14 ottobre, si rinnova l’appuntamento con “F@Mu – la Giornata nazionale delle famiglie al museo”. (altro…)

Pubblicità
Continua a leggere

Val di Non – Sole – Paganella

Campodenno ha a cuore la salute dei cittadini: installati 6 defibrillatori sul territorio comunale

Pubblicato

-

Campodenno Comune cardioprotetto. È terminata in questi giorni l’installazione di sei defibrillatori in punti strategici delle diverse frazioni, ovvero a Lover, Campodenno, Termon, Quetta, Dercolo e Crescino. (altro…)

Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it