Connect with us
Pubblicità

Politica

Allontanamento dei Minori, Robbi (AGIRE): “Nella prossima Legislatura Agire per il Trentino difenderà i diritti dei genitori.”

Pubblicato

-

Gian Piero Robbi (Agire per il Trentino)

“Suscita sempre un certo interesse ‘negativo’ quando si parla di allontanamento dei minori dalle proprie famiglie, negli ultimi anni, ho assistito ad un vero e proprio ‘massacro sociale’ messo in atto dal braccio esecutivo delle istituzioni: gli assistenti sociali.” Questo è quanto ci dice Gian Piero Robbi, candidato nella coalizione di centrodestra con Agire per il Trentino.

“Ne ho sentito di tutti i colori, tutte bruttissime considerazioni verso una categoria che, recentemente, ha subito anche delle aggressioni verbali e fisiche.

In tutti questi anni ho raccolto centinaia di segnalazioni e altrettante non ho potuto raccontarle perché non autorizzato dai genitori per paura delle cosiddette ritorsioni. Agire per il Trentino, – continua Robbi – nella prossima legislatura, sarà al fianco di tutti quei genitori che dovranno affrontare questo delicatissimo problema. Lo faremo con fermezza utilizzando tutti i mezzi consentiti dal nostro ordinamento giuridico grazie anche alla collaborazione di un famoso Avvocato, impegnato da anni nella difesa dei diritti dei genitori e della loro capacità genitoriale.”

PubblicitàPubblicità

Vi ricorderete quando l’Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali sanzionò con la “censura” una propria iscritta per avere minacciato una bambina, davanti a due agenti di Polizia.

Per completezza dell’inchiesta che feci qualche anno fa, vorrei segnalarvi quello che succede tra le parti coinvolte. Sentiamo spesso parlare di affido, assistenti sociali, Giudici, tutori legali e psichiatri dove a volte, una loro perizia, decide il futuro di tanta gente, genitori, figli e anche la parentela più stretta.

Sì, perché è risaputo che gli assistenti sociali (non solo loro) abbiano in Italia un potere immane: quello di decidere se un bambino debba stare con un genitore o con un altro o se debba essere strappato ad entrambi.

E le scelte spesso vengono prese seguendo criteri assai discutibili. Un esempio banale? Se una bambina, contesa da papà e mamma, disegna se stessa che dà la mano ad una figura anziché a due, significherebbe che vuole stare solo con un genitore, e non con entrambi. E, in Italia, poi c’è l’errata convinzione, permessa dalla legge, che la prescelta è sempre la mamma, mentre il padre è considerato l’elemento debole del rapporto emotivo.

Per ovvi motivi di riservatezza, segreto istruttorio e privacy dei minori, non possiamo darvi i nomi degli “attori” coinvolti, possiamo solo dire che la mano che impugna quella penna, che tante volte distrugge la vita della gente, più o meno, è la stessa.
Per di più, bisogna anche sapere che gli assistenti sociali prediligono l’azione dello “strappo” quando una decisione è presa. Il bambino, infatti, viene letteralmente strappato via dalle braccia del genitore “perdente”, senza utilizzare tappe intermedie (vi ricordate il caso del bambino portato via con forza da una scuola di Cittadella? Il video scatenò feroci polemiche…).

Ecco, di fronte a questo, la decisione di censurare un’assistente sociale da parte dell’Ordine di riferimento è una buona cosa. Perché significa che si può fare anche appello alla giustizia “interna” e sperare in un provvedimento che difenda i diritti dei genitori e salvaguardi la salute mentale dei bambini. Una famiglia, infatti, non è un luogo in cui la società può permettersi una tale invadenza da modificarne gli equilibri senza ragioni giustificate o comprovate.

E soprattutto non si può concedere la libertà di distruggere una famiglia perché un’assistente sociale ritiene, in virtù della propria percezione della realtà, che ci siano gli elementi affinché non debba più sussistere.

Sono decisioni naturalmente assai delicate, che andrebbero gestite con perizia e controlli incrociati e soprattutto con una modalità che non dovrebbe mai essere messa da parte: l’umanità.

Non bisogna, infatti, mai dimenticare che le vittime non sono soltanto i bambini ma anche i genitori, a cui capita di venire tolta la potestà genitoriale, generando sofferenze indicibili che vanno ad aggiungersi ai disagi che hanno condotto l’assistente sociale a prendere decisioni così radicali.

E, poi, non c’è alcuna sicurezza sul fatto che un bambino possa trovare giovamento all’interno di un istituto, dove gli manca senza dubbio l’elemento più importante: l’affetto, anche perché non è detto che ci sia sempre un’altra famiglia disposta ad accoglierlo e a dargli ciò che gli serve per crescere come gli spetta.

Tengo a precisare che l’inchiesta non voleva fomentare una caccia alle streghe nei confronti degli assistenti sociali, degli psichiatri o dei giudici ma voleva fare chiarezza nello stesso interesse delle categorie citate e dei tanti professionisti che lavorano quotidianamente con serietà, coscienza ed attenzione.

Le storie e i drammi familiari di cui vi ho raccontato hanno approfondito episodi in cui un comportamento poco professionale e decisamente superficiale, di chi ha tra le mani la enorme responsabilità di decidere sulla vita e sul destino degli altri che finisce col danneggiare irrimediabilmente l’equilibrio di una famiglia ed il destino di un minore.

Per permettere di capire meglio l’entità del fenomeno legato alla “sottrazione dei minori” forniamo qualche cifra relativamente alle “case famiglia” alle quali vengono normalmente inviati quando sono allontanati dalle famiglie di origine.

In Italia si stima ci siano oltre 1800 strutture da nord a sud, con maggior concentrazione in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Sicilia. Poco più di 30.000 sono i minori allontanati dalle proprie famiglie, di cui poche centinaia al di sotto dei sei anni d’età.

Dai 70 a oltre 300 euro al giorno è il costo per mantenere un minore in un una casa famiglia che normalmente viene sostenuto dai Comuni, per un giro di affari che sfiora il miliardo di euro all’anno. Le coppie in attesa di adozione sono circa 10.000, mentre soltanto un minore su cinque che finisce in casa famiglia viene affidato dai tribunali in adozione o in affido.

Sempre più spesso un minore che entra in casa famiglia ne esce quando diventa maggiorenne, segnato dall’esperienza. Ci chiediamo se a fronte dei 2000 – 3000 euro spesi dalla comunità per mantenere mensilmente un minore in un istituto, non sarebbe meglio aiutare economicamente, con cifre inferiori, le famiglie in difficoltà a conservare la propria integrità e a crescere amorevolmente i propri figli.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Sostegno alla famiglia, Pillon: «3 anni di contributi figurativi per ogni figlio e aumento degli assegni famigliari per le mamme lavoratrici»

Pubblicato

-

Si sta discutendo molto nelle ultime settimane del disegno di legge del senatore leghista Silvano Pillon sull’affido condiviso dei figli e il loro mantenimento.

Il ddl in sintesi introduce la “bigenitorialità perfetta”, cioè, in caso di separazione di una coppia, il mantenimento dei figli, il loro affido, e di conseguenza i costi e il tempo passato con loro, devono essere equamente divisi tra padre e madre.

Il disegno di legge a prima firma Pillon è arrivato in commissione Giustizia del Senato lo scorso 10 settembre 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Il senatore leghista e organizzatore del Family Day, noto per le sue prese di posizione contro le unioni civili e l’aborto, ha difeso il disegno di legge, che era stato ampiamente criticato da più parti, sostenendo che non è vero che sia maschilista ma che ha l’obiettivo di diminuire la conflittualità tra i genitori e consentire ai bambini di stare con padre o madre per tutto il tempo che vogliono.

Il ddl punta tra le altre cose a prevedere come obbligatoria per le coppie con figli la mediazione al fine di aiutarle a trovare un accordo nell’interesse dei minori.

Con il Senatore Pillon non abbiamo però parlato del nuovo disegno di legge ma dei temi più legati alla famiglia, all’educazione dei figli e agli aiuti che il suo governo sta mettendo nero su bianco.

Mi spiega cos’è di preciso il «Comitato difendiamo i nostri figli»?

«È il comitato del Family Day che ha organizzato gli eventi del 2015 e del 2016  presieduto e diretto ora dal professor Massimo Gandolfini che sta facendo un gran lavoro di raccordo fra le realtà politiche territoriali e centrali con l’obiettivo di costruire un grande fronte «pro live» e «pro family» nel nostro paese».

Come ha intenzione di muoversi il ministro dell’istruzione per salvaguardare i bambini dalla propaganda LGBT?

«Premetto che questa domanda dovrebbe essere rivolta al ministro competente. Io mi limito però a prendere atto delle decisioni che il ministro ha preso in questi giorni a cui noi abbiamo plaudito e che ci hanno visti concordi nel bloccare la diffusione dei questionari vergognosi che dovevano essere distribuiti nelle scuole Umbre ai bambini di 12 e 13 anni in cui il bambino veniva costretto a scegliere la propria identità sessuale fra: bisessuale, eterosessuale, moderatamente omosessuale, asessuale o omosessuale. Dopo il deposito di una nostra interrogazione il ministro ha subito bloccato la distribuzione e l’iniziativa. Ora accanto a questo faremo anche una segnalazione alla corte dei conti perché questi questionari sono costati alla collettività 40 mila euro. Il ministro ha emanato inoltre una circolare dove si ricorda che, come dice la costituzione italiana e il codice civile, spetta solo ai genitori il diritto e dovere di educare i propri figli, ricordando che qualsiasi iniziativa come l’educazione alla sessualità deve avere il preventivo consenso informato dei genitori e deve passare attraverso un’accurata e dettagliata specificazione dei contenuti che si intendono veicolare».

Lei si batte da tempo contro l’ideologia Gender, mi sa dire come definirebbe tale ideologia?

«Io non voglio certo fare il teorico del complotto o cose del genere, e premetto che ognuno nel privato può fare ciò che vuole senza problema. Ma se questi comportamenti servono invece per condizionare i minori allora la famiglia deve sempre avere la priorità, quindi lasciamo perdere i bambini. La mentalità gender è costruita nelle università di filosofia degli Stati Uniti ed ha come lettura della realtà che l’identità di ciascuno di noi non è determinata dalla nostra natura sessuale ma che ciascuno è libero di scegliere la propria identità sessuale, che quindi non è più una caratteristica della persona. Il gender sostiene insomma che la natura della propria sessualità è una scelta, come un catalogo dove di decide a prescindere dal nostro corpo. Questo è quello che noi chiamiamo gender, la costruzione di una realtà alternativa che non ha nulla a che vedere con la realtà vera e che passa purtroppo sulla pelle dei bambini. Questo noi non lo vogliamo».

E perché la sinistra in questi anni ha più volte affermato che tale ideologia non esiste?

«Si sa che ciò che non esiste non può essere colpito, in questi anni c’è stata una precisa volontà della sinistra italiana di nascondere questa cosa per poter così agire indisturbati»

Quali politiche attuerete per la famiglia?

«Per quanto riguarda i temi etici non sono oggetto dei lavori e del contratto di governo. Quindi non sono previsti interventi o forzature su questi temi ne da una parte nel dall’altra. Stiamo lavorando invece sul sostegno alla famiglia e sullo sviluppo della natalità che negli ultimi anni è crollata. Oltre al grandissimo lavoro del ministro Fontana che ha trovato 400 milioni di euro per rilanciare la natalità ho presentato due emendamenti alla finanziaria. Uno propone che la donna lavoratrice e madre con più di 3 figli veda attribuito alla sua posizione previdenziale 3 anni di contributi figurativi per ogni figlio, conseguentemente avrà un anticipo del pensionamento di 3 anni per ogni figlio, questo per sostenere le donne lavoratrici e madri che rappresentano un tessuto importantissimo per il nostro paese. L’altro emendamento riguarda l’assegno famigliare. In pochi sanno che esiste un fondo degli assegni famigliari che si autofinanzia con i contributi dei lavoratori che è in attivo di 1 miliardo di euro che  però o non vengono spesi o vengono incanalati altrove. Ebbene, proporrò di alzare il livello di contribuzione in modo che l’assegno pesi di più nelle tasche delle famiglie» 

Sarà in piazza domani a Roma?

«Sarò certamente in piazza insieme a Matteo Salvini a Roma per sostenere la sua grande azione di Governo e quella della Lega»  

Come sta il Ministro dell’Interno?

«Benissimo, mai stato meglio» 

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Fugatti agli artigiani: “La Provincia tornerà ad investire”

Pubblicato

-

“La nuova giunta tornerà ad investire, immettendo così nuove risorse per consolidare la ripresa economica. Negli ultimi anni, gli investimenti pubblici sono andati via via calando ma noi intendiamo invertire il trend”. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Vigilantes a Trento, i consiglieri al sindaco Andreatta: “Irresponsabile non collaborare per la sicurezza”

Pubblicato

-

Forza Italia, Progetto Trentino, Lega e Civica Trentina hanno presentato al comune di Trento un ordine del giorno collegato alla proposta dell’amministrazione provinciale riguardo i vigilantes a Trento nelle piazze e sugli autobus. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it