Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

Piano Giovani Val Rendena, Binelli e Castellini (AGIRE): “L’Assessora Ferrari conferma la falla nella nomina del referente tecnico organizzativo.”

Pubblicato

-

Dopo 1 anno l’Assessora provinciale alle politiche giovanili Sara Ferrari (PD) ha risposto all’interrogazione depositata dal cons. prov. Claudio Cia (leader politico di AGIRE per il Trentino) in merito alle competenze degli organismi dei Piani Giovani ed al caso della nomina del referente tecnico organizzativo del Piano Giovani Val Rendena e Busa di Tione, sulla quale il coordinamento giudicariese di AGIRE è intervenuto più volte contestando il fatto che non si fosse rispettata la procedura di nomina (in particolare da parte dell’ente capofila Tione di Trento, amministrato da Mattia Gottardi).

Nella risposta l’Ass. Ferrari, riferendosi alle competenze, ha rimandato integralmente alla delibera della Giunta provinciale n. 1161 – 14/06/2013 e all’allegato “Criteri e modalità di attuazione dei piani giovani di zona e d’ambito”, mentre per quanto riguarda la nomina del referente del Piano Giovani Val Rendena e Busa di Tione (incarico non specificatamente descritto nell’Allegato citato) l’Assessora afferma che “la Provincia, dopo aver verificato puntualmente la procedura di nomina (contenuta nel regolamento interno adottato dal Piano Giovani in questione), ha evidenziato all’ente capofila del Tavolo (Tione) i casi di non rispondenza al sopra citato regolamento richiedendo che i passaggi in questione fossero resi coerenti con il regolamento medesimo.”

Il commento di Sergio Binelli, candidato con Grazia Castellini di AGIRE per il Trentino per le prossime elezioni provinciali: “Tralasciando l’anomalia sulla tempistica della risposta, finalmente l’Ass. Ferrari ha scritto un documento succinto ma che almeno fungerà da riferimento per i Piani Giovani. Ma cosa più importante è stato confermato il fatto che ci sono state della falle nella nomina del referente tecnico organizzativo del Piano Giovani Val Rendena e Busa di Tione, di cui abbiamo chiesto ufficialmente le dimissioni proprio all’Ass. Ferrari.

PubblicitàPubblicità

Quello che promettiamo in quanto candidati per le prossime provinciali è che durante la campagna elettorale porremo costantemente la questione morale nelle Giudicarie, perché è evidente che in questo caso si sia guardato molto poco alla meritocrazia e di più agli interessi personali.”

Pubblicità
Pubblicità

PubblicitàPubblicità

Giudicarie e Rendena

Schianto in moto, Domenico Pasini muore a 58 anni

Pubblicato

-

Un motociclista bresciano di 58 anni, Domenico Pasini, è morto in un incidente vicino Tione di Trento, nelle Giudicarie. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Il 124° congresso SAT in Valle del Chiese

Pubblicato

-

“La valle del Chiese non è solo periferia – esordisce Luigina Elena Armani presidente della sezione SAT di Pieve di Bono alla conferenza stampa di presentazione del Congresso annuale SAT- ma anche luogo ricco e attivo, in una parola vivo. E stato richiesto dalla valle del Chiese dunque il Congresso 2018 per scandagliare un tema che si coniuga molto bene con un territorio amabile, ma niente affatto facile per chi ci vive. Ed ancora la valle del Chiese per far conoscere la SAT e il suo impegno e dedizione per le montagne alla sua stessa gente”.

Dal 18 al 21 ottobre sarà dunque la valle del Chiese ad ospitare il 124° Congresso SAT (Società degli Alpinisti Tridentini) dal titolo“Amore in montagna, ovvero vivere in montagna”, organizzato dalle quattro sezioni locali della SAT Bondo- Breguzzo, Daone, Pieve di Bono e Storo. Sono passati sessantadue anni dal primo congresso SAT organizzato dalla Sezione Pieve di Bono, nata nel 1955. Dopo un solo un anno dalla nascita, nel 1956 Pieve di Bono organizzò il suo primo congresso, che si svolse anche allora su due sedi: Creto e Daone.

“Un impegno niente affatto banale – illustrano insieme a Luigina Elena Armani i presidenti al tavolo della conferenza stampa odierna,Corrado Mazzocchi (SAT Bondo-Breguzzo) e Ruggero Iacomella (SAT Storo). E’ stato entusiasmante lavorare insieme e   dare libero sfogo alle idee – hanno ribadito – e di grande arricchimento metterle in pratica, ma la burocrazia ha veramente rappresentato uno scoglio notevole da superare.

PubblicitàPubblicità

Ed in realtà l’allestimento delle tre giornate di avvicinamento alla fase conclusiva dei lavori congressuali in programma domenica 21 ottobre, sono ricche di visite al patrimonio storico, artistico e monumentale del territorio, di incontri, di serate e soprattutto di testimonianze.

Il tema che fa da sfondo a tutto il vasto programma congressuale, consultabile sul sito della SAT www.sat.tn.it , è un tema più che mai attuale: la possibilità di vivere e lavorare in montagna e di come i nostri giovani si pongono nei confronti di questo tema. Un discorso di scelte, passato quasi indenne attraverso le tante epoche della montagna, come ha ricordato Anna Facchini presidente di SAT centrale.

“Negli anni ’50 e ’60 le industrie hanno portato benessere e lavoro, chiedendo però pesanti contropartite: fiumi inquinati, aree abbandonate, invadenti brutture edilizie…e le riflessioni di autori come Nuto Revelli nel libro IL MONDO DEI VINTI diventano un contributo al tema della difesa dei territori e delle culture locali, vedendo nell’ambiente una risorsa da valorizzare e non da rapinare. Aldo Gorfer invece si sforza di intravedere germogli di vita possibile già negli anni 70 del secolo scorso. E oggi? Alcune “avanguardie” molto motivate ci provano, ma la montagna, lontana dalle grandi kermesse turistiche, resta vita dura, di sacrificio, con pochi servizi, pochi collegamenti e tanta precarietà. Per questo il rischio spopolamento è sempre in agguato, oggi che i giovani nelle metropoli europee trovano risposte che nei loro paesi d’origine non trovano”.

PubblicitàPubblicità

E sarà proprio la giornata di domenica 21 ottobre al Centro Polifunzionale di Condino, a partire dalle 10.30 che il confronto tra i “saggi della montagna” (Annibale Salsa, Mariangela Franch e Maurizio Dematteis) e le giovani promesse dello sport dell’alpinismo giudicariesi, entrerà nel vivo con una tavola rotonda, nella quale saranno i ragazzi (Alberto Vender, Marco Filosi, Patrick Ghezzi e Cecilia Maffei) a fare le domande condotti per mano dalla moderazione di Roberta Bonazza.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Giudicarie e Rendena

Arrestato ventenne che coltivava marijuana in casa

Pubblicato

-

Foto Ansa

Arrestato dai carabinieri di Carisolo un ventenne perché accusato di coltivare in casa marijuana. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it