Connect with us
Pubblicità

Trento

Abbandonato dalla sanità Trentina: la triste storia di Salvatore Mercurio

Pubblicato

-

Lui si chiama Salvatore Mercurio ed è persona piuttosto conosciuta nell’ambito sportivo di Trento.

È pluri medagliato nel Tennis da Tavolo, sport che segue da anni anche in veste di scrittore, narrandone gesta e protagonisti della nostra provincia.

La sua è una storia triste che purtroppo coinvolge la sanità trentina, che lo ha abbandonato, e che solo grazie a seri professionisti gli ha garantito almeno di sopravvivere.

PubblicitàPubblicità

Come lo vedremo leggendo la sua storia.

Salvatore Mercurio è ricoverato all’Eremo di Arco fino al 17 Agosto, poi si troverà desolatamente da solo, «qui le persone e i professionisti sono davvero gentili e molto preparati, ma è la pianificazione e l’organizzazione scelta dalla politica che non va e che è destinata a fallire» – spiega con tristezza

«I servizi domiciliari faranno un accesso a casa mia, e se dovessero fare la puntura di eparina, sarebbe una eccezione mentre questa dovrebbe essere la regola» – aggiunge ancora.

Pubblicità
Pubblicità

Salvatore vive da solo, non può guidare la macchina e per vivere dovrà appoggiarsi a delle cooperative sociali a pagamento. «Ditemi voi come è possibile una cosa di questo genere  – termina con il groppo alla gola Salvatore – io guadagno 1.200.00 euro ho 3 figli da mantenere e vengo abbandonato da tutti e non so più nemmeno come arrivare alla fine del mese»

Questa è la storia vissuta da Salvatore Mercurio

Caro Direttore,

oggi voglio parlarti della mia esperienza, a tinte chiaro scure, con la sanità trentina, che mi ha visto protagonista come paziente disabile, come residente in trentino, e come persona disabile.

Tre stati, che spiegherò a breve.

Sono stato operato il 18 luglio a Cavalese di artroprotesi tricompartimentale al ginocchio destro.

Fin qui nulla da dire, se non elogiare tutta l’equipe del Dottor Molinari, che oltre ad aver professionalità, merita un elogio per la straordinaria umanità.

Il primo intoppo, subito risolto grazie alla sensibilità della dottoressa Pagliari e del Dottor Molinari, lo ho avuto quando, a Cavalese, mi hanno parlato di “Fast track”, subito ho pensato a qualcosa di fantascientifico in positivo, ed invece, queste due parole inglesi che rieccheggiano la serie televisiva “Star Treck”, non significano altro “che avanza rapidamente”, tempi di recupero brevi in Ospedale e costi inferiori per la sanità.

Parlando con qualche paziente, ho saputo che fino a qualche anno fa i tempi di ricovero e riabilitazione erano diversi e più lunghi.

Ho visto dimettere un Signore di 80 anni, dopo due giorni dal mio stesso intervento.

Ma la cosa incredibile In teoria, se io non fossi una persona disabile e non avessi la residenza trentina, avrei avuto un trattamento diametralmente opposto.

Chi mi conosce, sa, che della mia disabilità, seppur limitante, non me sono mai lamentato, e mai l’ho palesata, dando sempre l’idea di essere una “persona normodotata”.

Ma qui, avendo un rapporto fiduciario con il mio ortopedico, ho subito manifestato delle perplessità

In un men che non si dica, con una relazione particolareggiata sul mio “status” all’APSS, il primario di Cavalese è riuscito a farmi avere un ricovero di due settimane presso la Casa di Cura Eremo di Arco.

Giovedì 26 luglio, vengo trasportato allEremo di Arco, e qui confrontandomi con i miei compagni di stanza provenienti dal vicino veneto, ho fatto la seconda scoperta sconvolgente.

La sanità veneta concede ai propri assistiti, tre settimane per la riabilitazione, mentre, la opulenta Provincia Autonoma di Trento, solo due.

Va da se, che in tutto questo ragionamento qualche incongruenza c’è.

Anche in questo caso, devo dare atto alla sensibilità dei medici, e fisioterapisti dell’Eremo di Arco, che hanno inquadrato subito la mia situazione, procrastinando il mio percorso, da due a tre settimane.

Sembrerebbe una storia a lieto fine, ed invece, il colpo di scena.

Cosa potrà mai succedere a questa persona diversamente abile?

Quello di essere lasciato solo nel vero senso della parola, in quanto singolo, dopo il fine ricovero.

Direte voi, ma cosa pretende, a forza di dai e dai, ha avuto tutto.

Ebbene, dovete sapere che dopo questi interventi devi fare una puntura di eparina, per evitare le trombosi per 40 giorni dall’intervento.

C’è un particolare, ho una mano sola, l’altra è paralizzata, come gran parte del lato sinistro del mio corpo.

I servizi domiciliari, contattati dicono che non fanno più questi accessi in casa, ma che al massimo insegnano alla persona “normale”, non che io non lo sia, a farsi l’iniezione, che necessita di due mani, ma purtroppo io ne ho una sola.

Altro orpello che lascia questo tipo di operazione, è indossare delle calze” anti trombo” quelle bianche altezza inguine, sicuramente vi sarete imbattuti ancora qualche volta, ed anche qui servono due mani e strumenti particolari per far salire queste calze “salva vita”.

Come vedete la sanità trentina mostra delle dicotomie delle spaccature, da una parte le eccellenze delle periferie vedi Cavalese ed Arco.

Dall’altra, lo speculare sulla pelle delle categorie più deboli o meno protette.

Aver scritto questo articolo, mi è costato molto, ho dovuto mettere da parte l’orgoglio mio, e penso di poter parlare per ogni singola persona diversamente abile, per fare in modo che la classe politica faccia una riflessione su questi maledetti tagli alla spesa, che vanno sempre a ripercuotersi, su chi molte volte, non ha la forza e la voglia di opporsi a queste situazioni, che chiamarle incresciose, mi pare un eufemismo.

Salvatore Mercurio

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza