Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Malore nella laguna di Venezia, muore il roveretano Renzo Righi

Pubblicato

-

Renzo Righi, 76enne di Rovereto, è morto ieri pomeriggio nella laguna di Venezia mentre stava facendo il bagno.

L’uomo proviene dalla Vallagarina dove ha lavorato come tecnico riparatore ed era anche noto negli ambienti sciistici dove ha partecipato a diverse gare.

I testimoni oculari affermano di aver visto Righi entrare in acqua intorno alle 18:00 e poi accusare un malore.

PubblicitàPubblicità

Il 76enne è finito sott’acqua e i presenti hanno lanciato l’allarme per allertare i soccorsi della spiaggia che si trova davanti al campeggio Union Lido.

Purtroppo quando il bagnino ha raggiunto Righi con la moto d’acqua, l’uomo era già privo di sensi.

Pubblicità
Pubblicità

In seguito è stato trasportato a riva e sono stati fatti tutti i tentativi di rianimazione ma non c’è stato nulla da fare per salvargli la vita.

Renzo Righi lascia una moglie e due figli. Le indagini del caso sono affidate ai carabinieri.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Trovato senza vita dopo un volo di 120 metri l’escursionista disperso sul Pasubio

Pubblicato

-

È stato ritrovato senza vita l’escursionista disperso da ieri sul Pasubio.

Ieri l’allarme era scattato dopo le 17, lanciato dai compagni di escursione che, dopo averlo perso di vista lungo la Strada delle gallerie, erano rientrati alle auto dove però lui non c’era.

Partiti da Bocchetta Campiglia in mattinata, sei amici avevano iniziato a risalire l’itinerario.

Pubblicità
Pubblicità

Arrivati all’altezza della 19a galleria si erano fermati a cercare gli occhiali che uno di loro aveva perso, mentre l’uomo di 67 anni, di Bagnacavallo (RA), aveva proseguito da solo.

Raggiunto il Rifugio Papa, dove c’era anche il gestore, e non avendolo trovato, i compagni avevano pensato fosse già sceso e hanno imboccato la Strada degli Scarubbi verso valle.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta alla macchina alle 17 circa però l’uomo non c’era, il cellulare risultava spento.

L’ultimo contatto risaliva alle 12, quando l’escursionista era stato al telefono con la moglie, finché non era caduta la linea. Le squadre hanno perlustrato a piedi fino a notte fonda la Strada delle Gallerie, almeno quattro volte, e con i mezzi la Strada degli Scarubbi.

Pubblicità
Pubblicità

I Vigili del fuoco hanno percorso la Strada degli eroi.

Questa mattina alle 6 le ricerche sono riprese e l’elicottero del Nucleo Carabinieri di Belluno ha trasportato sulle creste sopra le gallerie tre soccorritori e li ha sbarcati in hovering, mentre le altre squadre si distribuivano nei vari tratti e sentieri. Attorno alle 9, all’uscita della 43a galleria, sotto un salto di un paio di metri sono stati individuati due bastoncini e un orologio e una squadra che stava seguendo un vecchissimo sentiero di guerra che passa sotto i canali ha trovato sulla verticale il corpo senza vita dell’uomo, precipitato per 120 metri.

La salma, ricomposta e imbarellata, è stata sollevata per contrappeso dai soccorritori di un centinaio di metri, in un punto dove è stato possibile il recupero da parte dell’elicottero di Verona emergenza, che era prima riuscito a sbarcare sul posto il tecnico di elisoccorso, ostacolato poi nel successivo avvicinamento dalle nubi basse.

La salma è stata quindi trasportata a Bocchetta Campiglia e affidata ai carabinieri e al carro funebre.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Mori: sbanda dopo la galleria di Tierno e finisce contro il guardarail

Pubblicato

-

All’uscita della galleria di Tierno a Mori un uomo ha perso il controllo della sua auto, probabilmente a causa del terreno viscido per la pioggia, finendo contro il guard rail.

L’incidente è avvenuto all’uscita dalla galleria in direzione della rotatoria a Rovereto sud.

Non sono stati coinvolti altri veicoli e nonostante la macchina si sia danneggiata in modo irreparabile, l’uomo non ha subito gravi conseguenze fisiche.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Rovereto e Vallagarina

Prolungamento Valdastico: la «balotazione» per i comuni di Terragnolo, Trambileno e Vallarsa

Pubblicato

-

Il 24 novembre sarà referendum popolare per i residenti dei comuni di Terragnolo, Trambileno e Vallarsa che saranno chiamati ad esprimere la loro opinione sul progetto di prolungamento della A 31 Valdastico, fino a Rovereto.

La decisione è stata deliberata all’unanimità dai tre Consigli Comunali in riunione congiunta.

Il parere della popolazione arriverà più che da un vero e proprio referendum, da un antico sistema di voto in uso nella comunità della Valle del Pasubio: la “balotazione”.

PubblicitàPubblicità

Per esprimere il proprio voto gli elettori utilizzeranno delle palline bianche e nere alle quali saranno abbinate, dopo un sorteggio, le opinioni contrarie o favorevoli al progetto.

Il risultato avrà ovviamente il valore di un parere per nulla vincolante, ma la votazione servirà anche per riproporre un’antica tradizione popolare, in uso quando quando tutto era molto più semplice e la vita scorreva senza tanti vincoli burocratici, ma era all’insegna del buon senso.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza