Connect with us
Pubblicità

Giudicarie e Rendena

San Lorenzo Dorsino: profugo arrestato che doveva essere espulso se la gode in piscina e a giocare a tennis

Pubblicato

-

«Un particolare ringraziamento va rivolto – affermano il presidente della Giunta Ugo Rossi e l’assessore Luca Zeni – alla Polizia per la brillante operazione rispetto alla quale il sistema di accoglienza ha garantito collaborazione e trasparenza. Le persone al centro di provvedimenti giudiziari, 5 accolte in Trentino a fronte di 1.541 richiedenti asilo presenti, creano un grave danno al progetto di accoglienza, agli altri migranti e alla percezione, da parte della comunità, di una questione tanto delicata come quella che riguarda appunto il tema della protezione internazionale». «Proprio per questo – proseguono Rossi e Zeni – è interesse primario della Provincia autonoma di Trento che venga stroncata sul nascere ogni forma di devianza e di condotta incompatibile col principio di accoglienza responsabile che caratterizza il progetto trentino. Una responsabilità che si traduce in una disponibilità ad accogliere sì chi ha bisogno di tutela, ma al tempo stesso in una ferma determinazione a combattere, per il bene di tutti, ogni forma di delinquenza».

Queste erano le parole di Rossi e Zeni l’indomani del blitz della squadra mobile che aveva portato all’arresto 43 richiedenti asilo, quattro dei quali erano alloggiati in 4 diverse strutture a Trento e 1 a San Lorenzo Dorsino, quest’ultimo era stato arrestato per il divieto di soggiorno in Trentino.

Dopo le dichiarazioni dei due, tutti i Trentini, o quasi, si erano tranquillizzati anche perché per il migrante arrestato a Dorsino lo stesso Ugo Rossi aveva parlato di espulsione immediata. 

Pubblicità
Pubblicità

Ma invece pare non sia andata così.

Lo stesso richiedente asilo, che doveva essere espulso, è stato infatti segnalato da più persone a san Lorenzo Dorsino.

E lo stupore dei cittadini nel vederlo in piscina, a giocare a tennis, e a pallavolo, è stato piuttosto grande, anche perché si pensava che ormai avesse raggiunto da un bel po’ le terre natie dell’Africa.

Pubblicità
Pubblicità

È stato ospitato in alcune case private dei «buonisti» del paese, e viene spostato spesso dicono alcuni residenti, «per non dare troppo nell’occhio».

Peccato che però il migrante non faccia nulla per tenere un basso profilo, infatti i cittadini del paese lo segnalano quasi ogni giorno in piscina, oppure a giocare a tennis. C’è chi è anche sicuro di averlo visto partecipare ad un corso di roccia insieme ai profughi ospitati presso il B&B «La casa di Wilma»

La sua ultima residenza certa è presso l’abitazione di C.C., un ex appartenente all’associazione Trentini nel Mondo a lungo indagata per appropriazione indebita dalla procura di Trento.

«Purtroppo la comunità è spaccata per colpa di quanto successo ed è divisa fra buoni e cattivi, se non li vuoi ti prendi del razzista, se invece li vuoi accogliere a tutti i costi sei democratico ed intelligente, siamo arrivati anche ad avere paura di mettere un piace sotto qualche post in facebook per paura di essere indicati come razzisti ed ingnoranti» – confida un altro residente.

«Ugo Rossi e Luca Zeni creato disastri, – aggiunge un altro residente – pensi che certi di noi non si guardano nemmeno più in faccia e sono diventati nemici, questo è l’esempio della completa incapacità di chi ci governa».

«Qui i richiedenti asilo vengono portati in piscina, – gli fa eco l’amico – a giovare a tennis e a fare roccia, sembra un modo di istigare chi lavora 20 ore al giorno  e deve vedere questi che non fanno nulla durante il giorni e sono pure mantenuti da noi».

Parole molto pesanti che dimostrano come San Lorenzo Dorsino sia ormai una vera e propria polveriera.

Nel frattempo l’arrestato, ospitato dai privati, è comunque già stato sostituito da un nuovo arrivo tanto per equilibrare le cose.

Su quanto successo a San Lorenzo Dorsino è intervenuta sulla sua pagina facebook anche la coordinatrice della Lega di Vallelaghi Alessia Ambrosi, «È così che lavora la maggioranza? – commenta Alessia Ambrosi –  Ricordate il blitz della polizia a San Lorenzo in Dorsino? Beh per Dorsino la questione profughi non ha fine e questa volta ha dell’incredibile! Mi son arrivate segnalazioni da parte di cittadini di San Lorenzo riguardo la presenza in loco di uno dei richiedenti arrestati per spaccio alla nota casa di Wilma. Pare che il richiedente, forte dell’impunibilità, sia stato visto più volte indisturbato in giro per il paese, ieri pare pure a divertirsi in piscina! Ma non doveva essere espulso e rimpatriato? È così che si garantisce la sicurezza ai trentini? Ora i cittadini sono preoccupati e soprattutto tutti noi ci chiediamo: per quale motivo questo delinquente sia ancora libero di scorrazzare per il paese? Fa ancora parte del progetto accoglienza Trentino di Zeni o è semplicemente libero di continuare a delinquere sul territorio? Qualcosa non torna e da cittadina e per i miei concittadini pretendo venga fatta chiarezza!»

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza