Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Statale 47 Valsugana: un progetto ancora in alto mare

Pubblicato

-

Lunedì sera si è tenuto ad Ospedaletto un incontro con l’assessore Gilmozzi e il tecnico provinciale per esporre il nuovo progetto della messa in sicurezza della strada statale 47.

Per la realizzazione del progetto la provincia autonoma di Trento ha messo sul piatto circa 4 milioni di euro su un tratto di strada di 2,5 km che va dalla zona “barricata” fino alla così chiamata “casa Zotta”.

Prima della scelta di intervenire sul tratto di strada che ha causato in questi anni decine di morti la provincia aveva tentato alcuni palliativi che però non hanno risolto un granchè.

Pubblicità
Pubblicità

Nello specifico è stato abbassato il limite ai 70 km/h e disegnato una linea continua, ma il progetto è fallito, la segnaletica infatti non è quasi mai rispettata da molti automobilisti con i risultati che portano a nuovi incidenti, anche mortali.

«Prima di essere un consigliere comunale – interviene il consigliere della lega Sutto a margine dell’incontro – sono un cittadino di Ospedaletto preoccupato della situazione, come me altri paesani lamentano dubbi sul nuovo progetto».

Un progetto che parte ancora con alcune domande senza risposta e in modo alquanto «fumoso».

Un problema che non è solo legato al traffico della Valsugana ma quello dell’intero Trentino e Veneto e che provoca notevole disagio agli automobilisti che oltre a rischiare la vita sono costretti loro  malgrado a subite code chilometriche con perdite di tempo inenarrabili.

A domanda diretta rivolta all’assessore se si fosse mai pensato all’ausilio dello sparti traffico, lo stesso ha comunicato che in corso d’opera e ad avvio lavori si valuterà la necessità o meno di inserirlo.

Pubblicità
Pubblicità

«Credo che, se vogliamo educare al buon uso del codice della strada, dobbiamo farlo con più rigore. Consci che, con il nuovo progetto sarà messo mano alla viabilità, tutto questo non basta. Noi lo diciamo da sempre – aggiunge Sutto –  ci vuole l’allargamento della strada, in particolare devono essere costruite due corsie per ogni senso di marcia e l’introduzione dello spartitraffico, così da evitare gli incidenti frontali a volte anche mortali. Invitiamo chi di competenza a riflettere sin da subito alla nostra soluzione, senza perdere altro tempo».

Va sottolineato che la retta di Ospedaletto è definita come uno dei tratti di strada più pericoloso a livello italiano, una strada dove ogni giorno passano migliaia di auto, «quindi consideriamo la Valsugana come un valore aggiunto per tutti quanti, – conclude Sutto –  un valore che però a quanto pare è stato dimenticato dalle istituzioni, la nostra Provincia è obbligata a trovare soluzioni immediate, in tempi ristretti, magari ascoltando anche i nostri consigli» 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]

Categorie

di tendenza