Connect with us
Pubblicità

Fiemme, Fassa e Cembra

Badante approfitta della carta di credito dell’anziano disabile: 3000 euro di prelievi e spese in Val di Fiemme

Pubblicato

-

Il 5 luglio 2018 la Stazione Carabinieri di Cavalese aveva ricevuto una denuncia sporta da un settantacinquenne disabile residente a Carano. 

Nell’esposto l’uomo riferiva di essersi accorto di continui ammanchi dal suo conto corrente per dei prelievi e delle spese effettuate attraverso la sua carta di credito a partire dai primo giorni di Maggio 2018, per un  importo totale di oltre 3.000 euro.

Gli accertamenti condotti dagli inquirenti, hanno permesso di individuare nel quarantasettenne M.M. il responsabile dei reiterati prelievi effettuati presso uno sportello bancomat oltre a disvelare numerosi acquisti on line e spese presso esercizi commerciali della valle.

Pubblicità
Pubblicità

Nello specifico, l’attività investigativa, ha disvelato come l’infedele badante, carpendo la  piena fiducia dell’anziano disabile, anche in via delle sue specifiche  funzioni, otteneva il libero uso della sua  carta di credito per fare fronte alle piccole spese quotidiane, fiducia subdolamente tradita dal badante che usufruiva indebitamente della carta di credito con le modalità sopra descritte.

Gli elementi raccolti hanno portato alla denuncia a piede libero M.M. per il reato di furto continuato ed utilizzo fraudolento di carta di credito il tutto aggravato dal fatto che la vittima rientra nelle c.d. fasce deboli.

Sulla scorta di quanto accertato, i Carabinieri invitano la popolazione a  mantenere alta la soglia di attenzione al fine di tutelare le c.d. fasce deboli, facile bersaglio di queste spregevoli tipologie di reato.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza