Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Newco dei Comuni di Trento e Rovereto, un passo che va meditato – di Paolo Farinati

Pubblicato

-

Leggiamo in questi giorni ampi articoli dedicati al dibattito relativo alla possibile costituzione di una nuova società, appunto una Newco, tra i Comuni di Trento e di Rovereto, interamente pubblica per la futura gestione dei delicati cicli integrati dell’acqua e dei rifiuti.

Il progetto, assolutamente rispettabile, è partito qualche anno fa, sull’onda del referendum dedicato alla proprietà pubblica dell’acqua.

E’ una scelta totalmente politica, che rispetto ma non condivido.

Pubblicità
Pubblicità

Ricordo che l’attuale Gruppo Dolomiti Energia è oggi quello che è, grazie ad un percorso lungimirante e coraggioso iniziato a metà degli Anni ’90, con la storica fusione tra la SIT di Trento e la ASM di Rovereto.

Ne sono conseguite maggior qualità nei servizi prestati alla nostra comunità e maggiori risorse per gli investimenti e per i Soci, soprattutto i due Comuni di Trento e Rovereto. Il Gruppo è sotto il totale controllo pubblico, della PAT e dei due Comuni sopra citati. La presenza di Soci privati è minoritaria.

Ciò significa che la politica e le strategie del Gruppo DE vengono dettate dalle amministrazioni pubbliche, cosi come gli amministratori in grande maggioranza sono indicati dai Soci pubblici. Questo per sottolineare che la tutela dei cittadini e dei servizi sono ai massimi livelli.

Pubblicità
Pubblicità

Questa Newco, per contro, viene proposta per rispondere all’esigenza posta dal referendum nazionale sull’acqua pubblica.

Orbene, l’attuale assetto del Gruppo Dolomiti Energia cosa rappresenta per le due maggiori città del Trentino e per gran parte della nostra Provincia?

Nel 1998 gli allora Sindaci Lorenzo Dellai e Bruno Ballardini, supportati dagli amministratori della ASM di Rovereto e della SIT di Trento, cosa immaginavano di fare sottoscrivendo uno storico accordo con cui costituivano la Trentino Servizi?  Certamente dal 1998 quella iniziale creatura è molto cresciuta, grazie all’intelligenza e alla determinazione anche dei successivi Sindaci Pacher e Valduga senior e del Presidente della PAT Dellai.

Oggi a Trentino Servizi si è sostituito  il Gruppo DE, che rappresenta una realtà d’impresa pubblica, perché tale è per più del 70% del proprio capitale sociale, tra le maggiori nel settore delle multiutilities in Italia. Annualmente il Gruppo è premiato anche per la qualità offerta nella gestione dei servizi, e questo da parte delle varie Autorità nazionali preposte, come ad esempio l’Autority all’Energia.

Oggi il Gruppo DE collabora con oltre duecento Comuni trentini, controlla tutte le preziose centrali idroelettriche presenti in Trentino con cui si producono quasi cinque miliardi di Kwh di energia rinnovabile e pulita, distribuisce metano in quasi tutto il Trentino e non solo.

Solo poche affermazioni per dire ai due Sindaci attuali di Trento e Rovereto di meditare molto prima di indebolire il proprio Gruppo industriale di riferimento.

Desidero sottolineare, inoltre, che le gestioni di servizi quali il ciclo dell’acqua e dei RSU richiedono soggetti con le “spalle molto larghe“, per i significativi investimenti di cui necessitano. I Comuni, attuando di fatto una “ri – municipalizzazione” con oneri elevatissimi, sono certi di avere in futuro le risorse finanziarie indispensabili per garantire la stessa qualità?

Si sono chiesti, i due Sindaci, perché i Soci pubblici delle grandi e medie aziende multiutilities italiane non hanno scorporato i servizi acqua e rifiuti dai loro Gruppi? Ricordo che l’Europa, che norma anche questi settori, non ha sin qui mai parlato e scritto di proprietà pubblica dell’acqua, ma di gestione della stessa da parte di soggetti controllati da enti pubblici.

Infine, alcune brevi domande. Perché non affidare proprio a FinDolomiti Energia, la holding che di fatto controlla il Gruppo Dolomiti Energia, la gestione dell’acqua e dei RSU, essendo società totalmente pubblica? Inoltre, i 400 dipendenti di Dolomiti Energia che, si dice e si legge, dovrebbero passare alla nuova società pubblica dei due Comuni, sono sereni e felici di abbandonare un Gruppo solido e florido come DE per passare ad un nuovo datore di lavoro certamente tutto da costruire? Noi cittadini, infine, pur richiedendo doverosamente a DE sempre maggior qualità, abbiamo chiare le soluzioni che vengono prospettate per la gestione di due servizi essenziali per il nostro benessere e con cui quotidianamente ci confrontiamo ?

In conclusione, mi auguro che tutta la questione abbia ad essere affrontata con l’ausilio di un adeguato piano industriale e da una precisa visione politica. Parimenti, che le conseguenti decisioni beneficino di un aperto e responsabile confronto all’interno dei due Consigli comunali di Trento e Rovereto e del Consiglio provinciale.

Di Paolo Farinati–  già Membro dei C.d.A. di ASM Rovereto e di Trentino Servizi dal 1990 al 2001, già Assessore alle Finanze, alle Attività Economiche ed alle Società Partecipate del Comune di Rovereto dal 2005 al 2010.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.
  • Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti
    L’accelerazione verso un mondo sempre più digitalizzato ha portato come conseguenza anche ad un aumento della criminalità online. Nei primi mesi del 2021 l’Italia è stata uno dei Paesi al mondo più colpito dalle minacce... The post Cybersicurezza, forte carenza nel settore: i profili più richiesti appeared first on Benessere Economico.

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza