Connect with us
Pubblicità

Il punto da Roma

Segnana: “Reddito di cittadinanza? Solo agli italiani”

Pubblicato

-

Lunedì è iniziata la discussione alla Camera dei Deputati sulle mozioni presentate dai vari gruppi parlamentari volte a implementare il Reddito di Inclusione, misura di contrasto alla povertà istituita dal governo Renzi, che opera per raggiungere le famiglie (110.000 famiglie, ovvero 317.000 persone) che risultano in condizione di povertà assoluta, con un importo medio del beneficio mensile di pari a poco meno di 300 euro per la generalità della platea, che sale a 430 euro per le famiglie con minori.

Secondo i dati Istat vivono in povertà assoluta 1 milione e 778 mila famiglie residenti (5 milioni e 58 mila individui), con un aumento da 10,6% del 2016 a 12,3% del 2017; e in povertà relativa 3 milioni 171 mila famiglie (9 milioni 368 mila individui), dal 14,0% nel 2016 al 15,6% nel 2017.

Stefania Segnana, deputata trentina della Lega, è intervenuta in aula notando che “il governo Renzi con il reddito di inclusione ha cercato di affrontare la crisi senza una visione di insieme. Il reddito di inclusione è una forma importante ma si rivolge in modo limitato ai bisogni dei cittadini in difficoltà”.

PubblicitàPubblicità

Il governo Lega-Movimento 5 stelle – ha continuato Segnana – vuole introdurre il reddito di cittadinanza che non ha, come ribadito dal Presidente del Consiglio Conte nelle sue comunicazioni in occasione del voto sulla fiducia al Governo, mera natura assistenziale, bensì lo scopo di reinserire i cittadini italiani momentaneamente disoccupati”.

Cosa cambierà rispetto al reddito di inclusione?

Secondo Segnana, “un reddito di cittadinanza avente un importo più elevato rispetto al sussidio economico che il Governo Renzi ha introdotto, potrà determinare persino, nel prossimo futuro, una riduzione degli ammortizzatori sociali presenti nel sistema, andando così a sgravare il bilancio dell’Inps da una serie di costi e, in aggiunta, verrebbe garantita una riduzione dei contributi sociali a vantaggio sia dei salari, sia dei redditi da lavoro”.

Come fare?

L’importante è, utilizzando degli strumenti di controllo all’accesso al beneficio economico, erogare il reddito di cittadinanza soltanto a quelle persone con cittadinanza italiana che ne hanno davvero diritto in una piena logica di efficientamento delle risorse pubbliche e di giustizia sociale”, la visione della deputata leghista.

Pubblicità
Pubblicità

Il punto da Roma

Diego Binelli e Vanessa Cattoi (Lega). Pensioni: «Nessun taglio, il governo Lega-M5S difende i più deboli».

Pubblicato

-

«A seguito di notizie discordanti circolanti su mezzi di informazione e social network, riteniamo opportuno fare un po’ di chiarezza in merito a quanto contenuto nella manovra di bilancio appena approvata dal governo Lega-M5S» – a dirlo in una nota sono i due parlamentari della lega Binelli e Cattoi

I due ricordano che in primis  la rivalutazione delle pensioni era bloccata dal 2012; «Bene fa dunque il governo a risolvere una situazione ferma da 8 anni».

Poi sottolineano anche che grazie alle misure contenute nella manovra di bilancio, le attuali retribuzioni beneficeranno di un aumento rispetto a quanto percepito nel 2018.

PubblicitàPubblicità

Chi ha preso 800 € riceverà 9€ in più al mese, 1000€ un aumento di 11€ al mese, 1200€ un aumento di 13€, 1500€ ne avrà 16,5€, e via dicendo.

«Nessun pensionato prenderà un euro in meno rispetto al 2018, come invece la disinformazione vuol far credere. L’adeguamento al costo della vita ci sarà infatti per tutte le pensioni, con rivalutazioni differenziate, che saranno percentualmente più consistenti per le fasce più basse e via via decrescenti per quelle più elevate. Come si può vedere, quanto attuato dal governo tutela ancora una volta le fasce deboli, in linea con le altre misure contenute nella manovra di bilancio»concludono Binelli e Cattoi

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Il punto da Roma

La Lega contro la Provincia: “Errore lasciare a casa i bambini non vaccinati”

Pubblicato

-

Alla vigilia della riapertura delle scuole, i deputati trentini della Lega fanno sentire la loro voce contro la decisione della Giunta provinciale, che con una circolare ha stabilito che i bambini non vaccinati non saranno ammessi a scuola. Una decisione che dovrebbe lasciare fuori dalla porta circa cinquecento bambini trentini di età compresa tra 0 e 6 anni, non ammessi in quanto non conformi agli obblighi vaccinali. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Il punto da Roma

Trattato Ue – Canada. Zanotelli: «Fare di più per il made in Italy»

Pubblicato

-

Il Ceta dovrà arrivare in aula per la ratifica e questa maggioranza lo respingerà”, così il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio ha promesso nei giorni scorsi di mettere la parola fine al discusso accordo commerciale tra Unione europea e Canada, entrato in vigore in maniera provvisoria da un po’ meno di un anno. (altro…)

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza