Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Processo su Instagram: imprenditore “frega” la prima maglia autografata di Ronaldo a giornalista di SportItalia

Pubblicato

-

Sembra la storia di Totò che vende la fontana di Trevi o altre truffe della commedia classica italiana, ma come si suol dire l’occasione fa l’uomo ladro.

La storia deve essere confermata e pare che si siano già mossi gli avvocati per capire chi è il ladro o il diffamatore.

Tale Gianluca Bazzica, imprenditore di Foligno, si è trovato in vacanza in Grecia nello stesso resort dove alloggiava Cristiano Ronaldo mentre era in corso la trattativa che lo avrebbe portato alla Juventus.

PubblicitàPubblicità

L’imprenditore, nonostante la grande privacy che rende quasi irraggiungibile CR7, è riuscito prima a ottenere una foto con le sue bambine e in seguito addirittura il primo autografo al mondo sulla maglia della Juventus appena stampata.

A questo punto, dopo che Bazzica ha pubblicato la foto del cimelio sull’account Instagram dell’azienda, si è aperto un caso poiché non sarebbe il legittimo proprietario.

La maglia di Cristiano Ronaldo sarebbe stata consegnata a Bazzica da un inviato di SportItalia, Carmine Rossi, che l’avrebbe portata in Grecia per farsela autografare grazie all’intermediazione di Bazzica.

Quest’ultimo però non avrebbe riconsegnato la maglia al legittimo proprietario e se la sarebbe tenuta buggerandolo alla grande e per giunta pubblicando la foto sui social.

A questo punto SportItalia vuole denunciare il folignate per appropriazione indebita e vendere la maglia per devolvere il ricavato in beneficienza.

Dall’altra parte l’accusato respinge ogni addebito e mette in campo gli avvocati per difendere il suo onore.

Naturalmente su Instagram stanno piovendo commenti di ogni genere, per gran parte insulti.

Pubblicità
Pubblicità

Italia ed estero

Migranti, Frontex dà ragione a Matteo Salvini: crolla numero degli sbarchi

Pubblicato

-

Crolla il numero dei migranti arrivati in Europa

A confermarlo è l’agenzia europea Frontex che ha pubblicato i nuovi dati degli arrivi in territorio europeo.

Come affermato dall’agenzia, i numeri mostrano un netto calo degli arrivi a gennaio del 2019, dal momento che si registra una diminuzione di un terzo degli attraversamenti illegali delle frontiere sulle principali rotte migratorie europee.

Pubblicità
Pubblicità

I dati rilevati da Frontex mostrano che il numero degli arrivi illegali si è fermato a quota 6.760.

L’agenzia ha poi sottolineato un altro dato estremamente importante.

E cioè che la metà dei rilevamenti è avvenuto sulla rotta del Mediterraneo occidentale.

Il che vuol dire che è la Spagna il Paese che ha subito il maggior numero di sbarchi rispetto a tutto il resto dell’Europa mediterranea.

Nel mese di gennaio, gli arrivi sono stati 3.780, nella maggior parte dei casi provenienti da Guinea e Marocco.

Anzi, come dichiarato dalla stessa Frontex, è proprio la chiusura della rotta del Mediterraneo centrale (quindi quella Libia-Italia) ad aver diminuito drasticamente gli arrivi illegali in Europa e avere di conseguenza incrementato la proporzione di chi arriva in Grecia (nel Mediterraneo orientale gli arrivi sono stati 2.540, con un calo del 44%) e in territorio iberico.

Il totale dei migranti arrivati lo scorso mese è infatti stato un quinto in meno rispetto a gennaio 2018 in tutto il Mediterraneo.

E questo è stato dovuto soprattutto al calo degli arrivi in Italia, dal momento che a gennaio sono stati individuati circa 150 migranti, con un calo del 73% rispetto a dicembre e del 96% rispetto al gennaio del 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Il caso che indigna l’Italia: spara contro il ladro d’auto e lo rende invalido: poliziotto deve pagare 60 mila euro

Pubblicato

-

Una giustizia che corre fra paradossi difficili da capire.

Così succede che un ladro deve essere risarcito e il poliziotto che lo ha arrestato costretto a pagare i danni.

E’ questa l’ennesima notizia che indigna l’Italia in queste ore.

Pubblicità
Pubblicità

Era stata di nove mesi la richiesta di condanna per un poliziotto di pattuglia a Torino che nel Novembre 2013 sparò diversi colpi all’indirizzo di un ladro d’auto in corso Unione Sovietica

Megaiver Sulejmanovic, questo il nome del rom che oggi ha 26 anni, secondo quanto descritto dal quotidiano online si trovava al volante di una Fiat Uno rubata

Dopo la sparatoria è rimasto invalido al 60%: piede sinistro paralizzato, cammina con le stampelle e ha problemi alla vescica.

Per il delinquente confermata la condanna a un anno e un mese per il furto.

Il poliziotto invece è stato condannato al risarcimento di 60 mila euro che l’agente deve pagargli in solido con il ministero dell’interno.

Per questa ragione il suo avvocato ha chiesto il pignoramento di un conto corrente al Viminale.

“Nel pomeriggio di lunedì 29 gennaio 2018 – riporta TorinoToday – quando la Corte d’appello di Torino ha pronunciato la sentenza, l’agente, che prima di quell’episodio aveva una carriera senza alcuna macchia e aveva pure ricevuto un encomio, non era in aula: ironia della sorte, è rimasto ferito a una mano proprio fronteggiando un criminale durante il servizio. Anche secondo i giudici d’appello, però, i sette colpi che aveva esploso all’indirizzo dell’auto sono stati troppi rispetto a quello che era il rischio. Da qui l’accusa e la conseguente condanna al reato di lesioni colpose.”

Sotto il servizio approfondito

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Italia ed estero

Malore per Umberto Bossi, è in gravi condizioni

Pubblicato

-

Malore per il fondatore della Lega Nord, Umberto Bossi. 

ISenatùr  si è sentito male nella sua casa di Gemonio.

A quanto si apprende, il 77 enne esponente politico ha avuto un malore ed è caduto, battendo la testa.

PubblicitàPubblicità

Si conoscono ancora pochi dettagli sull’accaduto. L’ex leader della Lega si trova ricoverato in ospedale a Varese e sarebbe in gravi condizioni

Umberto Bossi è stato ricoverato nell’ospedale di Circolo di Varese.

A riferirlo sono fonti del partito di via Bellerio, ma la circostanza del ricovero è confermata anche dai vertici dell’ospedale varesino.

Bossi, 77 anni, è arrivato in pronto soccorso nel pomeriggio trasportato dall’elisoccorso, poi dopo la tac e gli altri accertamenti è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva.

Le sue condizioni sarebbero, come detto, delicate, ma non gravi come si era temuto in un primo momento.

Alcune fonti sostengono che potrebbe aver avuto una crisi epilettica.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza