Connect with us
Pubblicità

Video

Blitz contro il clan nigeriano della droga a Mestre. Impegnati 500 agenti. L’incredibile Video

Pubblicato

-

Una maxi operazione delle forze dell’ordine ha smantellato il clan dei nigeriani padroni del traffico di eroina alla stazione di Mestre.

Il blitz antidroga, con tanto di elicotteri e mezzi blindati, ha visto impegnati nell’intero quartiere Piave – tra via Monte San Michele e via Trento – anche i reparti speciali della polizia, per un totale di cinquecento agenti sul campo.

Il risultato è stato ottenuto e sono finiti in arresto circa una quarantina di persone con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio, riciclaggio e di diversi decessi per overdose registratisi negli ultimi nove mesi a Mestre, nonché delle lesioni personali conseguenti ad altre cessioni.

PubblicitàPubblicità

Inoltre, tre esercizi commerciali della zona si sono visti sospendere l’attività su richiesta del questore di Venezia.

A rendere la droga dei nigeriani un’alchimia letale, come spesso accade in questi casi, era il dosaggio: 40% di eroina purissima da un lato, principio attivo del metorfano dall’altra.

Le carte dell’inchiesta svelano, a mesi di distanza, com’era composta la droga che aveva portato a un incremento esponenziale dei decessi per overdose.

Pubblicità
Pubblicità

Undici, quelli accertati e presi in considerazione dall’inchiesta (le morti per overdosi in città, invece, nell’ultimo anno e mezzo erano state 16): dal 1. luglio 2017 al 4 giugno scorso. A questi, si aggiungono inoltre altri 8 ricoveri, salvati in extremis grazie a un’iniezione di Narcan, il principio.

Ora è stata fatta piazza pulita per la grande felicità dei residenti. 

ESULTA ANCHE SALVINI – Un colpo alla criminalità applaudito, via social, anche dal ministro dell’Interno Matteo Salvini, che su Facebook scrive. “Maxi retata di spacciatore stranieri: da questo pomeriggio, nella provincia di Venezia (in particolare intorno alla stazione di Mestre) e in quelle di Padova, Treviso, Verona e Udine, la Polizia di Stato sta curando l’esecuzione di 41 misure restrittive nei confronti di altrettanti cittadini nigeriani dediti allo spaccio di stupefacenti, tra cui la “eroina killer” che ha causato purtroppo molte morti. In corso anche provvedimenti di sospensione di licenze per esercizi commerciali e Daspo urbani. Grazie alla Polizia per l’ottimo lavoro, e “grazie” ai buonisti che hanno riempito l’Italia di immigrati i quali, in attesa di pagarci le pensioni, spacciano droga…”

Pubblicità
Pubblicità

Speciale elezioni 2018

Barbara Balsamo ospite della puntata de «La Voce del Candidato»

Pubblicato

-

Oggi ospite della puntata de «La voce del candidato» è l’avvocata Barbara Balsamo,  54 anni, del segno del leone, residente a Martignano.

All’età di 9 anni si è trasferita a Trento da Vestone, un paese sul lago d’Idro della provincia di Brescia.

Tra le sue priorità l’istituzione di un garante provinciale dei diritti degli animali, uno sportello di sostegno ai proprietari più anziani e meno abbienti che hanno difficoltà, anche per la crisi, a gestire il proprio compagno a 4 zampe e la prescrizioni e divieto assoluto dell utilizzo di animali nell’accattonaggio.

PubblicitàPubblicità

Il suo obiettivo è anche la realizzazione di un servizio sanitario veterinario provinciale agevolato/gratuito per i casi di interventi d urgenza per incidenti anche stradali ed eutanasia nei casi previsti dalla legge, per tutti anche l’incenerimento se l’ICEF è basso e la tutela dall’avvelenamento in caso di esche avvelenate.

Fra gli obiettivi anche l’attivazione degli strumenti per avvicinare le istituzioni ai cittadini.

La ridistribuzione delle risorse per le politiche sociali e la rivalutazione delle procedure per snellire la burocrazia, che rimane una vera e propria spada di Damocle sulla testa dei cittadini.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Sport

Historique Rally San Martino: in un video il drammatico incidente

Pubblicato

-

Nel filmato la testimonianza del drammatico incidente avvenuto sabato pomeriggio al nono «Historique Rally San Martino» sui tornanti del passo del Manghen.

Un’autovettura nell’affrontare un tornante è uscita di strada, e dopo essersi ribaltata ha preso fuoco schiantandosi sulle rocce.

I due uomini, di 31 e 48 anni, coscienti, sono stati portati in elicottero al Santa Chiara: il navigatore è stato dimesso in serata, l’altro invece rimane ricoverato anche se non è in pericolo di vita.

PubblicitàPubblicità

I piloti coinvolti sono Riccardo Canteri e Pierino Leso, che erano a bordo di una Fiat 131 Racing, 2.000 di cilindrata, della scuderia Scaligera Rallye.

L’impatto dopo l’uscita dalla curva è stato molto forte e la fiat è volata per aria ribaltandosi e appena toccato terra si è incendiata.

I due sono salvi per miracolo.

Pubblicità
Pubblicità

L’intervento dei Vigili del Fuoco è stato decisivo per la loro vita.

Infatti dopo aver spento le fiamme che avevano avvolto l’abitacolo con i due uomini ancora all’interno gli operatori del 115 sono intervenuti con le pinze idrauliche per liberare i due piloti che sono poi stati trasportati in ospedale.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Speciale elezioni 2018

Elezioni provinciale 2018: Cristina Santi ospite de «La voce del Candidato»

Pubblicato

-

Oggi ospite della puntata de «La voce del candidato» è Cristina Santi, 47, segno dell’Ariete, nata Riva del Garda, libera professionista e amministratore unico di alcune società di elaborazione dati e software contabili.

Per Cristina Santi, la primogenita di 3 fratelli, la famiglia è un valore imprescindibile.

Con lei durante la puntata si è parlato di Sanità, viabilità e istruzione, temi molto caldi in Riva al lago di Garda.

PubblicitàPubblicità

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • PubblicitàPubblicità

Categorie

Archivio

di tendenza

fortemalia inserto magazine

fortemalia.it